Telecom Italia Media: Il CdA approva la Relazione semestrale al 30 giugno 2004 e la proposta di aumento del capitale sociale

27/07/2004 - 12:00

- + Text size
Stampa

Ai fini di una maggiore chiarezza nella rappresentazione dell’andamento di Telecom Italia Media SpA e del Gruppo nel 1° semestre 2004, i principali dati economici e di business, fino al risultato operativo, sono stati confrontati con quelli del corrispondente periodo dell’esercizio 2003 tenendo conto sia dell’operazione di scissione di Seat Pagine Gialle SpA (efficace dal 1° agosto 2003) sia delle variazioni di perimetro intervenute nei periodi a confronto.


Risultati economici e margini in significativo miglioramento
in termini omogenei

I ricavi consolidati del semestre crescono del 18,8%

Il margine operativo lordo è positivo per 17,1 milioni di euro
(era negativo per 1,8 milioni di euro nel primo semestre 2003)

Il risultato operativo migliora del 26,2% e si attesta a -38,7 milioni di euro (da -52,5 milioni di euro nel primo semestre 2003)

Posizione finanziaria netta negativa per 270,2 milioni di euro (disponibilità di 58,7 milioni di euro al 31 dicembre 2003): risente del maggior indebitamento di 325 milioni di euro relativo all’accordo transattivo con il Gruppo De Agostini

Area Internet in forte crescita rispetto al primo semestre 2003

Tin.it: nel 1° semestre 2004 crescono ricavi (+ 27,9%), MOL (+44%) e triplica il risultato operativo; con 488 hot spot (di cui 357 attivi) è uno dei primi network wi-fi italiani

Virgilio: si conferma il primo portale italiano con 3,8 miliardi di pagine viste (+16,9% rispetto al primo semestre 2003) e 13,9 milioni di visitatori unici (+21,9% rispetto al 30 giugno 2003)

Area Television: nel 1° semestre 2004 migliorano ricavi (+30,5%) e redditività

LA7: migliora in termini di ascolti con share al 2,3%; cresce la raccolta pubblicitaria lorda (+24,6%) e tutti i risultati sono in miglioramento

MTV: aumenta del 18% il numero di aziende che vi fanno pubblicità;
cresce la raccolta pubblicitaria lorda complessiva (+24,6%), di cui la parte nazionale cresce del 30%; il risultato netto diventa positivo rispetto alla perdita del primo semestre 2003

Buffetti: prosegue il trend positivo delle vendite del 1° semestre 2004 rispetto agli anni precedenti (+1,2% rispetto al 2003) con risultati in miglioramento (MOL +12,7%; risultato operativo +13,3%)

Deliberata proposta di aumento di capitale per circa 120 milioni
di euro, da sottoporre all’Assemblea degli azionisti

Il Consiglio di Amministrazione di Telecom Italia Media (Gruppo Telecom Italia), riunito oggi sotto la presidenza di Riccardo Perissich, ha esaminato e approvato la Relazione semestrale al 30 giugno 2004.

Premessa
Ai fini di una maggiore chiarezza nella rappresentazione dell’andamento di Telecom Italia Media SpA e del Gruppo nel primo semestre 2004, i principali dati economici e di business, fino al risultato operativo, sono stati confrontati con quelli del corrispondente periodo dell’esercizio 2003 ricostruiti tenendo conto sia dell’operazione di scissione di Seat Pagine Gialle SpA (efficace dal primo agosto 2003), sia delle variazioni di perimetro. Queste ultime hanno riguardato prevalentemente, nel 2003, le dismissioni di alcune società di prodotti per ufficio del Gruppo Buffetti e l’acquisizione di TM News (titolare di APCom) nonché, nel 2004, la vendita di Cipi e del Gruppo GPP. I dati del primo semestre 2004 di Telecom Italia Media SpA e del Gruppo, infine, sono stati influenzati dall’accordo transattivo raggiunto con il Gruppo De Agostini (comunicato stampa del 28 giugno 2004) i cui effetti economici, patrimoniali e finanziari sono descritti di seguito.

Risultati del Gruppo Telecom Italia Media relativi al primo semestre 2004

I ricavi ammontano a 305,9 milioni di euro ed evidenziano una crescita del 18,8% in termini omogenei rispetto ai 257,5 milioni di euro dello stesso periodo del 2003. Alla crescita organica del Gruppo hanno contribuito principalmente l’Area Internet, che ha registrato un incremento dei ricavi pari al 28,9% e l’Area Television, che presenta un aumento dei ricavi pari al 30,5%.

Il margine operativo lordo diventa positivo per 17,1 milioni di euro, in miglioramento di 18,9 milioni di euro, in termini omogenei, rispetto al primo semestre 2003 (-1,8 milioni di euro). Il miglioramento è dovuto principalmente ai maggiori volumi di fatturato realizzati in tutte le aree di business e al miglioramento dell’efficienza delle strutture operative.

Il risultato operativo (- 38,7 milioni di euro) migliora del 26,2% in termini omogenei rispetto al primo semestre 2003, in cui era negativo per 52,5 milioni di euro.

L’indebitamento finanziario netto consolidato al 30 giugno 2004 è pari a 270,2 milioni di euro (rispetto a una disponibilità di 58,7 milioni di euro al 31 dicembre 2003). Tale variazione è determinata principalmente dalla transazione con il Gruppo De Agostini, che ha comportato un esborso complessivo per 325 milioni di euro. Il patrimonio netto consolidato al 30 giugno 2004 è pari a 240,1 milioni di euro (474,2 milioni al 31 dicembre 2003). I dipendenti al 30 giugno 2004 erano 1.778.

Risultati delle Aree di Business

INTERNET

I ricavi dell’Area di Business Internet (Divisione Tin.it e Matrix SpA-Virgilio) nel primo semestre 2004 ammontano a 152,2 milioni di euro e registrano un incremento del 28,9% rispetto allo stesso periodo del 2003 (118 milioni di euro). Il margine operativo lordo del periodo, positivo per 31,8 milioni di euro, registra una crescita del 53,2% rispetto al primo semestre 2003 (20,7 milioni di euro). Il risultato operativo dell’intera area diventa positivo per 5,9 milioni di euro rispetto alla perdita di 2,4 milioni di euro registrata nel primo semestre 2003.
In particolare:
Tin.it nel primo semestre 2004 ha registrato ricavi pari a 136,3 milioni di euro (106,6 milioni di euro nello stesso periodo del 2003) con una crescita del 27,9%. Il margine operativo lordo aumenta del 44% risultando pari a 31,5 milioni di euro (21,9 milioni di euro nello stesso periodo del 2003). Forte miglioramento del risultato operativo che risulta più che triplicato rispetto al primo semestre 2003, attestandosi a 10,1 milioni di euro rispetto ai 3,2 milioni di euro del corrispondente periodo del 2003. I clienti attivi al 30 giugno 2004 sono 2,9 milioni e aumentano del 24% circa rispetto al 30 giugno 2003 (il dato comprende i clienti Adsl Alice di Telecom Italia, per i quali Tin.it eroga alcuni servizi). Nel semestre, inoltre, è proseguito lo sviluppo della rete Wi-Fi che ha raggiunto al 30 giugno 2004 i 488 hot spot, di cui 357 attivi e 131 in fase di attivazione, qualificando la rete hot spot di Tin.it come uno dei primi network Wi-Fi italiani per numero di location. Nel mese di marzo, infine, è avvenuta la migrazione dell’intera base clienti Adsl da una velocità di 256 Kb a 640 Kb.

Matrix, con il portale e motore di ricerca Virgilio, nel primo semestre 2004 ha realizzato ricavi per 18,4 milioni di euro, in crescita del 25,4% rispetto ai 14,7 milioni di euro del primo semestre 2003. Nel periodo, inoltre, sono da evidenziare importanti miglioramenti di tutti i risultati rispetto all’esercizio precedente: il margine operativo lordo diventa positivo per 0,3 milioni di euro, in netto miglioramento rispetto alla perdita operativa di 1,1 milioni di euro del primo semestre 2003; il risultato operativo (-3,2 milioni di euro) migliora del 29,3% (era negativo per 4,5 milioni di euro). Sempre al 30 giugno 2004 gli utenti di Virgilio, che si conferma il primo portale italiano, sono circa 13,9 milioni di visitatori unici (+21,9% rispetto al 30 giugno 2003); le pagine viste nel periodo sono state 3,8 miliardi (+16,9% rispetto al 30 giugno 2003).

TELEVISION

Nel primo semestre 2004 la raccolta pubblicitaria lorda complessiva dell’Area, pari a 77,5 milioni di euro, ha registrato una crescita del 24,6% rispetto al corrispondente periodo del 2003. I ricavi complessivi dell’Area ammontano a 66,1 milioni di euro e risultano in forte crescita (+30,5%) rispetto al primo semestre dell’esercizio precedente (50,6 milioni di euro). Il margine operativo lordo migliora del 39,2% attestandosi a -10,7 milioni di euro (-17,6 milioni di euro nel primo semestre 2003). Il risultato operativo, pari a -33,5 milioni di euro, migliora del 7,1% rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente (-36,0  milioni di euro) ed è stato influenzato dai maggiori ammortamenti connessi all’avvio della tv digitale terrestre.
In particolare:
LA7 prosegue con successo nell’opera di rafforzamento del proprio marchio e dell’immagine editoriale, registrando nei primi sei mesi del 2004 uno share del 2,3% (fonte Auditel), in aumento rispetto allo stesso periodo del 2003 (2,1%). In particolare, si evidenzia il grande successo di audience in occasione dei Campionati Europei di calcio, con una media di ascolto dell’8,5% con punte del 16,9%. Nel primo semestre 2004, la raccolta pubblicitaria lorda, pari a 41 milioni di euro, aumenta del 24,6% rispetto al primo semestre 2003 (32,9 milioni di euro) e tutti i risultati economici evidenziano miglioramenti. Nei primi giorni di luglio è stato presentato il nuovo palinsesto autunnale che prevede importanti novità e conferme dei programmi di traino dell’emittente.

MTV registra importanti miglioramenti del fatturato, dei risultati economici e della raccolta pubblicitaria. In particolare, la raccolta pubblicitaria lorda complessiva (36,5 milioni di euro), che tiene conto sia della parte nazionale sia dell’internazionale, aumenta del 24,6% rispetto al primo semestre 2003, con una crescita del 30% della raccolta a livello nazionale. Infatti, nel mercato pubblicitario italiano Mtv ha registrato forti miglioramenti, rafforzando la posizione di leadership nel segmento televisivo per i giovani, con risultati trainati principalmente dall’aumento delle aziende che hanno comunicato su Mtv (+18%) e dal significativo apporto di nuovi clienti. Nel primo semestre 2004, il risultato netto diventa positivo con un utile di 2,4 milioni di euro rispetto alla perdita di 0,4 milioni di euro registrata nel primo semestre 2003. In termini di ascolti, la ricerca Audistar (osservatorio Eurisko) evidenzia il trend di significativa crescita di MTV (a tecnologia di diffusione terrestre): l’audience settimanale aumenta del 10,2% rispetto al primo semestre 2003, raggiungendo i 13,6 milioni di contatti. Prosegue infine lo sviluppo multimediale del brand MTV, ormai distribuito con canali specifici su tutte le piattaforme tecnologiche, in particolare sul satellite e in Internet, con il sito http://www.mtv.it/.

OFFICE PRODUCTS & SERVICES

Nel primo semestre 2004, i ricavi dell’Area ammontano a 71,5 milioni di euro con un aumento dell’1,2%, in termini omogenei, rispetto al primo semestre 2003 (70,7 milioni di euro). Rispetto al trend degli ultimi anni, si è così realizzata l'inversione di tendenza della crescita del fatturato grazie allo sviluppo delle vendite dei nuovi prodotti. Il margine operativo lordo sale a 8,3 milioni di euro, in crescita del 12,7%, in termini omogenei, rispetto allo stesso periodo del precedente esercizio (7,3 milioni di euro). Il risultato operativo è pari a 3,4 milioni di euro ed evidenzia un aumento del 13,3%, in termini omogenei, rispetto ai 3 milioni di euro dei primi sei mesi del 2003.

Risultati di Telecom Italia Media SpA relativi al primo semestre 2004

I ricavi di Telecom Italia Media SpA ammontano a 136,3 milioni di euro, in aumento del 26,9% in termini omogenei rispetto al primo semestre 2003 (107,4 milioni di euro). Significativi incrementi sia per il margine operativo lordo, pari a 21,3 milioni di euro (11,3 milioni di euro nello stesso periodo del 2003) sia per il risultato operativo, con una significativa riduzione della perdita che scende a 0,1 milioni di euro rispetto alla perdita di 8,7 milioni di euro del primo semestre 2003.

Accordo transattivo con il Gruppo De Agostini e operazioni correlate

Come già comunicato, il 28 giugno 2004 Telecom Italia Media ha concluso un accordo transattivo con il Gruppo De Agostini per la definizione della controversia che riguardava il prezzo di acquisto del 40% di Webfin (che possiede il 66% di Matrix, titolare del portale Virgilio). TI Media, in sede di transazione ha corrisposto 287 milioni di euro (in luogo dei 700 milioni di euro pattuiti originariamente), oltre a 38 milioni di euro a titolo di rimborso per le ricapitalizzazioni di Webfin effettuate da De Agostini.
A livello finanziario l’accordo transattivo ha comportato per Telecom Italia Media un esborso di 325 milioni di euro, utilizzando in parte un finanziamento infragruppo erogato, a condizioni di mercato, da Telecom Italia (280 milioni di euro). Al fine di migliorare la propria situazione finanziaria, TI Media ha successivamente venduto il 9 luglio 2004 per 42,6 milioni di euro (prezzo definito sulla base di valutazioni esterne corrispondenti ai valori di mercato) la partecipazione a Vertico S.p.A. (Gruppo Telecom Italia), già azionista del 33,3% di Matrix. Il perfezionamento delle operazioni sopra descritte ha comportato, al netto degli effetti fiscali, una perdita di 130,3 milioni di euro per Telecom Italia Media SpA e una perdita di 189,2 milioni di euro a livello consolidato.

Evoluzione della gestione
Procedono le attività in ambito internet con particolare riguardo all’ADSL, all’introduzione dei servizi innovativi, e allo sviluppo del Portale di Ricerca. Nell’area televisiva, le azioni di rinnovamento, coerenti con la linea editoriale e con il target di spettatori, tendono ad un rafforzamento del Market Share e dell’audience. Nell’area Office Products prosegue il rafforzamento dell’organizzazione commerciale e la razionalizzazione ed innovazione dei prodotti. L’insieme degli andamenti sopra descritti lascia prevedere un’evoluzione della redditività operativa in linea con il trend di miglioramento rispetto all’anno precedente. Inoltre, attraverso la vendita a Vertico del 40% di Webfin acquisito da De Agostini Invest e il programmato aumento di capitale sociale, sono state poste in essere le azioni necessarie al fine di riequilibrare la situazione finanziaria del Gruppo, che si era appesantita a seguito della transazione con il Gruppo De Agostini, con conseguente ottimizzazione degli oneri finanziari.

Confronto fra i dati di Telecom Italia Media del 1° Semestre 2004 e i dati storici di Seat Pagine Gialle del 1°Semestre 2003

In seguito all’operazione di scissione e alle variazioni di perimetro precedentemente citate non risulta significativo, per mancanza di omogeneità, confrontare i risultati consolidati e civilistici del primo semestre 2004 di Telecom Italia Media con i dati storici relativi al Gruppo Seat Pagine Gialle che fanno riferimento allo stesso periodo del 2003. Tali dati sono comunque riportati nelle tabelle allegate e nella “Relazione Primo Semestre 2004” che sarà disponibile sul sito Internet di Telecom Italia Media.

§§§
 

Proposta di Aumento di capitale sociale

Il Consiglio di Amministrazione ha conferito mandato al Presidente di convocare l’Assemblea straordinaria degli azionisti per sottoporre una proposta di aumento di capitale sociale a pagamento, mediante emissione di azioni ordinarie e di risparmio, da offrire in opzione rispettivamente agli azionisti ordinari e di risparmio, per un controvalore complessivo, compreso il sovrapprezzo, di circa 120 milioni di euro. Il ricavato dell’emissione sarà destinato a riequilibrare la situazione finanziaria e patrimoniale della società, appesantita a seguito della transazione con il Gruppo De Agostini. In quest’ottica, come già ricordato, è stata ceduta il 9 luglio 2004 a Vertico per 42,6 milioni di euro la partecipazione del 40% detenuta in Webfin.

Il Consiglio di Amministrazione, considerando il lasso di tempo che intercorre fino al periodo di esecuzione dell’aumento di capitale, intende sottoporre all’approvazione dell’Assemblea un prezzo di sottoscrizione delle azioni di nuova emissione:

• compreso tra euro 0,25 ed euro 0,20 per azione ordinaria (di cui euro 0,03 di valore nominale);
• compreso tra euro 0,20 ed euro 0,17 per azione di risparmio (di cui euro 0,03 di valore nominale).

Tali valori, individuati dal CdA con il supporto dell’advisor JP Morgan Chase, esprimono uno sconto (omogeneo tra le due categorie di azioni) compreso fra il 20% e il 35% rispetto al prezzo ufficiale di ciascuna categoria di azioni al 23 luglio 2004, ultimo giorno di mercato aperto della settimana precedente l’approvazione della proposta da parte del CdA.

Il numero di nuove azioni da emettersi, tenuto conto degli intervalli di prezzo sopra indicati e dell’obiettivo di ottenere mediante l’operazione di ricapitalizzazione il controvalore complessivo di circa 120 milioni di euro, si prevede compreso tra:

• minime n. 473.566.962 azioni ordinarie e n. 7.940.702 azioni di risparmio, e
• massime n. 591.958.700 azioni ordinarie e n. 9.925.875 azioni di risparmio
pari, rispettivamente, al 15,38% e al 19,23% delle azioni attualmente in circolazione.

L’Assemblea sarà chiamata a deliberare l’operazione proposta, affidando al Consiglio di Amministrazione l’incarico di determinare successivamente i prezzi definitivi di emissione delle azioni ordinarie e di risparmio, al fine di poter tener conto anche dell’andamento di borsa del titolo nel periodo immediatamente precedente l’offerta. Conseguentemente, il Consiglio di Amministrazione individuerà il numero di azioni da emettere e il rapporto di sottoscrizione, identico per le due categorie di azionisti. Tali valori saranno comunicati non appena stabiliti dal Consiglio di Amministrazione mediante pubblicazione di un apposito avviso su almeno un quotidiano a diffusione nazionale.

Le azioni di nuova emissione avranno godimento regolare e attribuiranno ai loro possessori pari diritti rispetto alle azioni già emesse dalla Società.

L’azionista Telecom Italia, che controlla TI Media tramite una partecipazione – diretta e indiretta – pari al 62,49%, ha assunto l’impegno di sottoscrivere la quota di propria spettanza dell’aumento di capitale, nonché l’eventuale quota residua che dovesse rimanere inoptata.

L’aumento avrà esecuzione – a valle delle necessarie autorizzazioni e adempimenti richiesti, e qualora le condizioni di mercato lo consentano – dopo l’approvazione da parte dell’Assemblea, e comunque entro la fine del 2004.

Inoltre, il Consiglio di Amministrazione ha deciso di chiedere il ritiro delle azioni dalla quotazione sull’Euronext di Parigi, in considerazione del quasi inesistente volume di trattazioni su tale mercato.
 

§§§
 

Corporate Governance

Il Consiglio di Amministrazione di Telecom Italia Media ha adottato un nuovo Codice Etico e di Comportamento, che supera la precedente versione. Il nuovo documento si caratterizza per un più stretto coordinamento con gli altri strumenti di governance della Società, in particolare evidenziando la centralità del sistema del controllo interno per un corretto e proficuo svolgimento dell’attività d’impresa e il tema delle operazioni con parti correlate. Come tutti i documenti in materia di corporate governance della Società, anche il nuovo Codice etico viene pubblicato sul sito http://www.telecomitaliamedia.it/, nella sezione Corporate Governance.
 

§§§
 

I risultati del primo semestre 2004 saranno illustrati alla comunità finanziaria durante una conference call che si svolgerà oggi, 27 luglio, a partire dalle 15.30 (ora italiana). I giornalisti potranno seguire telefonicamente lo svolgimento della presentazione collegandosi al numero: +39 06 33485042. Per coloro che non potranno collegarsi in diretta sarà possibile riascoltare la presentazione, collegandosi al numero: +39 06 334843 (codice di accesso 49740#).
 

§§§

The information contained herein does not constitute an offer of securities for sale in the United States. The securities that may be offered or sold as part of any capital increase referred to herein have not been and will not be registered under the U.S. Securities Act of 1933, as amended, and may not be offered or sold, directly or indirectly, in the United States except pursuant to an exemption from registration.