Telecom Italia: Accordo con le Associazioni dei Consumatori per nuove procedure commerciali

23/05/2006 - 12:00

- + Text size
Stampa

Telecom Italia e alcune fra le principali Associazioni dei Consumatori hanno siglato oggi un accordo che definisce nuove modalità per la commercializzazione di prodotti e servizi. 

L’iniziativa rende ancora più trasparente il rapporto tra l’azienda e la propria clientela, introducendo una procedura operativa che permette di “tracciare” in maniera puntuale il contatto telefonico avvenuto con il cliente durante tutte le fasi che caratterizzano la richiesta di acquisto di prodotti e l’attivazione di servizi. Si tratta di un nuovo approccio finalizzato a ridurre la possibilità di eventuali errori e quindi sempre più orientato alla soddisfazione e alla tutela dei clienti. 

Come già avviene attualmente, nel caso in cui dovessero verificarsi errori o fraintendimenti riscontrati durante la fase di acquisizione del servizio, Telecom Italia provvederà, su segnalazione del cliente, a rimborsare nella prima bolletta utile gli importi eventualmente già addebitati. Per rendere ancora più agevole questo contatto, Telecom Italia metterà a disposizione un numero di fax gratuito e un indirizzo mail dedicati. Inoltre il periodo entro il quale il cliente potrà esercitare il diritto di ripensamento viene esteso a due fatturazioni successive all’attivazione del servizio, in luogo degli attuali dieci giorni.
 
Allo scopo di fornire al cliente tutte le informazioni relative alla richiesta di acquisto effettuata telefonicamente, sia direttamente con l’azienda sia attraverso i canali commerciali esterni che operano per conto di essa, Telecom Italia invierà all’interessato una lettera contenente, oltre  agli elementi riguardanti il servizio richiesto (data di attivazione, costi, caratteristiche dell’offerta), anche le modalità con le quali poter esercitare il diritto di ripensamento.

La consegna dei prodotti al domicilio del cliente sarà invece accompagnata da un’apposita distinta di spedizione nella quale verranno riportate tutte le informazioni relative al contenuto del plico (descrizione del prodotto, mittente ecc.) in modo da consentire al destinatario di sapere con immediatezza ciò che sta ricevendo.

Roma, 23 maggio 2006