Telecom Italia Media: approvata dal Consiglio di Amministrazione la relazione finanziaria semestrale del Gruppo al 30 giugno 2013

30/07/2013 - 15:14

- + Text size
Stampa

Nel presente comunicato sono utilizzati alcuni indicatori alternativi di performance non previsti dai principi contabili IFRS (EBITDA, EBIT, Indebitamento Finanziario Netto) il cui significato e contenuto sono illustrati in allegato. Inoltre, in conseguenza della cessione di LA7 S.r.l., perfezionata in data 30 aprile 2013, e della prevista cessione di MTV Italia S.r.l., il cui perfezionamento è previsto entro il mese di settembre 2013, le risultanze economiche sono state classificate, in coerenza con quanto previsto dall’IFRS 5, nella voce “Utile (perdita) netto da attività cessate/destinate ad essere cedute”. Ai fini di una maggiore chiarezza nella rappresentazione dell’andamento economico del Gruppo, i dati storici del conto economico, posti a confronto con il primo semestre 2013, sono stati ricostruiti tenendo conto della classificazione delle risultanze di tali attività come Discontinued Operations.  

RICAVI: 38,6 milioni di euro; +0,9 milioni di euro rispetto al primo semestre 2012 (37,7 milioni di euro)

EBITDA: 18,3 milioni di euro; -1,6 milioni di euro rispetto al primo semestre 2012 (19,9 milioni di euro)

EBIT: 4,1 milioni di euro; -2,9 milioni di euro rispetto al primo semestre 2012 (7,0 milioni di euro)

RISULTATO NETTO: -133,5 milioni di euro (-35,0 milioni di euro nel primo semestre 2012); tale risultato  include il valore delle Discontinued Operations legato alla cessione di La7 S.r.l. e alla prevista cessione di MTV Italia S.r.l.

INDEBITAMENTO FINANZIARIO NETTO: 285,3 milioni di euro (260,1 milioni di euro a fine 2012)

TIMB, con i tre multiplex digitali che coprono il 95% della popolazione italiana, consolida il portafoglio clienti con un incremento dei ricavi e la conferma dei risultati del primo semestre del 2012;  TIMB, inoltre, amplia l’offerta alla propria clientela con l’introduzione di servizi di emissione,  grazie alla realizzazione di un nuovo centro di play-out, di servizi di distribuzione e trasporto di contenuti audio/video digitali e di servizi media interattivi.

Il Presidente Severino Salvemini ha così commentato i risultati: “A seguito della dismissione dei canali televisivi del Gruppo, e incoraggiati dai buoni risultati dell’operatore di rete TIMB, abbiamo raggiunto un assetto industriale focalizzato e sostenibile, di natura infrastrutturale, con flussi di cassa positivi e in buona parte prevedibili. Sarà nostra cura focalizzarci su leadership ed eccellenza tecnologica e, forti del nostro buon posizionamento riconosciuto dal mercato, proporci come il network  operator  indipendente di riferimento, già oggi al servizio di oltre venti canali televisivi”.

***

Roma, 30 luglio 2013

Il Consiglio di Amministrazione di Telecom Italia Media, riunitosi sotto la presidenza di Severino Salvemini, ha esaminato e approvato la relazione finanziaria semestrale del Gruppo al 30 giugno 2013.

In dettaglio:

I ricavi consolidati del Gruppo nel primo semestre 2013 sono pari a 38,6 milioni di euro, con un incremento di 0,9 milioni di euro rispetto allo stesso periodo del 2012 (37,7 milioni di euro). L’incremento è integralmente attribuibile ai maggiori ricavi dell’operatore di rete.

L’EBITDA è pari a 18,3 milioni di euro e si riduce di 1,6 milioni di euro rispetto al primo semestre 2012 (19,9 milioni di euro).

L’EBIT è pari a 4,1 milioni di euro e si riduce di 2,9 milioni di euro rispetto al primo semestre 2012
(7,0 milioni di euro).

Il risultato netto è pari a -133,5 milioni di euro rispetto a -35,0 milioni di euro del primo semestre e comprende l'impatto negativo, comprensivo della perdita netta del periodo, per la cessione di La7 (ceduta a fine aprile 2013), pari a 129,8 milioni di euro e la perdita dei primi sei mesi dell'anno, pari a 8,1 milioni di euro, di MTV Group, che sarà oggetto di cessione entro settembre 2013.

L’indebitamento finanziario netto è pari a 285,3 milioni di euro  (260,1 milioni di euro a fine 2012). L’incremento è principalmente imputabile al flusso di cassa netto derivante dalla cessione di La7 (110,7 milioni di euro) e dalla prevista cessione di MTV (12,6 milioni di euro), solo parzialmente compensato dalla rinuncia al credito finanziario da parte di  Telecom Italia, così come previsto nell’ambito dell’operazione di cessione di LA7, per 100,0 milioni di euro. Sono inoltre inclusi il fabbisogno per gli investimenti industriali per 4,1 milioni di euro, il risultato della gestione operativa del periodo  (EBITDA -18,3 milioni di euro e D Working Capital +3,1 milioni di euro) ed esborsi netti per 13,0 milioni di euro che includono sia l’esborso per l’acquisizione di MTV da La7, sia gli oneri finanziari netti del periodo.

Risultati dei settori di attivita’

Come conseguenza della cessione di LA7 s.r.l., perfezionata il 30 aprile, e della prevista cessione di MTV Italia S.r.l. le relative Business Unit sono state classificate nelle Discontinued Operations; è stata pertanto rivista la modalità di rappresentazione delle risultanze economico patrimoniali, isolando la Business Unit Operatore di rete in continuità con l’esercizio precedente.

La Business Unit  Operatore di rete comprende le attività svolte da Telecom Italia Media Broadcasting (TIMB) in relazione alla gestione dei Multiplex Digitali, nonché l’offerta di servizi accessori a società del Gruppo e a soggetti terzi.

Operatore di Rete (TIMB)

I ricavi dell’operatore di rete nel primo semestre 2013 sono pari a 38,6 milioni di euro e aumentano di 0,9 milioni di euro rispetto allo stesso periodo del 2012 (37,7 milioni di euro).

L’EBITDA è pari a 21,6 milioni di euro e si riduce di 0,4 milioni di euro rispetto al primo semestre 2012 (22,0 milioni di euro). Su tale variazione ha influito principalmente l’incremento dei costi operativi imputabili soprattutto ad accantonamenti a Fondi Rischi per crediti commerciali e oneri futuri.

L’EBIT è pari a 7,4 milioni di euro e si riduce di 1,7 milioni di euro rispetto al primo semestre 2012 (9,1 milioni di euro).

Al 30 giugno 2013 i tre multiplex digitali  di TIMB, che coprono  il 95% della popolazione italiana, ospitano  oltre 20 canali televisivi.

operazioni con parti correlate

Il Consiglio di Amministrazione di Telecom Italia Media, su parere favorevole del Comitato Consiliare composto da tutti Consiglieri indipendenti, ha approvato la sottoscrizione di un contratto di finanziamento di durata biennale, per un importo di 140 milioni di euro, da parte di Telecom Italia Finance, società finanziaria interamente controllata da Telecom Italia.

Attraverso questa operazione Telecom Italia Media andrà ad estinguere gran parte del debito risultante dal rapporto di conto corrente intercompany con la sua controllante Telecom Italia che, al 30 giugno 2013, ammonta a 180 milioni di euro, beneficiando di un minor costo in termini di oneri finanziari.

Le condizioni offerte da TI Finance, confrontate con analoghe offerte di mercato, sono risultate le meno onerose a livello di tasso di interesse praticato e quelle con maggior flessibilità di utilizzo.

Di seguito i termini e le condizioni del finanziamento:

4  importo: 140 milioni di euro

4  tipologia: Facility Agreement

4  durata: dal 31 luglio 2013 al 31 luglio 2015

4  tasso: EURIBOR + 2,8564%

commitment fee: 0,125% per anno

4  rimborso: a scadenza, o anticipato anche parziale.

Il contratto di finanziamento con TI Finance rappresenta un’operazione tra parti correlate, che per TI Media – in considerazione dell’importo del finanziamento – si qualifica come operazione di maggiore rilevanza: per tale motivo, ai sensi della disciplina vigente, sarà fatto oggetto di documento informativo, che verrà diffuso da TI Media nei termini di legge.

Eventi successivi al 30 GIUGNO 2013

In data 4 luglio 2013 è stato sottoscritto l’accordo per la cessione del 51% di MTV Italia S.r.l. a Viacom International Media Networks (VIMN).

I principali termini dell’accordo prevedono il riconoscimento a Telecom Italia Media di un corrispettivo pari a 10 milioni di euro che sarà sottoposto a un aggiustamento alla data del closing sulla base della variazione del capitale circolante che si stima al momento possa avere un impatto positivo. Nell’ambito dell’accordo, Telecom Italia Media si è impegnata a rinunciare, al perfezionamento dell’operazione, ai crediti finanziari vantati alla data del signing nei confronti di MTV Italia, pari a circa 9,3 milioni di euro. Le parti hanno infine concordato il rinnovo, per una durata pluriennale, del rapporto di fornitura di capacità trasmissiva e servizi da TIMB a MTV Italia. Il perfezionamento dell’operazione, subordinato alle autorizzazioni previste dalla normativa applicabile, è atteso entro il mese di settembre 2013.

Evoluzione prevedibile della gestione

Il Gruppo Telecom Italia Media, a seguito della cessione delle attività televisive di LA7 e LA7d, perfezionata il 30 aprile 2013, e della prevista cessione di MTV, concentrerà la propria strategia di sviluppo sull’attuazione di iniziative che riportino il Gruppo all’efficienza e alla redditività.

Tenuto conto dell’attuale contesto economico e regolatorio in cui Telecom Italia Media si trova a operare,

nel 2013 si prevede:

4  il mantenimento dell’attuale livello di occupazione di banda (98%) dell’Operatore di Rete TIMB con l’obiettivo di consolidare la propria base clienti, di incrementare l’offerta di servizi aggiuntivi mantenendo un attento controllo dei costi e riducendo gli investimenti a seguito del completamento del piano di digitalizzazione.

Sulla base di tali premesse Telecom Italia Media si attende per il 2013 risultati in linea con quelli dell'esercizio 2012 in termini comparabili.


***

Il Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, dott. Luigino Giannini, dichiara ai sensi del comma 2 articolo 154-bis del Testo Unico della Finanza che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili.

***

Non è prevista la conference call di presentazione dei dati contabili di periodo alla Comunità Finanziaria.