Telecom Italia: deposito Form 20-F

09/05/2008 - 12:00

- + Text size
Stampa

Si rende noto che l’Annual Report per l’esercizio 2007 su Form 20-F è stato depositato, ai sensi della normativa statunitense, presso la United States Securities and Exchange Commission.
Il documento è disponibile presso la sede della Società e sul sito all’indirizzo: www.telecomitalia.it nonché presso Borsa Italiana S.p.A. (www.borsaitalia.it); copia cartacea può essere richiesta telefonicamente al numero verde 800.020.220 (per chiamate dall’Italia) oppure al numero +39 011 2293603 (per chiamate dall’estero) nonché mediante e-mail all’indirizzo di posta elettronica:corporate.affairs@telecomitalia.it.
I possessori di ADRs quotati alla Borsa di New York e rappresentativi di azioni Telecom Italia dovranno rivolgersi a: JP Morgan Service Center, tel. 1-800-990-1135 (per gli Stati Uniti e Canada) e 001-651-453-2128 (per tutti gli altri paesi).

Milano, 9 maggio 2008

In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008

In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008

In relazione a dichiarazioni apparse su alcune agenzie di stampa in seguito ad un incontro tenuto oggi con le rappresentanze sindacali dall’Amministratore Delegato Franco Bernabé, Telecom Italia smentisce fermamente che nel corso dell’incontro sia stato fatto alcun riferimento da parte dello stesso Amministratore Delegato alla politica dei dividendi, ad aumenti di capitale o alla sostenibilità del debito.


15 febbraio 2008