Telecom Italia: l’Amministratore Delegato Marco Patuano ha illustrato ai sindacati il nuovo piano strategico 2014-2016

19/11/2013 - 20:15

- + Text size
Stampa

L’Amministratore Delegato di Telecom Italia, Marco Patuano, ha incontrato oggi le Organizzazioni Sindacali per illustrare il nuovo piano industriale 2014-2016, focalizzato sull’accelerazione e riqualificazione degli investimenti per le reti di nuova generazione fisse e mobili, sullo sviluppo di servizi innovativi convergenti e sul rafforzamento della situazione patrimoniale.

Nello specifico, il nuovo piano industriale prevede un programma di investimenti che nel triennio 2014-2016 sarà pari a circa 9 miliardi di euro in Italia, di cui 3,4 miliardi destinati alle tecnologie di ultima generazione per lo sviluppo dell’ultrabroadband fisso e mobile, e alla realizzazione di nuovi data center  per il cloud computing.

“Grazie a questo incremento significativo rispetto al precedente piano 2013-2015 degli investimenti innovativi – ha detto Patuano - al 2016 l’NGN raggiungerà oltre il 50% della popolazione; LTE mobile coprirà l’80% della popolazione, dando un notevole contributo al conseguimento degli obiettivi previsti dall’Agenda Digitale europea”.

Patuano ha ricordato che il piano è integrato con misure di supporto volte al rafforzamento patrimoniale del Gruppo che contribuiranno per circa 4 miliardi di euro complessivi. Tali azioni prevedono: l’emissione di bond a conversione obbligatoria in azioni Telecom Italia per un massimale di 1,3 miliardi di euro; la cessione della partecipazione in Telecom Argentina; la valorizzazione delle torri in Italia, delle torri in Brasile e dei multiplex di TI Media.

Per quanto riguarda la rete di accesso, è stata confermata alle Organizzazioni Sindacali, la volontà di proseguire nel progetto di separazione funzionale dell’infrastruttura, dando priorità alla realizzazione del modello di “Equivalence of Input” (EoI)”. “L’Equivalence of Input – ha spiegato Patuano - è coerente con le raccomandazioni della Comunità Europea e rappresenterà un’eccellenza in materia di parità di trattamento nella fornitura di servizi”.

Sul piano internazionale, l’Amministratore Delegato di Telecom Italia ha confermato la strategicità del Brasile che continua a rappresentare per Telecom Italia un mercato core. “Tim Brasil è un attivo strategico del Gruppo dove vogliamo continuare a crescere e aumentare i nostri investimenti. In Brasile, si continuerà a valorizzare la componente tradizionale basata sulla Voce, accelerando al contempo sul segmento Dati attraverso lo sviluppo delle infrastrutture 3G e 4G. I Capex sull’arco di Piano saranno superiori a 11 miliardi di reais”, ha detto Patuano.

Particolare attenzione è stata poi rivolta ai temi legati all’occupazione, allo sviluppo industriale dell’azienda e alle riqualificazioni professionali derivanti dalla crescente spinta all’innovazione tecnologica. Questo avverrà anche grazie ad un percorso di arricchimento del mix professionale e generazionale, ad una più incisiva politica di miglioramento della produttività aziendale e alla semplificazione dei processi anche al fine di tutelare i livelli occupazionali. Tale programma, che tiene fede all’accordo siglato lo scorso 27 marzo, sarà attuato attraverso un continuo confronto con le organizzazioni sindacali.

 

 

Roma, 19 novembre 2013