Telecom Italia: Giudice riconosce posizione dominante di Fastweb

17/05/2006 - 12:00

- + Text size
Stampa

SU RICORSO SOCIETA’ NESSUNA SENTENZA DEFINITIVA DA CORTE D’APPELLO

MAI UTILIZZATI I DATI DEGLI EX CLIENTI NE’ CAMPAGNE “AD HOC” PER RECUPERO CLIENTELA FASTWEB


In merito all’ordinanza cautelare emessa oggi dalla Corte d’Appello di Milano che ha per oggetto il ricorso presentato da Telecom Italia nel quale si lamenta l’abuso di posizione dominante da parte di Fastweb sul mercato della terminazione e la pratica di prezzi gravosi e discriminatori, la società precisa che:

1) il giudice non ha emesso nessuna sentenza definitiva, infatti il provvedimento è nella fase cautelare e si sta ancora valutando l’impugnativa;

2) il giudice ha riconosciuto la posizione dominante di Fastweb;

3) il giudice ha rilevato la mancanza di uno specifico provvedimento dell’Authority nel mercato della terminazione.

Per quanto riguarda invece le istanze presentate da Fastweb sulle strategie di “winback” applicate da Telecom Italia, la società precisa che:

1)  per tal fine non sono mai stati utilizzati i dati degli ex clienti;

2) l’azienda non ha promosso alcuna campagna riservata all’attuale clientela Fastweb per convincerla a ritornare in Telecom Italia. 


Milano, 16 maggio 2006