Telecom Italia: esaminata e approvata dal Consiglio di Amministrazione la Relazione Finanziaria annuale al 31 dicembre 2010

24/02/2011 - 20:17

- + Text size
Stampa

I dati consolidati incorporano la Business Unit Argentina a partire dall’ultimo trimestre del 2010

  • Utile netto consolidato: 3.121 milioni di euro (+97,4% rispetto a fine 2009)
  • Indebitamento finanziario netto rettificato: 31.468 milioni di euro, in diminuzione di 2.481 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2009 (33.949 milioni di euro)
  • Proposta distribuzione dividendo in ragione di 5,8 euro cent per le azioni ordinarie e di 6,9 euro cent per le azioni di risparmio, con un incremento di circa 160 milioni di euro rispetto allo scorso esercizio

Bernabè: “Il 2010 è stato un anno di grande trasformazione per Telecom Italia, che ha accresciuto la propria presenza in america latina - ribilanciando così le attività del gruppo rispetto al mercato domestico-, migliorato considerevolmente la struttura patrimoniale e realizzato un rilevante recupero di competitività.”
“Anche quest’anno – prosegue Bernabè – abbiamo raggiunto il target di Ebitda domestico - pari a 9,8 miliardi di euro - e generato oltre 6 miliardi di operating free cash flow a livello di gruppo.”
 

GRUPPO TELECOM ITALIA
 

Ricavi: 27.571 milioni di euro, +2,5% rispetto a fine 2009; -3,8% la variazione organica

Ebitda: 11.412 milioni di euro, +2,7% rispetto a fine 2009

Ebitda organico: 11.801 milioni di euro, +0,1% rispetto a fine 2009

Ebitda margin organico: 42,8% (+1,7pp rispetto a fine 2009)

Ebit: 5.813 milioni di euro, +5,8% rispetto a fine 2009

Utile netto: 3.121 milioni di euro in aumento di 1.540 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2009; non considerando le partite non ricorrenti l’incremento è stato del 18,4% rispetto al 2009

Free cash flow operativo: 6.213 milioni di euro (-85 milioni di euro rispetto al 2009) pari al 22,5% dei ricavi; 6.602 milioni di euro (+304 milioni di euro) escludendo esborsi legati a Sparkle

Indebitamento finanziario netto rettificato: 31.468 milioni di euro in riduzione di 2.481 milioni di euro (33.949 milioni di euro a fine 2009)

 

QUARTO TRIMESTRE 2010
 

Ricavi: 7.672 milioni di euro; +11,2% rispetto al corrispondente periodo del 2009; variazione organica -0,8% rispetto al quarto trimestre del 2009 in netto miglioramento rispetto ai trimestri precedenti: terzo trimestre -4,4%, secondo trimestre -5,3%, primo trimestre -4,9%

Ricavi domestici: 5.036 miliardi di euro (5.043 miliardi di euro in termini organici) -7,2% in termini organici rispetto allo stesso periodo del 2009, in miglioramento rispetto ai trimestri precedenti

I ricavi da servizi mobili hanno registrato -8,9% nell’ultimo trimestre del 2010

Ebitda: 2.937 milioni di euro, in crescita del 13,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente

Ebitda organico: 3.054 milioni di euro, in crescita del 2,7% rispetto al quarto trimestre del 2009 in controtendenza rispetto ai trimestri precedenti

Ebitda margin organico pari a 39,8% in aumento di 1,4 punti percentuali rispetto al quarto trimestre del 2009

Dati Reported (milioni di euro) 2010Y 2009Y Var.% reported Var. % organica
Ricavi 27.571 26.894 2,5% -3,8%
Ricavi senza bu Argentina 26.781 26.894 -0,4% -4,4%
         
EBITDA 11.412 11.115 2,7% 0,1%
EBITDA margin 41,4% 41,3% +0,1 pp +1,7 pp
EBITDA senza bu Argentina 11.168 11.115 0,5% -0,2%
         
EBIT 5.813 5.493 5,8% 5,3%
EBIT margin 21,1% 20,4% +0,7 pp +2,0 pp
         
Operating Free Cash Flow netto 6.213 6.298 -1,3%  
         
Indebitamento finanziario netto rettificato 31.468 33.949 -7,3%
Dati Reported
(milioni di euro)
4Q10 4Q09 Var.%
reported
Var. %
organica
Ricavi 7.672 6.899 11,2% -0,8%
Ricavi senza bu Argentina 6.882 6.899 -0,2% -3,1%
         
EBITDA  2.937 2.589 13,5% 2,7%
EBITDA margin 38,3% 37,5% +0,8 pp +1,4 pp
EBITDA senza bu Argentina 2.693 2.589 4,0% 1,7%

L'evoluzione prevedibile della gestione per l'esercizio 2011 e gli obiettivi finanziari 2011-2013 saranno oggetto di separata comunicazione.

L'illustrazione alla comunità finanziaria dei risultati 2010 e degli obiettivi finanziari 2011-2013 avverrà in una conference call programmata per domani, 25 febbraio 2011, alle ore 10:00 (ora italiana). I giornalisti potranno seguire telefonicamente lo svolgimento della presentazione, senza facoltà di effettuare domande, collegandosi al numero: +39 06 33168.  L’evento potrà essere seguito anche in diretta audio streaming, con slide show, connettendosi alla pagina  www.telecomitalia.com/2010results/ita.  Per coloro che non potranno collegarsi in diretta sarà possibile riascoltare la presentazione fino al 4 marzo 2011, collegandosi al numero: +39 06 334843 (codice di accesso 322791#). Per problemi di connessione è possibile contattare il numero +39 0633444551 oppure +39 06 334844. I documenti relativi alla conference call saranno pubblicati sul sito della società allo stesso indirizzo sopra indicato.


    *************************************

I risultati economico - finanziari del Gruppo Telecom Italia dell’esercizio 2010 e dell’esercizio precedente posto a confronto sono stati predisposti secondo i Principi Contabili Internazionali emessi dall’International Accounting Standards Board e omologati dall’Unione Europea (definiti come “IFRS”).

Il Gruppo Telecom Italia, in aggiunta agli indicatori finanziari convenzionali previsti dagli IFRS, utilizza alcuni indicatori alternativi di performance, al fine di consentire una migliore valutazione dell’andamento della gestione economica e della situazione patrimoniale e finanziaria. In particolare, gli indicatori alternativi di performance si riferiscono a: EBITDA; EBIT; variazione organica dei ricavi, dell’EBITDA e dell’EBIT; indebitamento finanziario netto contabile e rettificato, il cui significato e contenuto sono illustrati in allegato.

Si segnala inoltre che il presente comunicato contiene dichiarazioni previsionali (forward-looking statements) riguardanti intenzioni, convinzioni o attuali aspettative del Gruppo in relazione ai risultati finanziari e ad altri aspetti delle attività e strategie del Gruppo. Il lettore del presente comunicato non deve porre un indebito affidamento su tali dichiarazioni previsionali in quanto i risultati consuntivi potrebbero differire significativamente da quelli contenuti in dette previsioni come conseguenza di molteplici fattori, la maggior parte dei quali è al di fuori della sfera di controllo del Gruppo.

Si precisa infine che l'attività di revisione sul bilancio consolidato e sul bilancio separato di Telecom Italia al 31 dicembre 2010 non è stata ancora completata.

Il Consiglio di Amministrazione di Telecom Italia, riunitosi oggi sotto la presidenza di Gabriele Galateri di Genola, ha esaminato e approvato la relazione finanziaria annuale al 31 dicembre 2010.

L’amministratore delegato Franco Bernabè ha commentato: “Il 2010 è stato un anno di grande trasformazione per Telecom Italia. Il Gruppo ha accresciuto la propria presenza in America Latina - ribilanciando così le attività rispetto al mercato domestico -, ha migliorato considerevolmente la struttura patrimoniale e realizzato un rilevante recupero di competitività.

La continua capacità di recuperare efficienza ci ha permesso di raggiungere gli obiettivi di profittabilità dell’anno e di stabilizzare l’Ebitda del Gruppo per il terzo anno consecutivo nonostante la difficile situazione macroeconomica italiana. Grazie alla generazione di free cash flow di oltre 6 miliardi a livello di Gruppo abbiamo inoltre realizzato una consistente riduzione dell’indebitamento superando i target che ci eravamo dati per il 2010.

La maggiore competitività sul mercato domestico e l’accresciuta presenza in America Latina - ulteriormente consolidata da un incremento del 2,1% nell’economic interest di Telecom Argentina - fanno oggi di Telecom Italia un Gruppo sempre più solido che può permettersi di guardare al futuro con serenità.

Alla luce dei risultati e convinto dell’efficacia delle azioni intraprese, il Consiglio di Amministrazione ha deciso di proporre agli Azionisti un aumento del monte dividendi di circa 160 milioni di euro con la distribuzione di 5,8 euro cent per le azioni ordinarie e di 6,9 euro cent per le azioni di risparmio
.”

I RISULTATI DEL GRUPPO TELECOM ITALIA

Il 13 ottobre 2010 è entrato a far parte del perimetro di consolidamento il gruppo Sofora, a seguito dell’acquisizione dell’8% del capitale sociale di Sofora Telecomunicaciones S.A., holding di controllo del gruppo Telecom Argentina. L’interessenza economica nel Gruppo Telecom Argentina è quindi divenuta pari al 16,2%.  I dati del gruppo Sofora sono rappresentati, nell’ambito del Gruppo Telecom Italia, nella nuova unità di business denominata “Business Unit Argentina”.

I risultati della Business Unit Argentina sono quindi consolidati a partire dall’ultimo trimestre del 2010.

Nel corso del 2010 sono inoltre uscite dal perimetro di consolidamento:

 

  • la società HanseNet Telekommunikation GmbH (operante nelle attività broadband in Germania), già classificata come Discontinued operations (Attività cessate/Attività non correnti destinate ad essere cedute),  la cui cessione è avvenuta il 16 febbraio 2010;
  • la società Elettra (inclusa nella business unit Domestic – International Wholesale), ceduta il 30 settembre 2010
  • il Gruppo BBNed (incluso nelle Altre attività), ceduto il 5 ottobre 2010.

Nel corso del 2009 si erano verificate le seguenti principali variazioni:

  • ingresso in data 30 dicembre 2009 dell’operatore di rete fissa brasiliano Intelig Telecomunicações Ltda, a seguito dell’acquisizione del 100% da parte di Tim Participações, consolidato nell’ambito della business unit Brasile;
  • uscita dal perimetro di consolidamento dal 1° maggio 2009 della società Telecom Media News S.p.A., a seguito della cessione della quota del 60% della stessa da parte di Telecom Italia Media S.p.A.

I ricavi dell’esercizio 2010 ammontano a 27.571 milioni di euro, con un incremento del 2,5% rispetto a 26.894 milioni di euro dell’esercizio 2009 (+677 milioni di euro) grazie al consolidamento, nell’ultimo trimestre del 2010, della Business Unit Argentina (798 milioni di euro) e per l’effetto del cambio Real/Euro della Business Unit Brasile. In termini di variazione organica i ricavi consolidati si sono ridotti del 3,8% (-1.083 milioni di euro).

In dettaglio, la variazione organica dei ricavi è calcolata:

  • includendo nel 2009  Intelig Telecomunicações Ltda (business unit Brasile) per 253 milioni di euro e nel solo ultimo trimestre del 2009, la  business unit Argentina per 642 milioni di euro;
  • escludendo l’effetto delle variazioni dei cambi (+902 milioni di euro), principalmente dovuti alla variazione positiva dei cambi della business unit Brasile (pari a +890 milioni di euro);
  • escludendo, nell’esercizio 2009 e nell’esercizio 2010, altri ricavi non organici pari rispettivamente a 17 milioni di euro e a 7 milioni di euro.

Il dettaglio dei ricavi ripartiti per settore operativo è il seguente:

  2010 2009 Variazioni
(milioni di euro)   peso %   peso % assolute % %
organica
Domestic 20.068 72,8 21.663 80,5 -1.595 -7,4 -7,4
-  Core Domestic 19.065 69,1 20.580 76,5 (1.515) (7,4) (7,4)
-  International Wholesale 1.569 5,7 1.710 6,4 (141) (8,2) (8,4)
Brasile 6.199 22,5 4.753 17,7 1.446 30,4 5,1
Media, Olivetti e Altre Attività 713 2,6 670 2,5 43 6,4  
Rettifiche ed Elisioni (199) (0,8) (192) (0,7) (7) (3,6)  
Totale consolidato (esclusa Argentina) 26.781 97,1 26.894 100,0 (113) (0,4) (4,4)
Argentina 798 2,9 - - 798 - 24,3
Rettifiche ed Elisioni (8) -     (8)    
Totale consolidato 27.571 100,0 26.894 100,0 677 2,5 (3,8)

L’EBITDA è pari a 11.412 milioni di euro e aumenta, rispetto al 2009, di 297 milioni di euro (+2,7%), con un’incidenza sui ricavi del 41,4% (41,3% nell’esercizio 2009). In termini organici l’EBITDA è sostanzialmente stabile (+0,1%) mentre l’incidenza sui ricavi si incrementa di 1,7 punti percentuali (42,8% nell’esercizio 2010 a fronte del 41,1% nell’esercizio 2009).

Il dettaglio dell’EBITDA e dell’incidenza percentuale del margine sui ricavi, ripartiti per settore operativo, è il seguente:

  2010 2009 Variazioni
(milioni di euro)   peso %   peso % assolute % %
organica
Domestic 9.393 82,3 9.883 88,9 -490 -5 -2,9
% sui Ricavi 46,8   45,6   1,2 pp   2,3 pp
Brasile 1.801 15,8 1.255 11,3 546 43,5 16,6
% sui Ricavi 29,1   26,4   2,7 pp   2,9 pp
Media, Olivetti e Altre Attività -27 -0,2 -26 -0,2 -1 3,8  
Rettifiche ed Elisioni 1 - 3 - -2 -  
Totale consolidato (esclusa Argentina) 11.168 97,9 11.115 100 53 0,5 -0,2
% sui Ricavi 41,7   41,3   0,4 pp   1,7 pp
Argentina 245 2,1 - - 245   16,2
% sui Ricavi 30,7            
Rettifiche ed Elisioni -1 - - - -1 -  
Totale consolidato 11.412 100 11.115 100 297 2,7 0,1
% sui Ricavi 41,4   41,3   0,1 pp   1,7 pp
               

L’EBIT è pari a 5.813 milioni di euro, con un incremento di 320 milioni di euro rispetto all’esercizio 2009 (+5,8%), e un’incidenza sui ricavi in aumento di 0,7 punti percentuali (dal 20,4% dell’esercizio 2009 al 21,1% dell’esercizio 2010). La variazione organica dell’EBIT è positiva per 316 milioni di euro (+5,3%) e l’incidenza sui ricavi è cresciuta al 22,6% nell’esercizio 2010 rispetto al 20,6% dell’esercizio 2009.

La componente finanziaria, la gestione partecipazioni e la valutazione ad equity delle società collegate registrano un miglioramento complessivo, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, di 468 milioni di euro. In particolare, la gestione partecipazioni recepisce l’impatto positivo per l’adeguamento al fair value della quota di partecipazione già detenuta nel gruppo Sofora (266 milioni di euro). Il saldo proventi/oneri finanziari migliora di 96 milioni di euro, principalmente per effetto dei minori tassi e della riduzione dell’indebitamento finanziario netto.

Escludendo il beneficio di oltre 600 milioni di euro derivante dal riconoscimento di imposte differite attive in Brasile relative a perdite pregresse divenute recuperabili, le imposte sul reddito sono sostanzialmente stabili rispetto all’esercizio 2009.

L’utile netto consolidato è pari a 3.121 milioni di euro, sostanzialmente raddoppiato (+97,4%) rispetto al 2009 (1.581 milioni di euro), anche grazie all’impatto positivo connesso all’acquisizione del controllo della BU Argentina (in particolare l’applicazione dei principi contabili IAS/IFRS -IFRS 3 revised- che ha determinato un effetto netto positivo una tantum di 266 milioni di euro) e al citato beneficio di imposte differite attive in Brasile. Anche escludendo i citati impatti positivi e le altre partite non ricorrenti, l’utile netto risulta superiore del 18,4% (+405 milioni di euro) rispetto al dato omogeneo dell’esercizio 2009.

Gli investimenti industriali sono pari a 4.583 milioni di euro, con un incremento di 40 milioni di euro rispetto all’esercizio 2009, e sono così ripartiti:

  2010 2009 Variazioni
(milioni di euro)   peso %   peso %  
Domestic 3.106 67,8 3.515 77,4 -409
Brasile  1.216 26,5 964 21,2 252
Media, Olivetti e Altre Attività 76 1,7 64 1,4 12
Rettifiche ed elisioni -3 -0,1 - - -3
Totale consolidato (esclusa Argentina) 4.395 95,9 4.543 100 -148
% sui Ricavi 16,4   16,9   (0,5)pp
Argentina 188 4,1 - - 188
Totale consolidato
 
4.583 100 4.543 100 40
% sui Ricavi 16,6   16,9   (0,3)pp
           

In particolare alla significativa riduzione degli investimenti industriali della Business Unit Domestic (-409 milioni di euro; -11,6%), che beneficia anche degli effetti dei piani di riduzione di costi e investimenti già avviati nel corso del 2009, si è contrapposto l’ingresso nel perimetro di consolidamento della Business Unit Argentina (+188 milioni di euro), e l’incremento nella Business Unit Brasile che risente, oltre che della variazione del cambio Real/Euro (+180 milioni di euro), dei maggiori investimenti per lo sviluppo della rete e della piattaforma IT.
 

Il flusso di cassa della gestione operativa è pari a 6.213 milioni di euro, in diminuzione di 85 milioni di euro rispetto al 2009 e sconta gli esborsi legati alla vicenda Sparkle (389 milioni di euro rispetto ad un totale di 418 milioni di euro: la restante parte di 29 milioni di euro ha avuto un impatto sulle partite di natura non operativa, in quanto relativa a interessi finanziari).

Escludendo tale impatto l’operating free cash flow del periodo (6.602 milioni di euro) si incrementa di 304 milioni di euro rispetto al 2009 (6.298 milioni di euro); l’operating free cash flow del quarto trimestre risulta in incremento di 396 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo del 2009.

L’indebitamento finanziario netto rettificato (esclusi gli effetti meramente contabili e non monetari derivanti dalla valutazione al fair value dei derivati e delle correlate attività/passività finanziarie) è pari a 31.468 milioni di euro, in diminuzione di 2.481 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2009 (33.949 milioni di euro).  Nel quarto trimestre 2010 l’indebitamento finanziario netto rettificato è diminuito di 1.517 milioni di euro.

Le operazioni di cessione di partecipazioni e la rigorosa disciplina finanziaria hanno consentito di ottenere tale miglioramento neutralizzando anche gli esborsi derivanti dal pagamento di imposte per 1,4 miliardi di euro, dalla distribuzione dei dividendi per 1,1 miliardi di euro, nonché dal citato pagamento all’Agenzia delle Entrate per complessivi 418 milioni di euro.

L’indebitamento finanziario netto contabile è pari a 32.087 milioni di euro e diminuisce di 2.660 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2009 (34.747 milioni di euro).

Il margine di liquidità al 31 dicembre 2010 ammonta a 6,8 miliardi di euro. Nel corso dell’esercizio 2010 è stata effettuata una nuova emissione obbligazionaria sul mercato europeo pari a 1,25 miliardi di euro e per circa 5,8 miliardi di euro si è proceduto a rimborsi e riacquisti di debito. Alla liquidità si aggiungono inoltre 7,8 miliardi di euro di disponibilità su linee di credito a lungo termine non revocabili (di cui 6,5 miliardi di euro con scadenza 2014 e 1,25 miliardi di euro, relativi alla linea di credito sottoscritta a febbraio 2010, con scadenza 2013), non soggette a eventi che ne limitino l’utilizzo. Nel presente contesto di incertezza dei mercati finanziari, il Gruppo Telecom Italia mantiene un elevato livello di copertura finanziaria, ottimizzando, nel contempo, il costo medio dell’indebitamento.

Il personale del Gruppo al 31 dicembre 2010 è pari a 84.200 unità, di cui 58.045 in Italia.

I RISULTATI DELLE BUSINESS UNIT

I dati del Gruppo Telecom Italia sono esposti nel presente comunicato stampa sulla base dei seguenti settori operativi:

  • Business Unit Domestic: comprende le attività domestiche dei servizi di fonia e dati su rete fissa e mobile per clienti finali (retail) ed altri operatori (wholesale), le attività del Gruppo Telecom Italia Sparkle (International Wholesale), nonché le relative attività di supporto;
  • Business Unit Brasile: comprende le attività di telecomunicazioni in Brasile;
  • Business Unit Argentina: comprende le attività di telecomunicazioni fisse (Telecom Argentina) e mobili (Telecom Personal) in Argentina, e mobili (Nucleo) in Paraguay;
  • Business Unit Media: comprende attività e gestioni di reti televisive;
  • Business Unit Olivetti: comprende le attività di realizzazione di sistemi digitali per la stampa e di prodotti per ufficio e di servizi per l’Information Technology;
  • Altre attività: comprendono le imprese finanziarie e le altre società minori non strettamente legate al “core business” del Gruppo Telecom Italia.

A seguito della cessione nel mese di febbraio 2010 di HanseNet, già classificata fra le Discontinued Operations, la Business Unit European BroadBand non viene più esposta, mentre le altre società della business unit sono confluite nell’ambito delle Altre attività, sino alla loro cessione avvenuta a ottobre 2010.

A partire dal 1 gennaio 2010 le società Shared Service Center e HR Services, precedentemente consolidate nelle Altre attività, sono entrate a far parte del perimetro della Business Unit Domestic.

Per omogeneità di confronto, l’informativa per settore operativo dei periodi posti a confronto è stata coerentemente rielaborata.

I dati al 31 dicembre 2010 di Telecom Italia Media e i relativi eventi successivi al 31 dicembre 2010 sono stati riportati nel comunicato stampa diramato il 23 febbraio 2011, a valle del Consiglio di Amministrazione della Società che li ha approvati.

DOMESTIC

I ricavi, pari a 20.068 milioni di euro, si riducono del 7,4% (-1.595 milioni di euro) rispetto all’esercizio 2009. A livello organico la variazione è del -7,4%.

Nel dettaglio:

Ricavi Core Domestic
 

I ricavi Core Domestic sono pari a 19.065 milioni di euro e registrano un decremento del 7,4% (-1.515 milioni di euro) rispetto all’esercizio 2009. A livello organico, la variazione è del -7,4%.

Relativamente ai segmenti di mercato si segnalano le seguenti dinamiche rispetto all’esercizio 2009:

  • Consumer: il segmento presenta una flessione dei ricavi pari a 1.260 milioni di euro (-11,5%), di cui 1.003 milioni di euro (-9,5%) relativi a ricavi da servizi e 257 milioni di euro a ricavi da vendita prodotti. La riduzione dei ricavi da servizi è quasi interamente riconducibile alla diminuzione dei ricavi da servizi tradizionali voce, in particolare su fonia Fisso (-394 milioni di euro, di cui -212 milioni di euro sul traffico e -123 milioni di euro sui ricavi da accesso) e su voce uscente Mobile
     (-486 milioni di euro). Infatti, il mercato Consumer continua a essere caratterizzato da accese dinamiche competitive, a fronte delle quali sono state avviate - già a fine 2009 - nuove politiche commerciali finalizzate al recupero di competitività dell’offerta tramite schemi tariffari più chiari e convenienti. Grazie a queste azioni nel corso del 2010 è stata arrestata la contrazione della customer base e sono stati creati i presupposti per un miglioramento del trend nei prossimi mesi. Inoltre, la contrazione di fatturato è attribuibile anche all’andamento dei ricavi da terminazione
    (-168 milioni di euro, di cui -111 milioni di euro riconducibile all’effetto della riduzione delle tariffe) e da messaging Mobile (-84 milioni di euro, a fronte delle stesse dinamiche suindicate per i ricavi voce uscente). Per quanto riguarda i servizi Internet invece si registra una variazione positiva rispetto al 2009, grazie alla continua crescita dei servizi BroadBand sia sul Fisso (+80 milioni di euro di ricavi da accesso ADSL), sia sul Mobile (+47 milioni di euro);
  • Business: il segmento presenta una contrazione dei ricavi pari a 221 milioni di euro (-5,9%) che conferma il trend di graduale recupero già osservato nei trimestri precedenti e migliora sensibilmente rispetto alla riduzione registrata nel precedente esercizio (-9,6%). Questo andamento migliore - più incisivo nel comparto fisso che in quello mobile - è frutto delle politiche commerciali, avviate già nella seconda metà del 2009, in particolare con l’offerta Impresa Semplice, orientate al contenimento dell’erosione della customer base sia del fisso che del mobile e ad una maggiore qualità dei clienti acquisiti. Nel comparto Fisso, gli Accessi Fonia presentano una flessione annua pari a circa 106.000 accessi, in riduzione rispetto al 2009 (-235.000 accessi circa), di cui 27.000 circa nel quarto trimestre. Gli Accessi BroadBand registrano un incremento annuo di 67.000 (+38.000 nel 2009), di cui 12.000 circa nel quarto trimestre. L’incremento annuo nel comparto Mobile è pari a 294.000 linee, di cui 73.000 nel quarto trimestre;
  • Top: il segmento presenta una riduzione dei ricavi pari a 177 milioni di euro (-4,8%) con un trend di graduale recupero rispetto ai trimestri precedenti grazie - in particolare - al livello sostenuto delle vendite di prodotti, fenomeno ricorrente nelle dinamiche commerciali dell’ultimo trimestre. I ricavi del Fisso presentano una contrazione del 7,8% dovuta all’andamento dei comparti Fonia e Dati che più risentono della difficoltà del quadro macroeconomico complessivo e della crescente pressione sui prezzi. Il comparto ICT, di contro, evidenzia segnali di sostanziale tenuta grazie a offerte personalizzate rispetto alle esigenze dei clienti. Nel comparto Mobile si conferma la dinamica di crescita dei ricavi (+7,8%) sostenuta sia dalla continua espansione della customer base che dalla crescita dei VAS (+16,4% circa);
  • National Wholesale: l’incremento dei ricavi (+80 milioni di euro, +4,0%) è generato dalla crescita della customer base degli OLO (Other Licensed Operators) sui servizi Unbundling del Local Loop, Wholesale Line Rental e Bitstream.

Ricavi International Wholesale

Nel corso del 2010 International Wholesale (Gruppo Telecom Italia Sparkle) ha realizzato ricavi pari a 1.569 milioni di euro, in flessione di 141 milioni di euro (-8,2%) rispetto allo stesso periodo del 2009. Tale flessione è quasi interamente ascrivibile al business fonia (-132 milioni di euro) che sconta sia la forte pressione sui prezzi indotta dalla competitività di mercato sia le azioni di razionalizzazione del settore basate su un approccio più selettivo del portafoglio clienti. I ricavi IP&Data, sono sostanzialmente in linea con l’esercizio precedente, mentre si presentano in leggera crescita i ricavi Multinational Client Services. Il 30 settembre 2010 è stata ceduta la società Elettra che ha pertanto contribuito ai ricavi di International Wholesale solo per i primi nove mesi del 2010 e non per l’intero esercizio come nel 2009 (la contribuzione al Gruppo nel quarto trimestre 2009 era pari a 9 milioni di euro).
 

Oltre alla vista sintetica per segmento di mercato sopra riportata vengono di seguito fornite le informazioni commerciali articolate per tecnologia (fisso/mobile).

RICAVI TELECOMUNICAZIONI FISSE
 

I ricavi sono pari a 14.116 milioni di euro e presentano una riduzione rispetto all’esercizio precedente di 623 milioni di euro (-4,2%). La variazione dei ricavi a livello organico è negativa per 635 milioni di euro
(-4,3%). Questo andamento è dovuto principalmente alla riduzione della Fonia tradizionale, solo in parte compensata dalla crescita di Internet.

A fine 2010 la consistenza degli accessi retail è di 15,4milioni; si segnala il miglioramento del trend di riduzione delle linee nel quarto trimestre 2010 (-233.000 linee) rispetto al corrispondente periodo del 2009 (-260.000); in totale la riduzione delle linee per l’anno 2010 è stata pari a 746.000, inferiore rispetto al dato del 2009 (-1.255.000).

Il portafoglio clienti Wholesale aumenta e raggiunge circa 6,8 milioni di accessi (+613.000 rispetto al 31 dicembre 2009).

Il portafoglio complessivo BroadBand, al 31 dicembre 2010, è pari a circa 9,1 milioni di accessi (+317.000 rispetto al 31 dicembre 2009), di cui circa 1,9 milioni di wholesale.

Fonia Retail

I ricavi del comparto Fonia Retail sono pari a 6.133 milioni di euro, in flessione di 671 milioni di euro
(-9,9%) rispetto all’esercizio 2009.

I ricavi di questo settore di business risentono - su tutti i segmenti di mercato - della fisiologica riduzione della base clienti, peraltro in costante rallentamento grazie anche al lancio delle nuove offerte “Voce senza limiti” sul segmento Consumer. A questo si aggiunge l’effetto sostituzione del Fisso con il Mobile e la riduzione delle tariffe regolamentate di terminazione fisso-mobile. Si segnala comunque che la contrazione dei ricavi da accesso nel comparto retail (-229 milioni di euro) è in parte compensata, nel business domestico, dallo sviluppo dei servizi Wholesale nazionali (+95 milioni di euro sulla componente dei Servizi Intermedi Regolamentati quali Unbundling del Local Loop e Wholesale Line Rental).

Internet

I ricavi del comparto Internet sono pari a 1.751 milioni di euro, in aumento di 44 milioni di euro rispetto al 2009 (+2,6%), grazie alla crescita del Broadband il cui portafoglio complessivo di accessi retail sul mercato domestico ha raggiunto i 7,2 milioni, in crescita di 175.000 unità rispetto a fine 2009. La clientela che aderisce a offerte flat ha raggiunto un’incidenza dell’86% sul totale portafoglio clienti retail broadband (83% a fine 2009) anche grazie allo sviluppo delle nuove offerte rivolte al segmento Consumer “Internet senza limiti” e “Tutto senza limiti”.

Business Data

I ricavi del comparto Business Data, pari a 1.655 milioni di euro, diminuiscono, rispetto al 2009, di 75 milioni di euro (-4,3%) e riflettono sia l’attuale congiuntura economica negativa sia la contrazione dei prezzi sui business tradizionali delle leased lines e trasmissione dati. In particolare, sul comparto ICT la riduzione dei ricavi è pari a 13 milioni di euro (-1,6%) a causa della flessione sia nella vendita di prodotti (-6 milioni di euro, legata alla politica di focalizzazione sui ricavi più ad alta marginalità) sia nei servizi (-7 milioni di euro).

Wholesale

Il portafoglio clienti gestito dalla divisione Wholesale nazionale di Telecom Italia ha raggiunto a fine 2010 6,8 milioni di accessi per i servizi di fonia e circa 1,9 milioni per i servizi broadband. Complessivamente i ricavi da servizi Wholesale nazionale sono pari a 3.053 milioni di euro e presentano, rispetto al 2009, una crescita di 165 milioni di euro (+5,7%). L’evoluzione dei ricavi del comparto è correlata allo sviluppo della base clienti degli operatori alternativi servita attraverso le diverse tipologie di accesso. I ricavi dell’intero comparto Wholesale sono pari a 4.171 milioni di euro al 31 dicembre 2010. I ricavi verso terzi della divisione Wholesale internazionale sono pari a 1.118 milioni di euro.

RICAVI TELECOMUNICAZIONI MOBILI

I ricavi delle Telecomunicazioni Mobili dell’anno 2010 sono pari a 7.692 milioni di euro con una flessione di 905 milioni di euro (-10,5%) rispetto allo stesso periodo del 2009: i ricavi da servizi hanno registrato una riduzione dell’8,4% mentre i ricavi da prodotti del 46,9%. Si evidenzia tuttavia che a seguito delle iniziative commerciali intraprese prevalentemente sul segmento Consumer –rimodulazione delle promozioni più aggressive, spinta sulle offerte bundle e migrazione più selettiva da parte del CRM- a partire dall’ultimo trimestre del  2010 si è registrato un miglioramento della dinamica dei ricavi da servizio (-8,9%).

Al 31 dicembre 2010 il numero delle linee mobili di Telecom Italia è pari a circa 31,0 milioni, in crescita di 162.000 linee rispetto al 31 dicembre 2009, dopo diversi anni di calo.
 

Fonia uscente
 

I ricavi sono pari a 4.033 milioni di euro e diminuiscono, rispetto al 2009, di 550 milioni di euro (-12,0%). Le politiche commerciali avviate nel quarto trimestre del 2009, indirizzate a ricondurre l’offerta su livelli

maggiormente competitivi stimolando, in particolare, il traffico all’interno della community dei clienti TIM, hanno solo parzialmente beneficiato del recupero in volume a fronte della rilevante riduzione dei prezzi.  È da notare come rispetto ai primi nove mesi del 2010, dove si era registrata una variazione del -12,5% dei ricavi a fronte di una crescita dei volumi di traffico del +6,7%, nel quarto trimestre si evidenzia un miglioramento del trend con una variazione dei ricavi del -10,2% e una crescita dei volumi di traffico del +20,1%.

Fonia entrante

I ricavi, pari a 1.358 milioni di euro, registrano una diminuzione, rispetto al 31 dicembre 2009, di 152 milioni di euro (-10,1%) principalmente per effetto della riduzione dei prezzi di terminazione su rete mobile (-142 milioni di euro nel comparto retail).
 

Servizi a valore aggiunto (VAS)

I ricavi sono pari a 2.045 milioni di euro e registrano un incremento del 1,1% rispetto al 2009. Tale crescita è principalmente attribuibile ai VAS interattivi (+8,4%), grazie specialmente all’apporto dei ricavi da Browsing (+13,2%). L’incidenza dei ricavi VAS sui ricavi da servizi è pari al 27,5%, rispetto al 25% dei due anni precedenti.

Vendita terminali

I ricavi sono pari a 256 milioni di euro e diminuiscono di 226 milioni di euro (-46,9%) rispetto all’anno 2009. A fronte di una strategia di razionalizzazione del portafoglio prodotti finalizzata al recupero di redditività e della forte pressione competitiva del mercato “libero” sui terminali mobili che ha caratterizzato i primi undici mesi dell’anno 2010, nel mese di dicembre si registra un’inversione del trend dovuto principalmente al lancio delle nuove offerte Internet che hanno comportato un aumento delle vendite di device di ultima generazione (smartphone e tablet).

 

  • L’EBITDA della Business Unit Domestic è pari a 9.393 milioni di euro e registra una riduzione di 490 milioni di euro rispetto all’analogo periodo del 2009 (-5,0%). L’incidenza sui ricavi è pari al 46,8%, in aumento di 1,2 punti percentuali rispetto al corrispondente periodo del 2009. La contrazione dei ricavi è in parte compensata dal selettivo controllo della spesa commerciale e dal rigoroso contenimento dei costi fissi.
  • L’EBITDA organico è pari a 9.774 milioni di euro. La variazione organica è negativa per 290 milioni di euro, (-2,9%), con un’incidenza sui ricavi pari al 48,7%, in aumento di 2,3 punti percentuali rispetto a fine 2009.
  • L’EBIT è pari a 5.162 milioni di euro e registra una riduzione di 231 milioni di euro (-4,3%) rispetto al corrispondente periodo del 2009, con un’incidenza sui ricavi pari al 25,7% (24,9% nel 2009). L’andamento dell’EBIT, rispetto a quanto evidenziato nel commento dell’EBITDA, beneficia della riduzione degli ammortamenti per 206 milioni di euro, a seguito delle minori consistenze ammortizzabili per la riduzione degli investimenti verificatasi negli ultimi esercizi. La variazione organica dell’EBIT è negativa per 87 milioni di euro (-1,6% rispetto al corrispondente periodo del 2009).
  • 4 Gli investimenti industriali ammontano a 3.106 milioni di euro con una riduzione di 409 milioni di euro rispetto allo stesso periodo del 2009. L’incidenza degli investimenti industriali sui ricavi è pari al 15,5% (16,2% nel 2009). La riduzione è principalmente attribuibile all’impatto dell’acquisto nel 2009 di parte delle frequenze IPSE (89 milioni di euro) e al proseguimento dei piani di ottimizzazione e razionalizzazione degli investimenti in particolare su Piattaforme di Rete, Piattaforme di Servizio, IT e Service Creation. Ha inoltre contribuito alla riduzione la nuova politica commerciale sui terminali mobili, più selettiva e focalizzata su clienti ad alto valore.
  • Il personale è pari a 56.530 unità.

 

BRASILE (cambio medio real/euro 2,33215)
 

I ricavi dell’esercizio 2010 sono pari a 14.457 milioni di reais, superiori di 1.296 milioni di reais (+9,8%) rispetto all’esercizio 2009, la crescita organica è del 5,1%. In particolare, i ricavi da servizi dell’esercizio 2010 si attestano a 13.571 milioni di reais, in crescita rispetto ai 12.234 milioni di reais dell’anno precedente (+10,9%). L’ARPU, ricavo medio mensile per cliente, a dicembre 2010 è pari a 23,7 reais rispetto ai 26,6 reais di dicembre 2009. Le linee complessive, al 31 dicembre 2010, sono pari a 51,0 milioni, in crescita del 24,1% rispetto al 31 dicembre 2009, corrispondenti a una market share del 25,1%.

L’EBITDA, pari a 4.201 milioni di reais, è superiore di 725 milioni di reais rispetto all’esercizio 2009 (+20,9%); l’incidenza sui ricavi è pari al 29,1%, superiore di 2,7 punti percentuali rispetto all’esercizio 2009. Tale risultato è stato conseguito da un lato grazie alla crescita della marginalità dei ricavi, dovuta all’espansione delle direttrici di traffico “on net” e allo sviluppo dei ricavi da servizi avanzati, e dall’altro attraverso politiche di vendita che hanno ridotto il livello di sussidio del terminale e il recupero di efficienza complessiva nelle aree di costo non direttamente correlate allo sviluppo del business. La variazione organica dell’EBITDA, rispetto all’esercizio 2009, è pari a +599 milioni di reais (+16,6%), con un’incidenza sui ricavi del 29,1% (26,2% nel 2009).

L’EBIT è pari a 1.597 milioni di reais (+1.017 milioni di reais rispetto all’esercizio 2009). Tale risultato è attribuibile alla maggior contribuzione dell’EBITDA rispetto all’esercizio 2009 e alla riduzione degli ammortamenti per 285 milioni di reais. La variazione organica dell’EBIT, rispetto all’esercizio 2009, è positiva di 985 milioni di reais, con un’incidenza sui ricavi dell’11,0% (4,5% nel 2009).

Gli investimenti industriali del 2010 ammontano a 2.836 milioni di reais, con un aumento di 165 milioni di reais rispetto al 2009, dovuto principalmente ai maggiori investimenti di rete e per le piattaforme IT.

ARGENTINA (cambio medio peso / euro 5,18735): principali risultati della BU a partire dall’ingresso nel perimetro di consolidamento del Gruppo Telecom Italia (13 ottobre 2010)

La Business Unit Argentina (Gruppo Sofora-Telecom Argentina) comprende le attività di telecomunicazioni fisse (Telecom Argentina) e mobili (Telecom Personal) in Argentina, e mobili (Nucleo) in Paraguay. Le linee fisse in servizio (4,1 milioni a fine 2010) registrano un aumento pari a circa l’1% grazie principalmente alle offerte congiunte con i servizi Internet. Nonostante il congelamento dei piani tariffari imposti dalla Legge di Emergenza Economica del 2002, l’ARBU (Average Revenue Billed per User) presenta una crescita del 5% circa rispetto all’esercizio precedente.

Il portafoglio clienti broadband complessivo di Telecom Argentina a fine 2010 ha raggiunto 1.380.000 accessi con un incremento di 166.000 accessi rispetto a fine 2009 con una crescita del 14% circa.
 

In Argentina la base clienti di Personal si è incrementata di 1,9 milioni di unità nel corso del 2010 arrivando a un totale di 16,3 milioni di clienti. Grazie all’acquisizione di clienti ad alto valore e alla chiara leadership nel segmento degli Smartphone, l’ARPU è aumentato del 9% circa su base annua, raggiungendo i 44 pesos (41 pesos nel 2009). In Paraguay la base clienti di Nucleo presenta una crescita di circa il 4% rispetto all’esercizio precedente e a fine 2010 arriva a 1,9 milioni di clienti.
 

I Ricavi ammontano a 4.142 milioni di pesos, in aumento del 24,3% rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente (3.333 milioni di pesos) grazie alla crescita della base clienti media di periodo, sia nel BroadBand  sia nel Mobile, e all’incremento degli ARPU (dovuta, nel caso del mobile, al maggior peso delle componenti VAS e Mobile Internet).
 

L’EBITDA ha raggiunto 1.269 milioni di pesos, registrando un incremento del 16,2% rispetto allo stesso periodo del 2009 (1.092 milioni di pesos). L’EBITDA Margin è pari al 30,6%, in diminuzione rispetto a quello 2009 (32,8%).
 

Gli investimenti industriali ammontano a 975 milioni di pesos, in crescita del 24,0% rispetto allo stesso periodo del 2009 (786 milioni di pesos) e sono prevalentemente dedicati al potenziamento delle infrastrutture di rete fissa e mobile (in particolare per il 3G).
 

Il Personale al 31 dicembre 2010 è pari a 15.650 unità.
 

Nel corso del 2010 la società Telecom Argentina S.A., quotata sia in Argentina sia negli Stati Uniti, è tornata dopo nove anni a distribuire dividendi ai propri azionisti. Nonostante tale esborso e l’incremento dell’ammontare degli investimenti rispetto all’esercizio precedente, la BU Argentina, che registrava un’esposizione debitoria pari a 697 milioni di pesos a fine 2009, ha migliorato la propria Posizione Finanziaria Netta passando a un ammontare di cassa netta di 458 milioni di pesos a fine 2010.

OLIVETTI

I ricavi del 2010 ammontano a 391 milioni di euro e registrano un aumento di 41 milioni di euro rispetto al 2009 (+11,7%). L’aumento è distribuito su tutti i Canali Commerciali, anche grazie ai positivi effetti del rinnovamento dell’offerta legato al riposizionamento strategico dell’azienda sul mercato dell’Information Technology. In particolare è rilevante l’apporto delle vendite delle nuove linee di prodotti (Data Card, Netbook e Notebook) sui canali Telecom Italia e Olivetti.
 

L’EBITDA è negativo per 19 milioni di euro, in calo di 5 milioni di euro rispetto al 2009 a causa degli oneri legati alle procedure di mobilità ex lege 223/91 e altri oneri per esodi agevolati nelle consociate estere.
 

L’EBIT è negativo per 24 milioni di euro, in calo di 5 milioni di euro rispetto al 2009.
 

Gli investimenti industriali del 2010 ammontano a 5 milioni di euro, con un aumento di 1 milione di euro rispetto all’esercizio 2009.
 

Il personale al 31 dicembre 2010 è di 1.090 unità (1.001 unità in Italia e 89 unità all’estero).

                         **********

I RISULTATI DI TELECOM ITALIA S.p.A.

I ricavi sono pari a 18.985 milioni di euro, in diminuzione di 1.489 milioni di euro (-7,3%) rispetto all’esercizio 2009. La variazione organica dei ricavi è pari al -7,3%.
 

Tale risultato risente della fisiologica contrazione dei ricavi da business tradizionali sia nel segmento Consumer (-11,6%), sia nel segmento Business (-5,9%) e nel segmento Top (-4,8%). Si segnala tuttavia una positiva dinamica dei ricavi da servizi innovativi quali il Broadband (fisso e mobile) nel segmento Consumer e Business, mentre il segmento Top registra una forte crescita della componente Mobile soprattutto grazie all’aumento dei VAS (+16,4%). Il segmento National Wholesale ha registrato un incremento dei ricavi pari al 4,0% generato dalla crescita della customer base degli OLO sui servizi Unbundling del Local Loop, Wholesale Line Rental e Bitstream.
 

L’EBITDA è pari a 9.089 milioni di euro e diminuisce di 419 milioni di euro (-4,4%) rispetto all’esercizio 2009. La variazione organica dell’EBITDA è negativa del 2,4% (-232 milioni di euro). L’incidenza dell’EBITDA sui ricavi è cresciuta al 47,9% (46,4% nel 2009); a livello organico l’incidenza sui ricavi è pari al 49,8% (47,3% nel 2009).
 

L’EBIT è pari a 4.969 milioni di euro e diminuisce di 192 milioni di euro (-3,7%) rispetto all’esercizio 2009. La variazione organica dell’EBIT è negativa dello 0,8% (-44 milioni di euro). L’incidenza dell’EBIT sui ricavi è del 26,2% (25,2% nel 2009); a livello organico l’incidenza sui ricavi è pari al 28,1% (26,3% nel 2009).
 

L’utile netto di Telecom Italia S.p.A. è pari a 3.513 milioni di euro, in incremento di 2.114 milioni di euro rispetto al 2009 (1.399 milioni di euro) grazie in particolare ai maggiori dividendi da partecipazioni.
 

Il personale al 31 dicembre 2010 è pari a 49.636 unità.

                       ***************

I RISULTATI DI TELECOM ITALIA S.p.A.

I ricavi sono pari a 18.985 milioni di euro, in diminuzione di 1.489 milioni di euro (-7,3%) rispetto all’esercizio 2009. La variazione organica dei ricavi è pari al -7,3%.
 

Tale risultato risente della fisiologica contrazione dei ricavi da business tradizionali sia nel segmento Consumer (-11,6%), sia nel segmento Business (-5,9%) e nel segmento Top (-4,8%). Si segnala tuttavia una positiva dinamica dei ricavi da servizi innovativi quali il Broadband (fisso e mobile) nel segmento Consumer e Business, mentre il segmento Top registra una forte crescita della componente Mobile soprattutto grazie all’aumento dei VAS (+16,4%). Il segmento National Wholesale ha registrato un incremento dei ricavi pari al 4,0% generato dalla crescita della customer base degli OLO sui servizi Unbundling del Local Loop, Wholesale Line Rental e Bitstream.
 

L’EBITDA è pari a 9.089 milioni di euro e diminuisce di 419 milioni di euro (-4,4%) rispetto all’esercizio 2009. La variazione organica dell’EBITDA è negativa del 2,4% (-232 milioni di euro). L’incidenza dell’EBITDA sui ricavi è cresciuta al 47,9% (46,4% nel 2009); a livello organico l’incidenza sui ricavi è pari al 49,8% (47,3% nel 2009).
 

L’EBIT è pari a 4.969 milioni di euro e diminuisce di 192 milioni di euro (-3,7%) rispetto all’esercizio 2009. La variazione organica dell’EBIT è negativa dello 0,8% (-44 milioni di euro). L’incidenza dell’EBIT sui ricavi è del 26,2% (25,2% nel 2009); a livello organico l’incidenza sui ricavi è pari al 28,1% (26,3% nel 2009).
 

L’utile netto di Telecom Italia S.p.A. è pari a 3.513 milioni di euro, in incremento di 2.114 milioni di euro rispetto al 2009 (1.399 milioni di euro) grazie in particolare ai maggiori dividendi da partecipazioni.
 

Il personale al 31 dicembre 2010 è pari a 49.636 unità.

                       ***************

APPROVAZIONE RELAZIONE FINANZIARIA

Nel votare a favore dell’approvazione della relazione finanziaria, il Consigliere di Amministrazione Luigi Zingales ha rappresentato nondimeno un proprio “voto contrario” al processo di impairment test, in quanto avrebbe preferito che la Società cogliesse l’occasione per effettuare una svalutazione del goodwill.

                             ***************

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI

Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di convocare l’Assemblea degli azionisti per i giorni:

  • 9 aprile, in prima convocazione – parte ordinaria e straordinaria;
  • 11 aprile, in seconda convocazione – parte straordinaria;
  • 12 aprile, in seconda convocazione – parte ordinaria e in terza convocazione – parte straordinaria.

E’ previsto che l’Assemblea abbia luogo il 12 aprile 2011 presso la sede di Rozzano (Milano) Viale Toscana n. 3.

Bilancio - Dividendo

All’Assemblea sarà proposta, con l’approvazione del bilancio d’esercizio, la destinazione dell’utile mediante distribuzione di un dividendo calcolato sulla base dell’importo di 5,8 euro cent per ciascuna azione ordinaria e di 6,9 euro cent per ciascuna azione di risparmio. Il dividendo sarà messo in pagamento dal 21 aprile 2011, con stacco cedola in data 18 aprile 2011.

Nomina Consiglio di Amministrazione

L’Assemblea sarà chiamata al rinnovo del Consiglio di Amministrazione, il cui mandato scade con l’approvazione del bilancio d’esercizio 2010. Il Consiglio di Amministrazione uscente non formula alcuna proposta, rimettendo alle determinazioni dei soci la presentazione delle liste e la definizione del numero dei componenti, della durata in carica e dei compensi.

Aggiornamento delle condizioni economiche dell’incarico di revisione

All’Assemblea degli azionsiti sarà anche sottoposto l’aggiornamento delle condizioni economiche dell’incarico di revisione legale, a seguito delle variazioni del perimetro di consolidamento del Gruppo Telecom Italia. Sulla base della proposta motivata del Collegio Sindacale, l’Assemblea sarà chiamata ad aumentare l’onorario annuale complessivo da riconoscersi a PricewaterhouseCoopers S.p.A., per ciascuno degli esercizi 2011-2018, da euro 1.811.300 a euro 1.891.900 (IVA e spese escluse).

Autorizzazione al buy back
All'Assemblea sarà sottoposta la richiesta di autorizzazione all'acquisto di azioni proprie di risparmio, nei limiti massimi di legge e per un controvalore complessivo non superiore a 800 milioni di euro. Si intende così dotare il Consiglio della possibilità di intervenire sui titoli della Società in relazione a contingenti situazioni di mercato, favorendone la liquidità e l’andamento regolare delle contrattazioni, ovvero anche a esigenze di investimento, nel rispetto sempre della normativa in vigore e delle prassi di mercato ammesse, con facoltà di successivi atti di disposizione.

L'eventuale realizzazione del riacquisto avverrebbe in coerenza con gli obiettivi aziendali di riduzione dell’indebitamento.

La proposta, qualora approvata, non comporterebbe alcun obbligo di acquisto.

Piano di incentivazione a lungo termine 2011

All’Assemblea sarà proposta l’approvazione di un piano di incentivazione e retention denominato “Long Term Incentive Plan 2011”, riservato a una parte selezionata della dirigenza, al Top Management e al nominando Vertice Esecutivo. Il piano prevede premi diversificati per le diverse categorie di destinatari, parametrati sulla componente fissa della rispettiva retribuzione annua e commisurati al livello di raggiungimento di predeterminati obiettivi di performance nel periodo 2011-2013. A servizio del Piano saranno proposte apposite deleghe ad aumentare il capitale sociale, salva la possibilità di  utilizzare azioni proprie, anche acquistate come sopra o già detenute dalla Società.
 

Modifiche al Regolamento Assembleare

Vengono proposte all’Assemblea modifiche al Regolamento Assembleare conseguenti alle variazioni intervenute nel contesto normativo di riferimento, e determinate essenzialmente dal recepimento nell’ordinamento nazionale della c.d. Direttiva Shareholders’ Rights.

Modifiche Statutarie

In sede straordinaria saranno proposte alcune modifiche dello statuto, essenzialmente a completamento degli interventi di adeguamento al già citato recepimento della c.d. Direttiva Shareholders’ Rights.

Le modifiche proposte in particolare attribuiscono al Consiglio di Amministrazione la facoltà di: (i) convocare l’Assemblea in unica convocazione; (ii) convocare l’Assemblea di bilancio entro 180 giorni dalla chiusura dell’esercizio; (iv) consentire l’espressione del voto prima dell’Assemblea in via elettronica; (v) designare per ciascuna Assemblea uno o più rappresentanti cui gli Azionisti possano conferire gratuitamente delega.

Si attribuirà inoltre alle competenze dell’Assemblea ordinaria l’autorizzazione delle operazioni con parti correlate di maggiore rilevanza, in presenza di avviso contrario dei consiglieri indipendenti (come da Procedura per l’effettuazione di operazioni con parti correlate già adottata dal Consiglio di Amministrazione del 4 novembre 2010).

Deleghe per aumentare il capitale a servizio del piano di incentivazione a lungo termine

L’Assemblea sarà infine chiamata ad attribuire al Consiglio di Amministrazione le deleghe per aumentare il capitale sociale per un importo complessivo massimo di euro 15.500.000 a servizio del “Long Term Incentive Plan 2011”, in parte a pagamento e in parte a titolo gratuito, mediante assegnazione di utili.
Tutte le modifiche proposte dello Statuto non comportano ricorrenza del diritto di recesso in capo al socio che non concorra alla loro approvazione.

TEMATICHE DI CORPORATE GOVERNANCE
 

Il Consiglio di Amministrazione ha accertato la sussistenza dei requisiti di composizione dell’organo nella sua collegialità, nonché dei requisiti di indipendenza nelle persone di Paolo Baratta, Roland Berger, Elio Cosimo Catania, Jean Paul Fitoussi e Luigi Zingales.
 

Si segnala che la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari è stata integrata  con una specifica informativa sulla review interna nota come Progetto Greenfield, i cui contenuti sono stati comunicati a Consob.
 

***

Il Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, Andrea Mangoni, dichiara ai sensi del comma 2, articolo 154-bis del Testo Unico della Finanza che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri ed alle scritture contabili.

Allegati al comunicato stampa (file .pdf, 285 KB)