Telecom Italia: da CdA mandato al management a trattare con Cassa Depositi e Prestiti

06/12/2012 - 19:20

- + Text size
Stampa

Per Telecom Italia Media continua negoziato sulle due offerte ricevute

Il Consiglio di Amministrazione di Telecom Italia, riunitosi oggi sotto la presidenza di Franco Bernabè, ha deliberato di dare mandato al management di verificare le condizioni per un’eventuale partecipazione della Cassa Depositi e Prestiti al capitale di una società da costituire per la gestione della rete d'accesso.

Per quanto concerne il processo di cessione di Telecom Italia Media, il Consiglio di Amministrazione ha esaminato le due offerte ricevute e ha dato mandato al management di negoziare delle condizioni migliorative al fine di presentare al CdA delle offerte vincolanti definitive.

In merito alla manifestazione di interesse avanzata dal signor Naguib Sawiris di investire in Telecom Italia, il Consiglio ha deciso, a seguito delle verifiche effettuate dal management, di non procedere ulteriormente.

Il CdA ha altresì approvato i seguenti punti relativi alla Corporate Governance di Gruppo:

  • Compliance Program

Il Consiglio di Amministrazione ha preso atto dell’avvio di un programma di aggiornamento complessivo del Compliance Program del Gruppo, con focus sul Codice etico e di condotta e sul Modello Organizzativo ex d.lgs. n. 231/2001.

Per quanto riguarda il Codice etico, è stato definito un percorso per step successivi, muovendo dall’integrazione del testo vigente con pochi interventi mirati, per procedere poi, entro il 2013, a una rivisitazione generale del documento. Il Consiglio di Amministrazione ha altresì adottato una specifica policy, quale quadro sistematico di riferimento in materia di divieto di pratiche corruttive.

Entrambi i documenti sono in corso di pubblicazione sul sito internet della Società all’indirizzo http://www.telecomitalia.com/, sezione Governance.

  • Principi di autodisciplina

In sede di adeguamento delle regole interne al Codice di autodisciplina adottato dal Comitato per la corporate governance di Borsa Italiana, il Consiglio di Amministrazione ha abrogato il codice interno della Società, ritenendo che l’evoluzione delle fonti primarie, secondarie e di autodisciplina lo avesse reso nei fatti obsoleto. Nel ribadire l’adesione di Telecom Italia al Codice di Borsa Italiana, nell’edizione del dicembre 2011, il Consiglio di Amministrazione ha approvato pochi Principi di autodisciplina, che derogano e/o integrano il quadro delle regole applicabili con riferimento a compiti e funzionamento degli organi della Società, rinviando per il resto a principi e criteri del Codice di Borsa Italiana.

I Principi di autodisciplina sono in corso di pubblicazione sul sito internet della Società all’indirizzo http://www.telecomitalia.com/, sezione Governance.

Milano, 6 dicembre 2012