Women&Technologies® 2009: la tecnologia è donna

06/11/2009 - 12:00

- + Text size
Stampa

Convegno e assegnazione del premio “Le Tecnovisionarie®”

lunedì 9 novembre 2009
Conferenza aperta al pubblico (9.30-18.00)
Cena e premiazione su invito (20.00)
Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci”
Via San Vittore 21 – Milano

Se è vero che esistono eccellenti esempi di donne presidenti o primi ministri, manager o stiliste – e proprio in questi giorni è per la prima volta donna il Premio Nobel nell’economia – anche il campo della tecnologia è una straordinaria testimonianza di talento al femminile. Nell’Anno Europeo dedicato a creatività e innovazione Milano si anima con la seconda edizione della conferenza internazionale “Women&Technologies®” (lunedì 9 novembre, ore 9.30-18.00: ingresso libero su prenotazione a www.womentech.info) e del premio “Le Tecnovisionarie®”.

COSA
“Women&Technologies®” vuole affermare – contro ogni luogo comune – che la tecnologia è anche “donna”. Una visione del rapporto tra donne e tecnologia, però, non come problematica di genere ma come strumento per identificare e valorizzare il talento nella ricerca, nello sviluppo tecnologico e nell’innovazione, in un periodo in cui Milano si prepara all’Expo 2015.

CHI
Al centro le persone, con le proprie esperienze e il loro bagaglio professionale e culturale. Tra le altre: Daniela Bellomo, Director Biotechnology Transfer Centre – San Raffaele Biomedical Science Park; Maria Grazia Filippini, Vicepresidente Sun Microsystems Italia; Patrizia Grieco, Ad Olivetti - Gruppo Telecom Italia; Ouejdene Mejri (Tunisia), ricercatrice Politecnico di Milano; Letizia Melina, Responsabile Innovazione digitale MIUR; Alessandra Perrazzelli, CEO Intesa Sanpaolo Eurodesk; Isabella Rauti, Capo dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri; Serenella Sferza (USA), Co-director MIT Italy Program. Ma non mancheranno gli uomini, a rafforzare la presenza e l’incisività femminile. Tra gli altri: Yves Confalonieri, Direttore R.T.I. Interactive Media; Bruno Siciliano, Professor of Control and Robotica – Università degli Studi di Napoli Federico II; Michele Vianello, Direttore Generale Parco Scientifico e Tecnologico di Venezia (VEGA) (programma completo su www.womentech.info). Ideatrice e Chairperson della conferenza è Gianna Martinengo, che dichiara: “Le donne, portatrici di una visione sempre attenta alla persona e alle componenti umanistiche di ogni problema possono dare un contributo originale all'innovazione. Innovazione che va intesa come la capacità di includere punti di vista diversi per far emergere nuove domande e nuove soluzioni.

PERCHÈ
Tre domande guideranno il dibattito:
• Non solo tecnologie ma persone: quali competenze e professionalità sono necessarie per far fronte alla trasformazione dei modelli organizzativi, economici e comunicativi a cui assistiamo?
• La trasversalità delle tecnologie può renderle l’ideale terreno d’incontro delle diverse discipline, quelle formali e quelle umanistiche?
• Come motivare i giovani, la “generazione 2015”, verso scelte professionali fondate su questa trasversalità?

DOVE
Ospiterà la conferenza il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia, partner del progetto. Rappresentare un luogo fondamentale per la comprensione dei fenomeni scientifici e del loro impiego tecnologico e pratico: è questa la missione del Museo milanese dedicato al genio di Leonardo da Vinci.

LE TECNOVISIONARIENell’ambito della giornata (cena di gala con ingresso su invito) sarà assegnato il premio “Le Tecnovisionarie®” 2009. Un riconoscimento dedicato a donne capaci di “inventare il futuro” creando tecnologie: l'anno scorso sono premiate Fiorella Operto (Associazione Scuola di Robotica, Genova), Nik Nailah Binti Abdullah (National Institute of Informatics, Tokyo) e Fiorina Facchinetti Berti (Presidente Faber System S.r.l.), rispettivamente come vincitrice, premio speciale e segnalazione. Le tecnovisionarie 2009 sono state proposte e votate sul web (www.womentech.info) e le vincitrici usciranno dall’ultima selezione composta da una qualificata giuria.

365 GIORNI ALL’ANNO
“Women&Technologies®” e il premio “Le Tecnovisionarie®” non sono un evento di un giorno. Oltre al lavoro portato avanti dall’organizzazione, già dalla prima edizione sono stati aperti gruppi dedicati sui principali social network e la rete di professionisti ed esperti intorno al tema cresce di giorno in giorno: un laboratorio fisico e virtuale sui temi della ricerca, dello sviluppo tecnologico e dell’innovazione.