Telecom Italia Media: riunita l’assemblea degli azionisti

05/04/2013 - 19:21

- + Text size
Stampa

Approvato il Bilancio 2012

Approvata la Situazione Patrimoniale all’ 8 marzo 2013

Approvata la Relazione sulla Remunerazione

Rideterminato in nove il numero dei componenti del Consiglio di Amministrazione

Nominato il nuovo Collegio Sindacale: Rosalba Casiraghi eletta Presidente

Rideterminato il compenso della Società di revisione legale PricewaterhouseCoopers S.p.A. per il periodo 2012-2018

L’Assemblea ordinaria degli azionisti di Telecom Italia Media si è riunita oggi sotto la presidenza di Severino Salvemini.

  • Bilancio dell’esercizio 2012

L’Assemblea ha esaminato e approvato il bilancio dell’esercizio 2012: a livello consolidato i ricavi dell’esercizio 2012 ammontano a 222,7 milioni di euro, in diminuzione di 15,5 milioni di euro rispetto all’esercizio 2011 (238,2 milioni di euro). Su tale risultato incidono: la contrazione dei ricavi di La7 (-15,7 milioni di euro) dovuta sia ai mancati ricavi relativi alle attività di Competence Center, che nell’esercizio 2011 erano pari a 13,3 milioni di euro, sia alla minore raccolta pubblicitaria lorda dei canali (-3,5%) - comunque migliore rispetto a un mercato in drastico calo (fonte Nielsen: -15,3% gennaio/dicembre 2012) - ;  i minori ricavi del gruppo MTV (-18,6 milioni di euro); l’incremento del fatturato dell’Operatore di Rete TIMB (+20,2 milioni di euro).

L’EBITDA è negativo per 44,4 milioni di euro, in peggioramento di 71,7 milioni di euro rispetto all’esercizio 2011 (positivo per 27,3 milioni di euro), che includeva l’indennizzo pari a 20,5 milioni di euro per la risoluzione anticipata del contratto di Competence Center. Su tale risultato incidono inoltre sia il significativo incremento dei costi di palinsesto di La7 - per una programmazione arricchita dal lancio di nuovi programmi e nuovi volti di rete - sia la flessione dell’EBITDA di MTV.

L’EBIT e il Risultato Netto risentono dei risultati dell’impairment test effettuato al 31 dicembre 2012 che ha comportato una svalutazione dell’avviamento a livello di Gruppo di 156,7 milioni di euro di cui 105,3 milioni di euro relativo all’avviamento e 51,4 milioni di euro relativo agli asset di La7.

In conseguenza di tale svalutazione dell’avviamento, l’EBIT è pari a -262,7 milioni di euro, in diminuzione di 174,6 milioni di euro rispetto all’esercizio 2011 (-88,1 milioni di euro). In termini comparabili (escludendo le citate svalutazioni) l’EBIT è pari a -106,0 milioni di euro (-51,9 milioni di euro nell’esercizio 2011).

Il Risultato Netto è pari a -240,9 milioni di euro, in diminuzione di 157,1 milioni di euro rispetto all’esercizio 2011 (-83,8 milioni di euro).

Per la Capogruppo Telecom Italia Media S.p.A.[1]  i ricavi sono stati pari a 80,2  milioni di euro, in diminuzione di 59,7 milioni di euro rispetto ai 139,9 milioni di euro dell’esercizio 2011. L’EBITDA è pari a -53,8 milioni di euro, in diminuzione di 51,6 milioni di euro rispetto all’esercizio 2011 (-2,2 milioni di euro). Anche l’EBIT e il Risultato Netto della Capogruppo risentono degli effetti del già citato impairment test al 31 dicembre 2012. L’EBIT  risulta pertanto pari a -113,6 milioni di euro, e include gli effetti della svalutazione degli avviamenti relativi alla partecipazione in TIMB per  40,4 milioni di euro, mentre il Risultato Netto è pari a -178,1 milioni di euro (che include ulteriori 52,9 milioni di euro di svalutazione della partecipazione in La7 S.r.l. per adeguamento ai risultati dell’Impairment Test), in diminuzione di 116,6 milioni di euro rispetto all’esercizio 2011 (-61,5 milioni di euro).

  • Situazione patrimoniale di TI Media all’8 marzo (art.2446 cc)

Con riferimento ai provvedimenti ai sensi dell’articolo 2446 del codice civile (“riduzione del capitale per perdite”), l’Assemblea ha esaminato e approvato la situazione patrimoniale di TI Media all’8 marzo 2013 che evidenzia una perdita complessiva di 152,7 milioni di euro generata principalmente  dagli accantonamenti relativi  alle future perdite sulla cessione della partecipazione in La7 S.r.l. per un valore stimato  di 150,7 milioni di euro. Di conseguenza, il patrimonio netto di TI Media all’8 marzo 2013 risulta pari a 3,5 milioni di euro, in riduzione di 52,7 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2012.

L’Assemblea ha inoltre deciso di rinviare, nel rispetto di quanto consentito dall’art. 2446 del codice civile, l’assunzione dei provvedimenti opportuni in merito alla perdita risultante dalla situazione patrimoniale della Società all’8 marzo 2013.

  • Relazione sulla remunerazione

L’Assemblea ha approvato la prima sezione della Relazione sulla remunerazione ex art. 123-ter del D.Lgs. n. 58/1998.

  • Composizione del Consiglio di Amministrazione

Con riferimento alla cessazione di cinque amministratori, l’assemblea ha deciso, su proposta di Telecom Italia S.p.A., di rideterminare in nove il numero dei componenti del Consiglio di Amministrazione il cui mandato scade con l’approvazione del bilancio chiuso al 31 dicembre 2013 e di confermare alla carica di Consigliere di amministrazione Piergiorgio Peluso, già cooptato durante la riunione consiliare del 5 ottobre 2012.

  • Nomina del Collegio Sindacale

L’Assemblea ha inoltre nominato il nuovo Collegio Sindacale, sulla base dell’unica lista presentata dall’azionista Telecom Italia, composto da:

Sindaci effettivi:

·    Rosalba Casiraghi

·    Michela Zeme

·    Salvatore Spiniello

Sindaci supplenti:

·    Giuseppina Fusco

·    Carlo Delladio.

Rosalba Casiraghi è stata nominata Presidente del Collegio Sindacale.

I curricula vitae e le dichiarazioni dei sindaci sono disponibili sul sito Internet della Società (http://www.telecomitaliamedia.it/).

  • Aggiornamento delle condizioni economiche del Revisore Legale

L’Assemblea ha infine deliberato di aggiornare le condizioni economiche dell’incarico di revisione legale alla Società PricewaterhouseCoopers per il periodo 2012-2018.


 

 

Rozzano (MI), 5 aprile 2013