INWIT: Approvati i risultati preliminari al 31 dicembre 2015 e presentato il piano industriale 2016 - 2018

03/02/2016 - 17:31

- + Text size
Stampa


RICAVI DEI NOVE MESI 2015: 239,2 MILIONI DI EURO (318,9 MILIONI SU BASE ANNUA RISPETTO AI 314 DEL PRO-FORMA 2014)

FORTE INCREMENTO DEI RICAVI DA ALTRI OPERATORI (+12% RISPETTO AI DATI STORICI 2014)

EBITDA DEI NOVE MESI 2015: 108,2 MILIONI DI EURO (144,3 MILIONI SU BASE ANNUA, RISPETTO AI 134,6 MILIONI DEL PRO-FORMA 2014)

MARGINE EBITDA DEL 45,2%, CON UN AUMENTO SUPERIORE A 200BPS RISPETTO AL PRO-FORMA 2014

INDEBITAMENTO FINANZIARIO NETTO: 48,1 MILIONI DI EURO

 

APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2016 - 2018:

 

OBIETTIVO DI CRESCITA ANNUALE DELL’EBITDA “high single digit”

OLTRE 135 milioni di euro DI INVESTIMENTI IN ITALIA

FORTE IMPULSO ALLO SVILUPPO DELLE SMALL CELLS CON L’OBIETTIVO DI OLTRE MILLE TENANT AL 2018

 

 

Il Consiglio di Amministrazione di Infrastrutture Wireless Italiane S.p.A. (INWIT), riunitosi oggi sotto la presidenza di Francesco Profumo, ha esaminato e approvato i risultati preliminari di fine esercizio al 31 dicembre 2015.

Il Consiglio ha inoltre esaminato e approvato il Piano Industriale 2016 - 2018.

Il Consiglio di Amministrazione di INWIT esaminerà il progetto di bilancio al 31 dicembre 2015 in data 11 marzo 2016.

***

Principali risultati al 31 dicembre 2015

I risultati preliminari relativi al periodo di nove mesi dell’esercizio 2015 (1 aprile 2015 – 31 dicembre 2015) evidenziano una significativa crescita dei ricavi e dei livelli di efficienza, con entrambi i dati che registrano una performance superiore alle previsioni.

I ricavi al 31 dicembre 2015 sono pari a 239,2 milioni di euro, di cui: 190,0 milioni di euro da Telecom Italia sulla base del Master Service Agreement (‘MSA’), e 49,2 milioni di euro dagli OLO, in rialzo del 12,0% sull'importo comparabile del 20141.

Su base annua, i ricavi per l’esercizio 2015 ammontano a 318,9 milioni di euro (314,0 milioni di euro nel proforma del 2014), di cui 253,3 milioni di euro da Telecom Italia (253,0 milioni di euro nel proforma2 2014) e 65,6 milioni di euro dagli OLO (61,0 milioni di euro nel proforma 2014).

Nel quarto trimestre 2015, in linea con gli obiettivi dei contratti di co-tenancy, INWIT ha aumentato il numero di Tenant diversi da Telecom Italia di circa 150 unità, portando il rapporto di locazione a 1,62x3. In aggiunta, 75 nuovi siti sono stati ordinati e circa il 40% di questi sono già stati realizzati.

Inoltre, nel quarto trimestre 2015 sono stati avviati tre nuovi progetti di micro-copertura in aree a grande concentrazione di clienti e traffico. Con queste ulteriori implementazioni, INWIT porta a cinque il numero totale di luoghi che saranno coperti da “small cells”

L’EBITDA al 31 dicembre 2015 si attesta a 108,2 milioni di euro; il margine sui ricavi è pari al 45,2%, un incremento superiore a 200 bps rispetto al proforma dello stesso periodo del 2014.

Su base annua, l’EBITDA per l’esercizio 2015 ammonta a 144,3 milioni di euro (rispetto ai 134,6 milioni di euro del proforma 2014).

L’incremento dell’EBITDA di periodo è superiore di oltre 4,9 milioni di euro al target definito in fase di IPO di 103,3 milioni di euro. Questa performance è stata determinata:

  1. dalla crescita dei ricavi sopra descritta
  2. dalla riduzione dei costi di affitto a seguito del piano di dismissione e smantellamento contrattualizzato con Telecom Italia (65 Siti sono stati già dismessi e smantellati, circa 250 Siti sono stati dismessi e saranno smantellati nel 2016) e dalla rinegoziazione di circa  2.000 contratti di affitto

 

L’indebitamento finanziario netto al 31 dicembre 2015 è pari a 48,1 milioni di euro, in riduzione di oltre 70 milioni di euro rispetto alla data del Conferimento grazie a una forte generazione di cassa;  il rapporto Debito Netto/EBITDA 2015 su base annua si attesta dunque a 0,3x.

***

Piano Industriale 2016 - 2018

Il Piano Industriale 2016 - 2018 prevede il raggiungimento di un rapporto di tenancy di circa 1,9x entro il 2018, e una crescita annua “high-single digit” dell’EBITDA.

Previsti, inoltre, oltre 135 milioni di euro di investimenti nei prossimi tre anni.

Per il Business Organico, il Piano prevede:

  • una crescita “mid-single digit” per i Tenant diversi da Telecom Italia
  • lo smantellamento di circa 1000 siti dismessi da Telecom Italia entro il 2018
  • la prosecuzione delle attività di rinegoziazione degli affitti e di sostituzione di siti eccessivamente costosi
  •  un accelerato piano di acquisto della proprietà dei terreni e di diritti d’uso pluriennali dei tetti su cui sono installate le infrastrutture della società. Grazie a questo piano INWIT, alla fine del 2018, dovrebbe avere in proprietà o in diritto d’uso pluriennale il 15% dei suoi siti4

Inoltre INWIT prevede un significativo piano di investimento in micro-coperture di località ad alta concentrazione di utilizzatori e traffico a fronte della poderosa crescita prevista di tale mercato.

“I risultati di fine anno sono migliori delle previsioni comunicate agli investitori in sede di IPO e confermano la credibilità della nostra storia industriale. Stiamo perseguendo diligentemente il nostro percorso di crescita organico, aumentando i Tenant e i ricavi, riducendo progressivamente i costi e investendo in nuovi servizi al fine di creare infrastrutture wireless  “a prova di futuro”, ha commentato Oscar Cicchetti, CEO di INWIT.

La nostra infrastruttura unica, il nostro approccio rigoroso, la nostra innovazione continua, e le relazioni chiave che intratteniamo con i clienti rappresentano le principali leve su cui stiamo costruendo le fondamenta della nostra crescita futura.

“Il Piano 2016-2018 mira essenzialmente a rafforzare la leadership di INWIT. Nel prossimo triennio puntiamo a garantire ulteriore aumento dei ricavi, grazie alla crescita di ospiti sulle nostre infrastrutture, alla costruzione di nuovi siti, alla realizzazione di infrastrutture wireless di nuova generazione come le small cells che saranno fondamentali per lo sviluppo delle reti mobili di quinta generazione e un miglioramento della redditività derivante principalmente dal rigoroso controllo dei costi e dall’acquisto della proprietà o dei diritti d’uso pluriennali dei terreni e dei tetti che ospitano le nostre infrastrutture. Manterremo infine una rigida disciplina finanziaria con l’obiettivo, fra gli altri, di garantire una eccellente remunerazione dei nostri azionisti. In particolare proporrò al CdA ed all’Assemblea degli Azionisti la distribuzione, per l’esercizio 2015, di un dividendo pari al 90% del Net Income - ha concluso Oscar Cicchetti.

 

Tematiche di Corporate Governance

Il Consiglio di Amministrazione ha preso atto della nomina del Consigliere Cristina Finocchi Mahne quale Presidente del Comitato per le nomine e la remunerazione, carica che era rimasta vacante a seguito delle dimissioni del Professor Umberto Tombari.

***

I risultati economici e finanziari della Società al 31 dicembre 2015 verranno illustrati alla comunità finanziaria durante una conference call che si svolgerà mercoledì 3 febbraio 2016 alle ore 17:30 (ora italiana). I giornalisti potranno seguire telefonicamente lo svolgimento della presentazione, senza facoltà di effettuare domande, collegandosi al numero: +39 06 33168.

La presentazione a supporto della conference call sarà resa disponibile sul sito della società: www.inwit.it nella sezione Investitori.

Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili-societari, Rafael Giorgio Perrino, dichiara, ai sensi del comma 2, art. 154 - bis del Testo Unico della Finanza, che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili.


____________________________________

(1) Il dato storico relativo ai nove mesi considerati è determinato sulla base dei ricavi storici registrati ante conferimento dal ramo d’azienda torri in capo a Telecom Italia nell’esercizio 2014, ripartiti sul medesimo periodo.

(2) I dati pro forma sono derivati dalle informazioni finanziarie proforma per l’esercizio chiuso al 31 dicembre 2014 come rappresentate nel Prospetto di quotazione della società.

(3) Esclude circa 250 siti in corso dismissione.

(4) Il perimetro del piano di acquisto esclude i siti di proprietà di Telecom Italia.


*****

Disclaimer

Il presente comunicato contiene elementi previsionali su eventi e risultati futuri di INWIT che sono basati sulle attuali aspettative, stime e proiezioni circa il settore in cui INWIT opera e sulle attuali opinioni del management. Tali elementi hanno per loro natura una componente di rischio ed incertezza perché dipendono dal verificarsi di eventi futuri. Si evidenzia che i risultati effettivi potranno differire in misura anche significativa rispetto a quelli annunciati in relazione a una molteplicità di fattori tra cui: condizioni economiche globali, impatto della concorrenza, sviluppi politici, economici e regolatori in Italia.

 

Si segnala che la Società è stata costituita in data 14 gennaio 2015 e, pertanto, non sono disponibili i dati relativi al corrispondente periodo dell’esercizio precedente (i.e. relazione semestrale al martedì 30 settembre 2014). Tuttavia, ai fini del relativo confronto, sono stati predisposti i dati finanziari Pro-forma al fine di simulare, secondo i criteri di valutazione coerenti con quelli adottati dalla Società e conformi alla normativa di riferimento, i principali effetti economici del Conferimento del Ramo d’Azienda come se lo stesso fosse virtualmente avvenuta in data 01 gennaio 2014. 

 

Milano, 3 febbraio 2016