Telecom Italia Media: riunita l’Assemblea degli Azionisti

10/04/2014 - 19:30

- + Text size
Stampa

Approvato il Bilancio 2013
Approvata la Relazione sulla Remunerazione
Nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione
Approvata la proposta di riduzione del capitale sociale per perdite (ex art. 2446 cc)

L’Assemblea degli azionisti di Telecom Italia Media si è riunita oggi sotto la presidenza di Severino Salvemini.

  • Bilancio dell’esercizio 2013

L’Assemblea ha esaminato e approvato il bilancio dell’esercizio 2013: a livello consolidato i ricavi dell’esercizio 2013 ammontano a 72,2 milioni di euro, in diminuzione di 3,0 milioni di euro rispetto all’esercizio 2012 (75,2 milioni di euro). Tale riduzione è sostanzialmente attribuibile alla cessazione, da parte dell’Operatore di Rete, delle attività al servizio delle reti analogiche di LA7 e MTV a seguito dello switch off nazionale completato nel 2012.

L’EBITDA è pari a 30,2 milioni di euro, in riduzione di  2,8 milioni di euro rispetto all’esercizio 2012 (33,0 milioni di euro). Su tale risultato ha influito principalmente la riduzione dei ricavi.

L’EBIT è pari a 1,8 milioni di euro rispetto a -64,0 milioni di euro del 2012; in termini comparabili, escludendo la svalutazione dell’avviamento dell’esercizio 2012 pari a 70,0 milioni di euro, la variazione dell’EBIT 2013 rispetto all’esercizio precedente è di -4,2milioni di euro.

Il Risultato Netto è pari a -132,0 milioni di euro rispetto a -240,9 milioni di euro dell’esercizio 2012.

Per la Capogruppo Telecom Italia Media S.p.A. i ricavi sono stati pari a 680 mila euro,  in diminuzione di 138 mila euro rispetto a 818 mila euro dell’esercizio 2012. L’EBITDA è pari a -5,7 milioni di euro e migliora di 4,5 milioni di euro rispetto all’esercizio 2012 (-10,2 milioni di euro). L’EBIT  è pari a -5,8 milioni di euro, e migliora di 44,8 milioni di euro rispetto all’esercizio 2012 (-50,6 milioni di euro); escludendo la svalutazione dell’avviamento per 40,3 milioni di euro, l’EBIT migliora di 4,5 milioni di euro. Il Risultato Netto è pari a -150,5 milioni di euro, in miglioramento di 27,6 milioni di euro rispetto all’esercizio 2012 (-178,1 milioni di euro).

  • Relazione sulla remunerazione

L’Assemblea ha approvato la prima sezione della Relazione sulla remunerazione ex art. 123-ter del D.Lgs. n. 58/1998.

  • Nomina del Consiglio di Amministrazione

L’Assemblea ha nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione sulla base dell’unica lista presentata dall’azionista Telecom Italia, determinando in nove il numero dei componenti  che resteranno in carica per  tre esercizi, fino all’assemblea convocata per l’approvazione del bilancio al 31 dicembre 2016. Il nuovo Consiglio di Amministrazione è composto da:

  1. Severino Salvemini
  2. Massimo Bergami (indipendente)
  3. Chiara Della Penna (indipendente)
  4. Adriano De Maio (indipendente)
  5. Lorenzo Gorgoni (indipendente)
  6. Valeria Lattuada (indipendente)
  7. Piergiorgio Peluso
  8. Paola Schwizer (indipendente)
  9. Giuseppe Soda (indipendente)

I curricula e le dichiarazioni dei Consiglieri attestanti il possesso dei requisiti d’indipendenza sono disponibili sul sito Internet della Società (www.telecomitaliamedia.it) nella sezione dedicata all’odierna Assemblea.

L’assemblea ha inoltre stabilito in massimi euro 650.000 il compenso complessivo annuo lordo del Consiglio di Amministrazione, ai sensi dell’art. 2389, comma 1, codice civile, da ripartire tra i suoi componenti in conformità alle deliberazioni che saranno in proposito assunte dal Consiglio stesso.

  • Provvedimenti ai sensi dell’art. 2446 del codice

In sede straordinaria l’Assemblea ha approvato la riduzione del capitale sociale per le perdite risultanti dalla situazione patrimoniale della Società al 31 dicembre 2013 pari a 196.648.710,41.

Tale perdita verrà coperta mediante annullamento di complessive numero 1.343.009.473 azioni ordinarie nel rapporto di n. 13 azioni ordinarie ogni n. 14 azioni ordinarie in circolazione e riduzione del capitale sociale da Euro 212.188.324,10 a Euro 15.539.613,69, procedendo contestualmente, per meri fini di quadratura contabile, a riportare a nuovo perdite per Euro 362.709,95 e annullare n. 2 azioni ordinarie detenute dalla controllante Telecom Italia S.p.A..

Tempistiche  e modalità di realizzazione dell’annullamento delle azioni saranno comunicate nel rispetto della normativa vigente.

 

Rozzano (MI), 10 aprile 2014