Telecom Italia International N.V. chiude con successo e anticipatamente l’offerta del 15% di Telekom Austria

05/11/2002 - 10:31

- + Text size
Stampa

A seguito di sostenuta domanda da parte di investitori istituzionali europei e statunitensi, Telecom Italia International N.V. ha chiuso ieri, alla fine della giornata stessa del lancio, il processo di collocamento accelerato -  inizialmente previsto per due giorni -  via private placement di  65 milioni di azioni Telekom Austria AG, con opzione greenshoe di ulteriori 10 milioni di azioni esercitabile entro 30 giorni. Il prezzo di collocamento è stato fissato a € 7.45 per azione, sul limite superiore del range  indicato in giornata agli investitori.  Il regolamento è previsto per venerdì 8 novembre; in caso di esercizio della greenshoe i proventi lordi complessivi saranno € 558.750.000.

L’operazione è stata assistita da JP Morgan, Merrill Lynch e Lehman Brothers in qualità di Global Coordinators. Il sindacato è stato composto da JP Morgan e Merrill Lynch quali Joint Bookrunners e Joint Lead Managers, da Lehman Brothers come Senior Co-Lead Manager, da CA IB come Co-Lead Manager e da Banca IMI e UBM come Co-Managers.

In data odierna sarà inoltrata da Telekom Austria la richiesta di quotazione per 325 milioni di azioni di Telekom Austria AG alla Borsa ufficiale di Vienna. Si prevede che il primo trading delle azioni avrà luogo mercoledì 6 novembre.

Con questa operazione il Gruppo TI si avvicina al completamento del programma di dismissioni per € 5 miliardi a 12 mesi dal suo annuncio, in ampio anticipo rispetto alle indicazioni temporali iniziali di 24 mesi. 

Il presente documento non costituisce né contiene un’offerta di vendita e non sollecita un’offerta di acquisto di titoli negli Stati Uniti, in Austria o in altri paesi. Le azioni ordinarie di Telecom Austria AG  non sono state né saranno registrate in base al Securities Act del 1933 degli Stati Uniti e non saranno offerte o vendute negli Stati Uniti né per conto o a beneficio di persone residenti negli Stati Uniti (come da regolamento definito nella Regulation S del Securities Act del 1933 degli Stati Uniti)  a meno che queste ultime non siano registrate nel Securities Act o abbiano diritto all’ esenzione applicabile da tale registrazione. In Austria le azioni ordinarie sono state offerte esclusivamente a mezzo di offerta non pubblica a una cerchia ristretta di persone nell’ambito del loro business o attività professionale, secondo la Sezione 3/1/11 della Legge di regolamentazione del mercato azionario austriaco.