Riunita l’Assemblea degli azionisti di Telecom Italia

15/12/2015 - 20:22

- + Text size
Stampa
  • NON APPROVATA LA CONVERSIONE DELLE AZIONI DI RISPARMIO IN AZIONI ORDINARIE
  • APPROVATA LA NOMINA DI 4 AMMINISTRATORI, PREVIA RIDETERMINAZIONE DEL NUMERO DEI COMPONENTI DEL CDA DA 13 A 17 MEMBRI
  • NON APPROVATO L’ESONERO DAL DIVIETO DI CONCORRENZA DEI CONSIGLIERI DI NUOVA NOMINA

L’Assemblea ordinaria e straordinaria degli azionisti di Telecom Italia si è riunita oggi sotto la Presidenza di Giuseppe Recchi. L’Assemblea ha registrato la partecipazione del 55,67% del capitale ordinario della Società.

In sede straordinaria, l’Assemblea non ha approvato la proposta di conversione delle azioni di risparmio in azioni ordinarie con le seguenti percentuali di voto: 

  •  62,5% del capitale presente in Assemblea ha votato a favore dell’operazione;
  •  1,5% del capitale presente in Assemblea ha votato contro l’operazione;
  •   36,1% del capitale presente in Assemblea si è astenuto.

Per essere approvata la delibera necessitava del voto favorevole dei 2/3 del capitale presente.

In sede ordinaria, l’Assemblea:

  • ha approvato la proposta del socio Vivendi SA di ampliare il Consiglio di Amministrazione di Telecom Italia da 13 a 17 componenti;
  • ha approvato la nomina di quattro nuovi Amministratori come da lista presentata dal socio Vivendi SA: Arnaud Roy de Puyfontaine, Stéphane Roussel, Hervé Philippe e Félicité Herzog; i nuovi componenti resteranno in carica fino alla scadenza del mandato dell’attuale Consiglio
  • ha approvato di incrementare fino alla scadenza del mandato il compenso complessivo annuo del Consiglio di Amministrazione in misura proporzionale al numero di Amministratori nominati

L’Assemblea infine non ha approvato lo svincolo dei Consiglieri di nuova nomina dal divieto di concorrenza ex art. 2390 c.c.. La relativa proposta ha ottenuto meno della metà (49,7%) dei voti a favore.

L’Assemblea si è chiusa alle ore 17.40.

                                                                ***

A seguito della mancata approvazione della componente obbligatoria dell’operazione di conversione delle azioni di risparmio, è venuto meno l’oggetto della deliberazione sottoposta all’esame dell’Assemblea Speciale degli azionisti di risparmio della Società, già convocata per il giorno 17 dicembre 2015.

 

Milano, 15 dicembre 2015