ENRICO PARAZZINI ILLUSTRA ALLA COMUNITÀ FINANZIARIA GLI OBIETTIVI STRATEGICI DI TELECOM ITALIA MEDIA PER IL TRIENNIO 2005 – 2007 (DOPO IL RIASSETTO DEL SETTORE INTERNET)

12/04/2005 - 17:00

  • Archivio Media /
  • Comunicati stampa /
  • Telecom Italia /
  • Enrico Parazzini illustra alla comunità finanziaria gli obiettivi strategici di Telecom Italia Media per il triennio 2005 – 2007 (dopo il riassetto del settore internet)
- + Text size
Stampa

TI Media: prevista nel triennio una crescita media annua dei ricavi pari al 15-20% circa e un risultato operativo ante ammortamenti positivo nel 2007 - gli investimenti programmati del periodo ammontano a 165 milioni di euro (a cui si aggiungono risorse finanziarie per ulteriori 250 milioni derivanti dalla cessione delle attività internet)


Television: attesa una crescita media annua dei ricavi del 25-30% e un
risultato operativo ante ammortamenti positivo nel 2007
Previsti importanti miglioramenti anche per APCom e Buffetti

Enrico Parazzini, Amministratore Delegato di Telecom Italia
Media, presenta oggi alla comunità finanziaria gli obiettivi strategici del Gruppo per il
triennio 2005–2007, dopo il riassetto del settore internet.
Premessa
In data 4 aprile 2005 i Consigli di Amministrazione di Telecom Italia Media e di Telecom
Italia hanno approvato il piano di riassetto delle attività internet del Gruppo, finalizzato a
concentrare in capo a Telecom Italia il presidio del settore, permettendo al contempo a TI
Media di focalizzare la sua attività nel settore dei media e di disporre di adeguate risorse
finanziarie per lo sviluppo del business. In particolare, l’operazione consiste
2
nell’acquisizione per cassa da parte di Telecom Italia degli asset Virgilio e Tin.it, a un
prezzo complessivo di 950 milioni di euro. Le nuove risorse derivanti dalla vendita saranno
utilizzate da Telecom Italia Media per nuovi investimenti nel settore dei media, per un
importo stimato in circa 250 milioni di euro nel triennio 2005-2007; per l’acquisto di azioni
proprie fino a concorrenza dei limiti di legge, per un controvalore di circa 148 milioni di
euro, da eseguirsi entro la prima metà del 2005; per la distribuzione di un dividendo
nell’anno 2006, ad oggi stimabile in circa 550 milioni di euro. Entro fine 2005, inoltre, è
prevista la fusione per incorporazione di La7 Televisioni in TI Media.
Pertanto, tenendo conto della nuova configurazione del Gruppo Telecom Italia Media e con
l’applicazione dei principi contabili IAS/IFRS, nel triennio 2005-2007 si prevede:
􀂃 una crescita media annua dei ricavi pari al 15-20% circa;
􀂃 un risultato operativo ante ammortamenti positivo nel 2007;
􀂃 investimenti programmati pari a 165 milioni di euro.
Come sopra segnalato, dalla cessione di Virgilio e Tin.it a Telecom Italia derivano risorse
finanziarie aggiuntive per 250 milioni di euro, da destinare a ulteriori investimenti.
Television (LA7-MTV)
Nel triennio 2005-2007, con l’applicazione dei principi contabili IAS/IFRS, si prevede:
􀂃 una crescita media annua dei ricavi pari al 25-30%;
􀂃 un risultato operativo ante ammortamenti positivo nel 2007.
Si ritiene di poter raggiungere tali obiettivi attraverso lo sviluppo della tv digitale terrestre,
settore caratterizzato da una rapida evoluzione della tecnologia e dei modelli di business (in
particolare dopo l’avvio dell’offerta pay per view) e il rafforzamento delle posizioni nella tv
analogica sia per LA7 sia per MTV, per le quali si intende proseguire nel percorso di
miglioramento continuo già avviato.
Telecom Italia Media si posiziona oggi come uno dei più attivi operatori del digitale
terrestre, con un multiplex che copre il 70% circa della popolazione italiana e con 560.000
carte prepagate già vendute (nell’ambito dell’offerta calcio in pay per view).
Nel triennio si prevede di estendere e migliorare la copertura, con particolare riferimento al
digitale terrestre, di arricchire l’offerta di contenuti (free e pay) e servizi interattivi.
Avvalendosi delle competenze televisive del Gruppo, inoltre, si potranno sviluppare nuovi
canali (free e pay) al fine di soddisfare il crescente interesse del pubblico verso un’offerta
diversificata (musica, cultura, informazione, intrattenimento ecc.).
News (APCom)
Nel triennio 2005-2007, con l’applicazione dei principi contabili IAS/IFRS, si prevede:
􀂃 una crescita media annua dei ricavi pari al 40% circa;
􀂃 un risultato operativo ante ammortamenti positivo nel 2007.
3
Si ritiene di poter raggiungere tali obiettivi attraverso lo sviluppo di un’offerta multimediale
innovativa e personalizzata (audio/video news), l’ampliamento del portafoglio clienti
istituzionali e l’offerta di nuovi servizi.
Office Products (Buffetti)
Nel triennio 2005-2007, con l’applicazione dei principi contabili IAS/IFRS, si prevede:
􀂃 una crescita media annua dei ricavi pari al 5-10% circa;
􀂃 un’incidenza del risultato operativo ante ammortamenti sui ricavi pari al 9% circa nel
2007 (6,4% nel 2004);
􀂃 un cash flow cumulato pari a 22 milioni di euro.
Si ritiene di raggiungere tali risultati attraverso la crescita nei prodotti e servizi innovativi, il
consolidamento dell’offerta nei prodotti tradizionali, lo sviluppo dei prodotti a marchio
Buffetti (caratterizzati da margini più elevati) e il rafforzamento di tutti i canali di vendita
(diretta e tramite la rete di affiliati).
Indicazioni sul primo trimestre 2005
Secondo le indicazioni preliminari al 31 marzo 2005, confrontate con il primo trimestre
2004, la raccolta pubblicitaria lorda è in aumento sia per LA7 (+23%, da 19 milioni a 23
milioni di euro) sia per MTV (+20%, da 13,5 milioni a 16,2 milioni di euro). Anche i dati
d’ascolto di LA7 migliorano: lo share medio del periodo sale infatti al 2,5% con un
incremento del 13% rispetto al primo trimestre 2004 (2,2%). Nel periodo, APCom ha
proseguito nella crescita dei clienti istituzionali (+18% rispetto all’inizio del 2005) e
Buffetti ha registrato un aumento del 3% delle vendite da rete diretta perseguendo la
strategia multicanale. Per quanto riguarda l’area Internet, nel primo trimestre 2005 i clienti
ADSL di Tin.it sono saliti a 319.000 (+72% rispetto al primo trimestre 2004) e Virgilio ha
registrato 2,3 miliardi di pagine viste (+18% rispetto al primo trimestre 2004).

 

Milano, 12 aprile 2005