Telecom Italia: Emissione Obbligazionaria in due tranches per totali 1,5 miliardi di Euro. Il successo dell'operazione conferma il pieno supporto del mercato dei capitali nei confronti del Gruppo

11/06/2012 - 20:21

  • Archivio Media /
  • Comunicati stampa /
  • Telecom Italia /
  • Telecom Italia: Emissione Obbligazionaria in due tranches per totali 1,5 miliardi di Euro. Il successo dell'operazione conferma il pieno supporto del mercato dei capitali nei confronti del Gruppo
- + Text size
Stampa

Telecom Italia ha concluso con successo il lancio di un’emissione obbligazionaria in due tranches a 3 e 6 anni e mezzo, a tasso fisso per un totale di Euro 1,5 miliardi, destinata ad investitori istituzionali.

L’ottima qualità del book di ordini conferma il favore della comunità finanziaria europea verso il credito Telecom Italia, ed ha permesso non solo di aumentare sensibilmente l’importo dell’emissione ma anche di prezzare la stessa con rendimenti inferiori rispetto alla guidance inizialmente annunciata.

In particolare il costo medio dell’emissione si attesta al 5.462%, in linea con il costo medio del debito.

L’emissione si inserisce nel processo di rifinanziamento del debito in scadenza.

Di seguito i dettagli dell’emissione:

Tranche a 3 anni
Emittente: Telecom Italia S.p.A.
Importo: 750 milioni di Euro
Data di regolamento: 15 giugno 2012
Scadenza: 15 giugno 2015
Cedola: 4.625%
Prezzo di emissione: 99.685%
Prezzo di Rimborso: 100%
Il rendimento effettivo a scadenza è pari a 4.74%, corrispondente ad un rendimento di 378 punti base sopra il tasso di riferimento (mid swap).

Tranche a 6 anni e mezzo
Emittente: Telecom Italia S.p.A.
Importo: 750 milioni di Euro
Data di regolamento: 15 giugno 2012
Scadenza: 14 dicembre 2018
Cedola: 6.125%
Prezzo di emissione: 99.737%
Prezzo di Rimborso: 100%
Il rendimento effettivo a scadenza è pari a 6.184%, corrispondente ad un rendimento di 473 punti base sopra il tasso di riferimento (mid swap).

I titoli saranno emessi nell’ambito del programma EMTN da Euro 20 miliardi del Gruppo e saranno quotati presso la Borsa del Lussemburgo.
 


Milano, 11 giugno 2012