Olivetti: un futuro nelle applicazioni digitali grazie alla fusione con Telecom Italia Digital Solutions

15/05/2015 - 18:10

- + Text size
Stampa

La “Nuova Olivetti” partirà con circa 430 persone delle quali circa 230 di Olivetti e le restanti proverranno dalla fusione per incorporazione di TIDS (Telecom Italia Digital Solutions) Circa 300 lavoratori Olivetti passeranno in Telecom Italia (230) o saranno gestiti con outplacement e prepensionamenti (70)

Olivetti ha presentato ieri alle Organizzazioni sindacali un piano di ristrutturazione e rilancio della società basato sul nuovo Piano Industriale 2015--2017 focalizzato su una radicale trasformazione dell’azienda attraverso il progetto di fusione con Telecom Italia Digital Solutions (TIDS) che darà vita ad  un unico Polo Telecom Italia che presidierà l’innovazione nel digital e dei verticals di interesse strategico.

Olivetti e Telecom Italia Digital Solutions rappresentano già oggi, per il Gruppo Telecom Italia, i principali poli di presidio in ambito ICT per le componenti innovative. In particolare, sul segmento Business:

  • Olivetti presidia la realizzazione di soluzioni hardware specializzate e sta operando un progressivo riposizionamento in ambito soluzioni digitali integrate;
  • TIDS si focalizza sulla parte alta della catena del valore ICT, promuovendo la realizzazione e lo sviluppo di soluzioni PaaS (Platform as a Service), Cloud per PMI e M2M/IoT (Machine to Machine/Internet of Things).

Il Piano Industriale Olivetti si sviluppa in due principali fasi:

a) ristrutturazione di Olivetti nel 2015;

b) fusione per incorporazione di TIDS e avvio della nuova struttura societaria («Nuova Olivetti »).

L’attuale organico di Olivetti è composto da 538 risorse. Il piano di ristrutturazione prevede che circa  230 persone passino in Telecom Italia mentre per altre circa 70 è previsto l’outplacement su base volontaria o il prepensionamento, mentre i restanti 230 lavoratori, come detto, entreranno nella Nuova Olivetti.

Dal punto di vista industriale la “Nuova Olivetti” post-fusione con TIDS svilupperà un posizionamento distintivo di competenze sul digitale in particolare per le PMI. Il piano sarà oggetto di ulteriori approfondimenti con le Organizzazioni sindacali.

Ivrea, 15 maggio 2015