Telecom Italia cede a Lehman Brothers Merchant Banking le quote negli ex consorzi satellitari per 550 mln di euro e realizza un incasso netto di 450 mln di euro

28/11/2001 - 12:00

- + Text size
Stampa

L’operazione avvia il piano di dismissioni

Buora: "Abbiamo colto un´importante opportunità per dismettere asset non strategici il cui valore non era percepito appieno dal mercato"

Telecom Italia ha siglato un accordo per la cessione delle proprie partecipazioni negli ex consorzi satellitari trasformati in Società per Azioni Eutelsat, Intelsat, Inmarsat e New Skies Satellites pari, rispettivamente, al 20,5%, al 2,8%, al 2,1% e al 3,9%, al fondo chiuso Lehman Brothers Merchant Banking Partners II L.P. ed altri investitori, tra cui, a vario titolo, IntesaBCI, Interbanca e Mediocredito Centrale.

L´operazione avverrà attraverso la costituzione di una nuova società (Newco) cui verranno trasferite le intere partecipazioni di minoranza di Telecom Italia negli ex consorzi satellitari. Lehman Brothers Merchant Banking, successivamente, acquisirà il 70% di Newco.

La valutazione del portafoglio che Telecom Italia cede a Newco è pari a 550 milioni di euro, mentre la stessa Telecom, al netto dell´investimento che effettuerà in Newco, otterrà un incasso pari a 450 milioni di euro e una plusvalenza, al netto delle imposte, di oltre 100 milioni di euro a livello civilistico. Telecom Italia manterrà nella Newco una quota del 30% ed esprimerà un consigliere di amministrazione in Eutelsat e in Newco.

La monetizzazione della quota posseduta nella Newco da Telecom Italia avverrà, presumibilmente, in seguito alla quotazione in Borsa delle Società Eutelsat, Intelsat e Inmarsat.

La cessione delle partecipazioni di minoranza negli ex consorzi satellitari, che hanno una valenza strategica limitata, rientra nelle linee guida del nuovo piano industriale, che è volto alla focalizzazione sul core business, e permette una significativa riduzione dell´indebitamento di Telecom Italia.

Credit Suisse First Boston ha agito in qualità di advisor di Telecom Italia.

L´Amministratore Delegato di Telecom Italia, Carlo Buora, ha dichiarato: "Vorrei esprimere la mia soddisfazione per l´accordo concluso con il fondo di Lehman Brothers, in quanto esso rappresenta un´importante operazione nell´ambito del programma di dismissioni di partecipazioni non core avviato dal gruppo Olivetti-Telecom Italia. Riteniamo di aver colto - ha proseguito Buora - una significativa opportunità per dismettere partecipazioni non strategiche per Telecom Italia, il cui valore ad oggi non è stato percepito appieno dal mercato".

Eutelsat gestisce una rete di 21 satelliti geostazionari, incluso il satellite esistente HotBird posizionato a 13 gradi est. La Società recentemente privatizzata è un operatore FSS leader in Europa che offre un´ampia gamma di servizi broadcasting, consumer, professional telecom e multimediali. Eutelsat è uno dei fornitori di capacità satellitare preferiti dall´industria europea di broadcasting, che fornisce circa 1000 canali televisivi analogici e digitali a 100 milioni di abitazioni via cavo e satellite attraverso Europa, Medio Oriente ed Africa. Lo scorso agosto Eutelsat ha annunciato una partnership strategica con Hispasat, che comprendeva una partecipazione minoritaria nell´operatore satellitare spagnolo.

Intelsat gestisce una rete globale di 21 satelliti e rappresenta una delle maggiori flotte satellitari nel mondo in termini di totale capacità trasponder. Creata ufficialmente nel 1973 Intelsat è diventata un fornitore globale di voce, dati, broadcasting e servizi collegamenti ad internet che raggiungono circa 200 paesi. Intelsat è stata privatizzata nel luglio del 2001.

Inmarsat gestisce una rete globale di 9 satelliti geostazionari, fornisce servizi di comunicazioni mobili, soprattutto ai mercati marittimi e aeronautici. Inmarsat offre servizi voce, fax, Intranet ed accesso Internet ed altri servizi dati attraverso una rete globale di circa 200 distributori e fornitori di servizi che operano in oltre 150 Paesi.

NSS è stata creata come società indipendente nel 1998, in seguito allo scorporo da Intelsat. NSS attualmente gestisce una rete globale di 5 satelliti geostazionari, e fornisce capacità alle telecomunicazioni pubbliche, broadcasting, internet e mercati corporate business. NSS è stata quotata alla borsa di Amsterdam e di New York nell´ottobre del 2000.

Lehman Brothers Merchant Banking Partners II L.P. è un fondo istituzionale con un patrimonio amministrato pari a 2 miliardi di dollari, che si focalizza sugli investimenti in solide società operative. Attraverso alcuni dei suoi principali fondi di investimento, la Lehman Brothers Merchant Bank ha effettuato investimenti nel settore satellitare, broadcasting e in società di telecomunicazioni quali Infinity Broadcasting, L3-Communications e Loral Aerospace-Space Systems/Loral.