Telecom Italia: nessuna giustificazione per l’"esproprio" di Entel Bolivia

03/05/2007 - 12:00

- + Text size
Stampa

TELECOM ITALIA: NESSUNA GIUSTIFICAZIONE PER L’”ESPROPRIO” DI ENTEL BOLIVIA



La Società ribadisce che intende intraprendere ogni possibile azione a salvaguardia del proprio investimento


Il Governo boliviano ha avviato la  ri-nazionalizzazione di importanti settori chiave dell’economia, come quelli petrolifero, minerario e delle telecomunicazioni.
Lo schema di intervento messo in atto per recuperare le quote in possesso delle società straniere che a suo tempo parteciparono al processo di privatizzazione di queste aziende, si configura come un vero e proprio “esproprio”, che fa seguito alle pretestuose motivazioni di carattere gestionale in precedenza addotte ed a infondate accuse di comportamenti illegittimi da parte dei soci esteri.

Per quanto riguarda in particolare ETI, controllata al 100% da Telecom Italia, il governo boliviano sta accusando la società di non aver rispettato gli impegni contrattuali sul versante degli investimenti sottoscritti in fase di privatizzazione e di aver effettuato nel 2005 una illegittima riduzione di capitale di Entel, controllata di ETI.

In realtà Entel ha realizzato, ad oggi, usd 720m di investimenti, importo superiore all’impegno contrattuale di usd 610m assunto da ETI con il governo boliviano all’atto della privatizzazione. Il Ministero dello Sviluppo Economico ha d’altra parte certificato con la Risoluzione Ministeriale 194 del 12 agosto 2005 l’assolvimento di tale impegno.

Il Governo boliviano, con il Decreto Supremo 29100 del 23 di aprile 2007, ha abrogato con effetto retroattivo i citati suoi atti relativi alla certificazione degli investimenti della società, ignorando anche le sentenze del Tribunale Costituzionale e collocando, nei fatti, l’operazione sul capitale fuori dal contesto legale in vigore nel 2005.

Va sottolineato che ETI ed Entel hanno all’epoca commissionato varie opinion di esperti boliviani ed internazionali indipendenti per certificare la percorribilità legale, contabile e fiscale dell’operazione di riduzione di capitale di Entel ed hanno ottenuto una certificazione indipendente, da parte della società KPMG, la quale conferma che gli investimenti realizzati sono stati superiori all’impegno contrattuale assunto.

Tra l’altro, la riduzione di capitale fu approvata all’unanimità’ anche dai soci locali (fondi pensione, lavoratori ed altri investitori).
 
E’ pertanto evidente che le accuse rivolte ad ETI/ENTEL siano strumentalmente volte a giustificare azioni unilaterali, da parte del Governo boliviano, finalizzate a prendere il controllo azionario, operativo e gestionale di Entel, in violazione degli accordi firmati tra il Governo boliviano stesso ed ETI al momento della privatizzazione di Entel, delle leggi boliviane e dei trattati internazionali per la protezione degli investimenti stranieri.

La Società ribadisce dunque che intende intraprendere ogni azione possibile a salvaguardia del proprio investimento.