Telecom Italia: Approvati dal CdA gli obiettivi strategici del Gruppo per il triennio 2005-07 dopo la Fusione Telecom Italia-TIM e la riorganizzazione del settore Internet

07/04/2005 - 12:00

  • Archivio Media /
  • Comunicati stampa /
  • Telecom Italia /
  • Telecom Italia: Approvati dal CdA gli obiettivi strategici del Gruppo per il triennio 2005-07 dopo la Fusione Telecom Italia-TIM e la riorganizzazione del settore Internet
- + Text size
Stampa

The Telecom Italia securities referred to herein that will be issued in connection with the merger described herein have not been, and are not intended to be, registered under the U.S. Securities Act of 1933 (the Securities Act) and may not be offered or sold, directly or indirectly, into the United States except pursuant to an applicable exemption. The Telecom Italia securities are intended to be made available within the United States in connection with the merger pursuant to an exemption from the registration requirements of the Securities Act.  

APPROVATI DAL CDA GLI OBIETTIVI STRATEGICI DEL GRUPPO
PER IL TRIENNIO 2005-07 DOPO LA FUSIONE TELECOM ITALIA-TIM E LA RIORGANIZZAZIONE DEL SETTORE INTERNET

ATTESA UNA CRESCITA MEDIA ANNUA DEI RICAVI TRA IL 4 ED IL 6% E DEL RISULTATO OPERATIVO TRA IL 7 E IL 9%

SINERGIE DERIVANTI DALL’INTEGRAZIONE CON TIM PER 1,5 MILIARDI DI EURO

A FINE 2007 INDEBITAMENTO FINANZIARIO NETTO IN LINEA CON QUELLO DI FINE 2004
(CIRCA 33 MILIARDI DI EURO IN BASE AI PRINCIPI IAS/IFRS)


 

Il Consiglio di amministrazione di Telecom Italia si è riunito oggi, sotto la presidenza di Marco Tronchetti Provera, per approvare gli obiettivi strategici del Gruppo.

Per il triennio 2005-07, con l’applicazione dei principi contabili IAS/IFRS, si prevede una crescita media annua:
a) dei ricavi tra il 4 e il 6%, a parità di perimetro e cambi;
b) del risultato operativo ante ammortamenti tra il 6 e l’8% a parità di perimetro, cambi ed esclusi oneri non ricorrenti;
c) del risultato operativo, tra il 7 e il 9% a parità di perimetro, cambi ed esclusi oneri non ricorrenti;

Tali obiettivi economici tengono conto anche di parte delle sinergie derivanti dalla fusione con TIM, che complessivamente si stimano pari a 1,5 miliardi di euro nel periodo 2005-07.

Il processo di integrazione tra piattaforme fisse e mobili avviato dal Gruppo permette infatti di cogliere le opportunità derivanti dalla rapida evoluzione dello scenario tecnologico e di rispondere nella maniera più efficace alle crescenti esigenze della clientela che chiede servizi e prodotti di più facile accesso
 
Sul mercato domestico il principale elemento di crescita è costituito dallo sviluppo e dalla diffusione dei servizi innovativi legati alla sempre maggiore disponibilità di banda (ADSL), all’UMTS e al  Digitale Terrestre.

Le competenze che il Gruppo ha sviluppato in Italia rappresentano così il punto di partenza per un’ulteriore creazione di valore nei mercati internazionali dove si intende rafforzare la già solida presenza. In particolare continuerà l’espansione selettiva nel mercato europeo del broadband.

Gli investimenti industriali complessivi nel triennio 2005-07 saranno nell’ordine dei 14 miliardi di euro, oltre il 70% dei quali destinati all’innovazione e allo sviluppo.

L’indebitamento finanziario netto a fine triennio è previsto in linea con quello di fine 2004 (circa 33 miliardi di euro, tenendo conto dei principi IAS/IFRS) e quindi, nel periodo in questione, si prevede che il maggior indebitamento generato dall’OPA su TIM venga assorbito in particolare mediante la generazione di cassa che include totalmente i benefici finanziari derivanti dalle sinergie.

Gli obiettivi strategici del Gruppo Telecom verranno illustrati nel corso del Telecom Day che si terrà il prossimo 12 aprile.

 

Milano, 7 aprile 2005