Telecom Italia Media: illustrati al Consiglio di Amministrazione i risultati preliminari del Gruppo al 31 dicembre 2012

07/02/2013 - 15:42

- + Text size
Stampa

RICAVI: 222,3 milioni di euro; - 6,7% rispetto all’esercizio  2011 (238,2 milioni di euro)

EBITDA: -44,8 milioni di euro; -72,1 milioni di euro rispetto all’esercizio 2011 (27,3 milioni di euro)

INDEBITAMENTO FINANZIARIO NETTO: 260,1 milioni di euro; +121,4 milioni di euro rispetto a fine 2011 (138,7 milioni di euro)

Sostanziale tenuta della raccolta pubblicitaria lorda dei canali La7 (-3,5%), con un andamento migliore rispetto al mercato (-15,3%)

In termini di audience share media La7 chiude il 2012 al 3,46% (4,11% nel mese di gennaio 2013) e La7d allo 0,41% (0,47% nel mese di gennaio 2013)

Prosegue il miglioramento dei margini di TIMB

                                                  ***

Il Consiglio di Amministrazione di Telecom Italia Media, tutt’ora in corso sotto la presidenza di Severino Salvemini, ha esaminato i risultati preliminari del Gruppo al 31 dicembre 2012.

I ricavi consolidati del Gruppo dell’esercizio 2012  sono pari a 222,3 milioni di euro, in diminuzione del 6,7% rispetto all’esercizio 2011 (238,2 milioni di euro).

Su tale risultato incidono: la contrazione dei ricavi di La7 (-16,1 milioni di euro) dovuta sia ai mancati ricavi relativi alle attività di Competence Center che nell’esercizio 2011 erano pari a 13,3 milioni di euro, sia alla minore raccolta pubblicitaria lorda dei canali (-3,5%) - comunque migliore rispetto a un mercato in drastico calo - ;  i minori ricavi del gruppo MTV (-18,6 milioni di euro); l’incremento del fatturato dell’Operatore di rete TIMB (+20,2 milioni di euro) che ha solo parzialmente compensato il risultato.
 

L’EBITDA è negativo per 44,8 milioni di euro, in peggioramento di 72,1 milioni di euro rispetto all’esercizio 2011 (positivo per 27,3 milioni di euro), che includeva l’indennizzo pari a 20,5 milioni di euro per la risoluzione anticipata del contratto di Competence Center. Su tale risultato incide inoltre il significativo incremento dei costi di palinsesto di La7per una programmazione arricchita dal lancio di nuovi programmi e nuovi volti di rete e della flessione dell’EBITDA di MTV.

L’indebitamento finanziario netto è pari a 260,1 milioni di euro, in aumento di 121,4 milioni di euro rispetto a fine 2011 (138,7 milioni di euro). Tale variazione è determinata principalmente dal fabbisogno per gli investimenti industriali (56,9 milioni di euro), dall’EBITDA negativo per 44,8 milioni di euro, e dal peggioramento del working capital per 36,1 milioni di euro, in parte compensati dall’incasso relativo al consolidato fiscale per 19,3 milioni di euro. Nel confronto con lo scorso anno pesano inoltre i minori incassi di Cairo per la fattorizzazione dei crediti effettuata alla fine del 2011 e non effettuata nel 2012.

Al 30 settembre 2012 l’indebitamento finanziario netto era pari a 224,1 milioni di euro.

Risultati dei settori di attività

1. La7

I ricavi di La7 Srl per l’anno 2012 (fino al 31 agosto l’area di business era denominata TI Media - La7 e includeva, oltre alle attività televisive ora confluite nella newco La7 S.r.l, le attività holding) per l’esercizio 2012 sono pari a 123,2 milioni di euro, in flessione del 11,6%, rispetto all’esercizio 2011 (139,3 milioni di euro).

La raccolta pubblicitaria lorda complessiva dei canali La7, pari a 179,1 milioni di euro, registra solo una leggera flessione (-3,5%), pur in un contesto di estrema criticità per l’intero comparto televisivo nazionale1.

L’audience share media di La7 nel 2012 è pari  al 3,46%, in lieve calo rispetto allo scorso anno (3,85%). Sul trend degli ascolti della Rete nel 2012 hanno inciso l’affermarsi dei canali digitali tematici e le manifestazioni sportive di giugno e luglio (Europei di calcio e Olimpiadi). Nella seconda parte dell’anno, l’avvio di nuovi programmi, quali ad esempio Servizio Pubblico, hanno consentito un parziale recupero di ascolti mentre già le prime settimane del nuovo anno evidenziano un netto miglioramento. L’audience share media giornaliera nel mese di gennaio 2013 è pari al 4,11%.

Prosegue inoltre la crescita dell’audience share di La7d  che passa dallo 0,28% del 2011 allo 0,41% del 2012 e che ha chiuso il mese di gennaio con lo 0,47 %.

L’EBITDA è negativo per 66,3 milioni di euro, in peggioramento di 71,0 milioni di euro rispetto all’esercizio 2011 (4,7 milioni di euro). Su tale risultato influisce significativamente l’incremento dei costi di palinsesto dei canali La7 e La7d per l’arricchimento dell’offerta, oltre che il mancato apporto di redditività delle attività di Competence Center.

2. MTV Group

I ricavi di MTV nell’esercizio 2012 sono pari a 55,2 milioni di euro, in riduzione del 25,2% rispetto all’esercizio 2011 (73,8 milioni di euro). Su tale andamento influisce in particolare la contrazione della raccolta pubblicitaria netta che si attesta a 39,8 milioni di euro, in riduzione del 19,8%rispetto all’esercizio 2011, oltre che i minori ricavi di Playmaker.

L’EBITDA è negativo per 10,7 milioni di euro, in peggioramento di 17,2 milioni di euro rispetto all’esercizio 2011 (6,5 milioni di euro).

Per tutto il 2012 è proseguito il rilancio del canale principale di MTV, volto a rafforzare ulteriormente il proprio posizionamento come canale di intrattenimento a tutto tondo. Dal 16 settembre 2012 i dati di ascolto del network sono pubblicati da Auditel. L’offerta free to air raggiunge a fine periodo una audience share dello 0,64% e dell’1,6% sul target 15-34 anni. Il network contatta quotidianamente oltre 5 milioni di individui.

Nel mese di dicembre è stato raggiunto l’accordo per la cessione a Viacom International Media Networks Italia del ramo d’azienda costituito dalle attività dedicate ai canali Nickelodeon, Comedy Central e Nick Junior.

3. Operatore di Rete (TIMB)

I ricavi dell’Operatore di Rete nell’esercizio 2012 sono pari a 75,1 milioni di euro, in aumento di 20,2 milioni di euro rispetto all’esercizio 2011 (54,9 milioni di euro). Tale andamento positivo è dovuto sia all’evoluzione dei contratti già in essere sia ai nuovi canali contrattualizzati.

L’EBITDA è pari a 43,2 milioni di euro, in aumento di 20,3 milioni di euro rispetto all’esercizio 2011 (22,9 milioni di euro).
 

I tre multiplex digitali di TIMB coprono il 94,9% della popolazione italiana.

                                                        §§§

Il Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, dott. Luigino Giannini, dichiara ai sensi del comma 2 articolo 154-bis del Testo Unico della Finanza che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili.

                                                        §§§

I risultati preliminari del Gruppo al 31 dicembre 2012 saranno illustrati alla comunità finanziaria durante una conference call che si svolgerà domani alle ore 10:00 (ora italiana). I giornalisti potranno seguire telefonicamente lo svolgimento della presentazione collegandosi al numero 800 408 088 per chi chiama dall’Italia e + 39 06 33 485 042 per chi chiama da altri Paesi. Per coloro che non potranno collegarsi in diretta sarà possibile riascoltare la presentazione nei successivi due  giorni collegandosi al numero: +39 06 334 843 (codice di accesso: 491045# per la versione italiana; 380934# per la versione inglese).
 

 

 

Milano, 7 febbraio 2013