Telecom Italia Media: approvato dal Consiglio di Amministrazione il resoconto intermedio di gestione del Gruppo al 31 marzo 2012

09/05/2012 - 21:00

- + Text size
Stampa

RICAVI: 57,5 milioni di euro; + 5,2 milioni di euro rispetto al primo trimestre 2011 (52,3 milioni di euro)

EBITDA: -5,9 milioni di euro; -7,8 milioni di euro rispetto al primo trimestre 2011 (1,9 milioni di euro)

EBIT: -20,7 milioni di euro; -8,0 milioni di euro rispetto al primo trimestre 2011 (-12,7 milioni di euro)

RISULTATO NETTO: -15,7 milioni di euro; -6,5 milioni di euro rispetto al primo trimestre 2011 (-9,2 milioni di euro)

INDEBITAMENTO FINANZIARIO NETTO: 206,9 milioni di euro; +68,2 milioni di euro rispetto a fine 2011 (138,7 milioni di euro)

Prosegue il trend di crescita della raccolta pubblicitaria del canali La7 (+28,4%); sostanzialmente in linea con il primo trimestre 2011 l’audience share di La7 (3,4%) con un incremento degli ascolti medi giornalieri (+2,0%), in forte crescita l’audience share di La7d (0,34%; +41,7% )

Il peggioramento del risultato del periodo è principalmente correlato all’incremento dei costi per l’arricchimento del palinsesto di TIMedia-La7

Il CdA di Telecom Italia Media avvia un’operazione di ristrutturazione societaria

                                                    ***

Il Consiglio di Amministrazione di Telecom Italia Media, riunito oggi sotto la presidenza di Severino Salvemini, ha esaminato e approvato il resoconto intermedio di gestione del Gruppo al 31 marzo 2012.

In dettaglio:

I ricavi consolidati del Gruppo nel primo trimestre 2012 raggiungono 57,5 milioni di euro, in miglioramento di 5,2 milioni di euro rispetto allo stesso periodo del 2011 (52,3 milioni di euro).

Tale andamento è stato caratterizzato da una forte crescita della raccolta pubblicitaria lorda complessiva dei canali La7 (+12,3 milioni di euro; +28,4%), in forte controtendenza rispetto al calo del mercato televisivo, e dall’incremento del fatturato dell’Operatore di Rete TIMB (+5,5 milioni di euro). Queste performance hanno compensato la riduzione dei ricavi del Gruppo MTV (-2,0 milioni di euro).

L’EBITDA è pari a -5,9 milioni di euro; si riduce di 7,8 milioni di euro rispetto al primo trimestre 2011 (1,9 milioni di euro). Tale risultato risente dell’incremento dei costi di palinsesto di TI Media – La7, del calo dell’EBITDA di MTV e del mancato apporto di redditività delle attività di Competence Center cessate a settembre 2011, in parte compensati dal forte miglioramento dell’EBITDA dell’Operatore di Rete TIMB.

L’EBIT è pari a -20,7 milioni di euro e si riduce di 8,0 milioni di euro rispetto al primo trimestre 2011
(-12,7 milioni di euro), riflettendo sostanzialmente la variazione registrata dall’EBITDA.

Il risultato netto è pari a -15,7 milioni di euro e si riduce di 6,5 milioni di euro rispetto al primo trimestre 2011 (-9,2 milioni di euro).

Gli investimenti industriali sono pari a 9,5 milioni di euro e si riducono di 4,7 milioni di euro rispetto al primo trimestre 2011 (14,2 milioni di euro).

L’indebitamento finanziario netto è pari a 206,9 milioni di euro, in aumento di 68,2 milioni di euro rispetto a fine 2011 (138,7 milioni di euro). Tale risultato è principalmente imputabile alla gestione operativa, che risente sia dei rilevanti pagamenti a fornitori relativi agli investimenti realizzati a fine 2011 per la rete Digitale Terrestre sia di quelli relativi al palinsesto autunnale del 2011, notoriamente più elevati rispetto agli altri periodi dell’esercizio. Inoltre, la variazione rispetto al 31 dicembre 2011 subisce gli effetti delle operazioni di fattorizzazione di crediti commerciali effettuate alla fine dello scorso esercizio.
 

Risultati dei settori di attivita’

1. TI Media – La7

I ricavi di TI Media – La7 del primo trimestre 2012 sono pari a 36,5 milioni di euro , in aumento di 3,1 milioni di euro (+9,3%) rispetto allo stesso periodo del 2011.

La raccolta pubblicitaria lorda complessiva è pari a 55,6 milioni di euro, in aumento del 28,4% rispetto al primo trimestre 2011 (43,3 milioni di euro) sia grazie ai maggiori ricavi del canale La7 sia grazie a quelli del canale La7d.

Il miglioramento della raccolta pubblicitaria è trainato dall’audience share di La7, che registra una media giornaliera del 3,4% sostanzialmente in linea con il primo trimestre 2011, a fronte di un continuo calo degli ascolti delle altre reti generaliste, e un incremento degli ascolti medi giornalieri del 2,0%, passando da una media di 477mila telespettatori nel primo trimestre 2011 a 487mila nello stesso periodo del 2012.

Prosegue inoltre la crescita dell’audience share di La7d, che si attesta allo 0,34%, con un incremento del 41,7% rispetto al primo trimestre 2011 (0,24%).

L’EBITDA è pari a -15,4 milioni di euro e si riduce di 12,4 milioni di euro rispetto al primo trimestre 2011
(-3,0 milioni di euro). Su tale risultato hanno influito l’incremento dei costi di palinsesto per una programmazione arricchita dal lancio di nuovi programmi e nuovi volti di rete rispetto al primo trimestre 2011, e il mancato apporto di redditività delle attività di Competence Center, come precedentemente descritto.

L’EBIT è pari a -22,7 milioni di euro e si riduce di 12,8 milioni di euro rispetto al primo trimestre 2011
(-9,9 milioni di euro).

2. MTV Group

I ricavi di MTV nel primo trimestre 2012 sono pari a 11,7 milioni di euro, in riduzione del 14,6% rispetto allo stesso periodo del 2011 (13,7 milioni di euro). Su tale andamento ha influito in particolare la contrazione della raccolta pubblicitaria lorda, che nel primo trimestre 2012 è pari a  9,3 milioni di euro, e si riduce del 18,9% rispetto allo stesso periodo del 2011 (11,5 milioni di euro).

L’EBITDA è pari a -1,9 milioni di euro e si riduce di 1,3 milioni di euro rispetto al primo trimestre 2011
(-0,6 milioni di euro). Il calo dei ricavi è stato in parte compensato dai risparmi sui costi di palinsesto e su altri costi operativi.

L’EBIT è pari a -2,9 milioni di euro e si riduce di 0,9 milioni di euro rispetto al primo trimestre 2011
(-2,0 milioni di euro).

3. Operatore di Rete (TIMB)

I ricavi dell’Operatore di Rete nel primo trimestre 2012 sono pari a 18,3 milioni di euro e aumentano di 5,5 milioni di euro rispetto allo stesso periodo del 2011 (12,8 milioni di euro). Tale andamento positivo è dovuto sia all’evoluzione dei contratti già in essere sia ai nuovi canali contrattualizzati a fine 2011, che hanno portato alla piena occupazione della banda digitale disponibile.

L’EBITDA è pari a 11,3 milioni di euro e aumenta di 5,8 milioni di euro rispetto al primo trimestre 2011 (5,5 milioni di euro).

L’EBIT è pari a 5,0 milioni di euro e aumenta di 5,7 milioni di euro rispetto al primo trimestre 2011
(-0,7 milioni di euro).

Al 31 marzo 2012 i tre multiplex digitali di TIMB (escludendo il quarto, attualmente attivo solo in Sardegna) coprono rispettivamente il 90,1%, il 94,2% e il 75,0% della popolazione italiana.

Evoluzione prevedibile della gestione

Tenuto conto dell’attuale contesto economico e regolatorio in cui Telecom Italia Media si trova a operare, nel 2012 si prevede:

  • un incremento, seppur lieve, della raccolta pubblicitaria televisiva per i canali La7, grazie alla crescita dell’audience share per il rafforzamento del palinsesto di La7 con il lancio di nuovi programmi e volti di rete;
  • il ridimensionamento dei ricavi del canale principale di MTV, a fronte della ristrutturazione del canale stesso (trasformazione in canale a vocazione più generalista), e il proseguimento del percorso di riduzione dei costi;
  • l’incremento dei ricavi e della redditività dell’Operatore di Rete in seguito al raggiungimento della piena occupazione dei multiplex digitali e il completamento del processo di digitalizzazione della rete in coerenza con le tempistiche del calendario dello switch-off.

Sulla base di tali premesse Telecom Italia Media si attende per il 2012 quantomeno dei risultati in linea con quelli dell’esercizio 2011 in termini comparabili.

                                                    ***

Per quanto riguarda MTV Italia, al fine di focalizzare gli sforzi nelle aree più strettamente attinenti al business dell’emittente, si è deciso di intraprendere un processo di dismissione a Viacom, socio della joint venture, delle attività relative ai canali Nickelodeon, Comedy Central e quelli musicali su piattaforma Sky .

                                                    ***

Il Consiglio d’Amministrazione inoltre ha preso atto che il CdA di Telecom Italia in data odierna ha deciso l’avvio del processo di cessione del segmento Media.  

A questo fine, a sua volta, il CdA di Telecom Italia Media ha avviato un’operazione di ristrutturazione societaria mediante separazione degli asset televisivi facendoli confluire in una società ad hoc.

                                                    ***

Il Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, dott. Luigino Giannini, dichiara ai sensi del comma 2 articolo 154-bis del Testo Unico della Finanza che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili.

                                                    ***

I risultati del Gruppo al 31 marzo 2012  saranno illustrati alla comunità finanziaria durante una conference call che si svolgerà domani alle ore 16.00 (ora italiana). I giornalisti potranno seguire telefonicamente lo svolgimento della presentazione collegandosi al numero 800 408 088 per chi chiama dall’Italia e + 39 06 33 485 042 per chi chiama da altri Paesi. Per coloro che non potranno collegarsi in diretta sarà possibile riascoltare la presentazione nei successivi due  giorni collegandosi al numero: +39 06 334 843 (codice di accesso: 414848# per la versione italiana; 303737 # per la versione inglese).