Telecom Italia - Seat Pagine Gialle

02/10/2000 - 14:00

- + Text size
Stampa

Telecom Italia e Seat Pagine Gialle, nelle persone dei rispettivi amministratori delegati, hanno avviato lo studio dell´integrazione delle attività Tin.it in Seat nella comune convinzione che si tratti di un´opportunità straordinaria per dare vita ad un leader nella e-economy capace di confrontarsi favorevolmente con i migliori operatori internazionali e di creare così maggior valore per gli azionisti Telecom Italia e Seat Pagine Gialle.

Telecom Italia e i soci della controllante di Seat Pagine Gialle hanno inoltre raggiunto intese preliminari che comportano un incremento, fino al 29,9% circa del capitale ordinario, della partecipazione in Seat Pagine Gialle riferita a Telecom Italia, ad un prezzo pari a Euro 4,5 per azione. Termini, dettagli e struttura dell´integrazione di Tin.it in Seat sono oggetto di studio da parte delle strutture coinvolte per essere proposti quanto prima all´esame dei consigli di amministrazione delle Società.

Allo stato attuale dell´analisi si prevede che Telecom Italia offra agli azionisti ordinari di Seat Pagine Gialle che non intendano partecipare al progetto l´opportunità di aderire ad un´offerta pubblica di acquisto ad un prezzo pari a Euro 4,2 per azione. Nelle valutazioni allo studio è inclusa la possibilità di ricomprendere nell´offerta pubblica le azioni di risparmio Seat Pagine Gialle ad un prezzo che rifletta uno sconto del 30% rispetto al prezzo dell´OPA sulle azioni ordinarie. Sarà comunque concessa la facoltà di conversione delle azioni di risparmio con il medesimo sconto.

Il progetto di integrazione sostituisce, migliorandolo, quello di quotazione di Tin.it. Tuttavia, anche nell´ambito del nuovo progetto, Telecom Italia assicurerà a tutti i suoi azionisti un trattamento privilegiato in coerenza con quanto già annunciato nel corso dell´ultima assemblea.

L´amministratore delegato di Seat Pagine Gialle assicura che l´operazione non comporterà alcun effetto sull´OPAS Buffetti.



Roma-Torino, 10 febbraio 2000