INWIT: approvata dal consiglio di amministrazione la relazione finanziaria annuale al 31 dicembre 2015

11/03/2016 - 22:23

- + Text size
Stampa


  • RICAVI DEI NOVE MESI 2015: 239,2 MILIONI DI EURO (318,9 MILIONI DI EURO SU BASE  ANNUA, IN CRESCITA RISPETTO AI 314 MILIONI DI EURO DEL PRO-FORMA 2014)
  • EBITDA DEI NOVE MESI 2015: 108,2 MILIONI DI EURO (144,3 MILIONI DI EURO SU BASE ANNUA, IN AUMENTO RISPETTO AI 134,6 MILIONI DI EURO DEL PRO-FORMA 2014)
  • EBIT DEI NOVE MESI: 95,5 MILIONI DI EURO (127,3 MILIONI DI EURO SU BASE ANNUA RISPETTO AI 124,5  MILIONI DI EURO DEL PRO-FORMA 2014)
  • UTILE NETTO: 62,9 MILIONI DI EURO (83,9 MILIONI DI EURO SU BASE ANNUA RISPETTO A 82,2 MILIONI DI EURO DEL PRO-FORMA 2014)
  • INDEBITAMENTO FINANZIARIO NETTO: 48 MILIONI DI EURO, IN DIMINUZIONE DI CIRCA  84 MILIONI DI EURO  SE CONFRONTATO CON IL DATO AL 1 APRILE 2015 (PRIMO GIORNO DI OPERATIVITA’ DELLA SOCIETA’)  
  • PROPOSTA DISTRIBUZIONE DIVIDENDO PARI A 9,45 EURO CENT PER AZIONE, PER UN AMMONTARE TOTALE DI CIRCA 57 MILIONI DI EURO
  • ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI CONVOCATA IN DATA 19 APRILE 2016

Cicchetti: “I RISULTATI 2015 SONO STATI SUPERIORI ALLE PREVISIONI E CONFERMANO LA SOLIDITA’ DELLA NOSTRA STORIA INDUSTRIALE. ABBIAMO UN PATRIMONIO DI INFRASTRUTTURE DI ELEVATA QUALITA’, STRATEGIE CHIARE E SEMPLICI E CAPACITA’ DI TRASFORMARLE IN RISULTATI CONCRETI. IL NOSTRO PERCORSO DI CRESCITA, INNOVAZIONE E CREAZIONE DI VALORE PROSEGUIRA’ NEI PROSSIMI ANNI. INWIT NON E’ SOLO IL MAGGIORE OPERATORE DI INFRASTRUTTURE WIRELESS ITALIANE MA ANCHE IL PILASTRO FONDAMENTALE DI QUALUNQUE PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO"

Il Consiglio di Amministrazione di INWIT, riunitosi oggi sotto la presidenza di Francesco Profumo, ha esaminato ed approvato il resoconto di gestione al  31 dicembre 2015.

I risultati relativi al periodo di esercizio operativo 1 aprile – 31 dicembre 2015 evidenziano una significativa crescita dei ricavi e dei livelli di efficienza, con entrambi i dati che registrano una performance superiore alle previsioni.

I Ricavi al 31 dicembre 2015 sono pari a 239,2 milioni di euro, di cui: 190,0 milioni di euro (con un’incidenza del 79,4% sul totale) da Telecom Italia sulla base  del Master Service Agreement (‘MSA’) e 49,2 milioni di euro dagli altri Operatori (20,6% sul totale) regolati da accordi commerciali di durata pluriennale, in rialzo del 12,0% sull'importo comparabile del 2014.

Su base annua, i ricavi ammontano a 318,9 milioni di euro (314,0 milioni di euro nel proforma del 2014), di cui 253,3 milioni di euro da Telecom Italia e 65,6 milioni di euro dagli OLO (61,0 milioni di euro nel proforma 2014).

Nei nove mesi di operatività INWIT ha sottoscritto 800 nuovi contratti, conseguendo un numero medio di Tenants per sito pari a 1,62x (tenancy ratio) al 31 dicembre 2015.

L’EBITDA di periodo ammonta a 108,2 milioni di euro con un’incidenza del 45,2% sui ricavi, con un incremento superiore a 200 bps rispetto al proforma dello stesso periodo del 2014 (+7,2% YoY). Il risultato è superiore al target previsto in fase di IPO (103,3 milioni di euro).

Tale risultato riflette, oltre alla crescita dei ricavi, anche l’efficienza realizzata sui costi per locazione di spazi pari a 113,0 milioni di euro, di cui 94,7 milioni di Euro relativi a contratti con terze parti, questi ultimi in riduzione di 6,1 mln di euro rispetto al dato comparabile del 2014) derivanti dal piano di dismissione e smantellamento contrattato con Telecom Italia e dalla rinegoziazione di circa 2.000 contratti di affitto.

Su base annua l’EBITDA per l’esercizio 2015 ammonta a 144,2 milioni di euro (rispetto ai 134,6 milioni di euro del proforma 2014).

L’EBIT si attesta a  95,5 milioni di euro con un’incidenza sui ricavi del 39,9%, in crescita di oltre 2  milioni di euro rispetto al proforma dello stesso periodo del 2014 (+2,2% YoY).

Gli ammortamenti e svalutazioni ammontano a 12,7 milioni di euro e includono, oltre agli ammortamenti ordinari per 8,8 mln di euro, minusvalenze realizzate a seguito dello smantellamento di 65 siti per 0,9 milioni di euro e svalutazioni relative ai siti in corso di smantellamento nel 2016 per 3,0 milioni di euro.

L’Utile netto è pari a 62,9 milioni di euro con un’incidenza sui ricavi del 26,3% ed è interamente distribuibile.

Su base annua, l’utile netto per l’esercizio 2015 ammonta a 83,9 milioni di euro (+2,1% rispetto a 82,2 milioni di euro del proforma 2014).

Gli Investimenti del periodo, pari a 12,5 milioni di euro, sono relativi alla manutenzione straordinaria degli impianti, all’acquisto di software ed all’avvio del piano di acquisto di terreni e lastrici solari su cui sono installate le infrastrutture.

L’Operating Free Cash Flow è positivo per 73,1 milioni di euro.

L’indebitamento finanziario netto al 31 dicembre 2015 è pari a 48,0 milioni di euro, in riduzione di oltre 84 milioni di euro rispetto al dato del primo giorno di operatività (1 aprile 2015) soprattutto grazie a una forte generazione di cassa; il rapporto Indebitamento Finanziario Netto/EBITDA 2015 su base annua si attesta a 0,3x.

                                                                        ***

EVENTI SUCCESSIVI AL 31 DICEMBRE 2015

INWIT ha perfezionato in data 11 gennaio 2016 l’acquisto di 76 siti per reti di telefonia mobile in Lombardia localizzati principalmente nella provincia di Brescia.

L’operazione, realizzata attraverso l’acquisto delle società Gestione Due S.r.l., Gestione Immobili S.r.l. e Revi Immobili S.r.l. per un corrispettivo complessivo di euro 7,9 milioni, si inquadra nella strategia di continuo miglioramento del profilo reddituale e di consolidamento della leadership di mercato che INWIT sta perseguendo in Italia.

                                                                        ***

EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE PER L’ESERCIZIO 2016

Il mercato delle infrastrutture per reti radio è interessato da un profondo processo di trasformazione indotto dalla crescita di connessioni a banda larga in mobilità e di traffico dati, per effetto dell’utilizzo sempre più diffuso di immagini e video nella comunicazione e nelle applicazioni personali e professionali.

In tale contesto, come annunciato nel Piano 2016–2018, la Società continuerà il suo percorso di crescita valorizzando il proprio patrimonio di infrastrutture e cogliendo tutte le opportunità legate all’evoluzione delle reti mobili.

In primo luogo proseguirà la crescita di clienti e ricavi tradizionali grazie alle ospitalità garantite nel contratto con Telecom Italia ed allo sviluppo commerciale favorito dalla domanda di infrastrutture da parte degli operatori mobili e di altri utilizzatori di reti radio.

INWIT conferma il suo obiettivo di portare il numero di ospiti per sito (tenancy ratio) dall’iniziale 1,55 del 1 aprile 2015 a 1,9 a fine 2018. A fine 2015 tale indicatore era già salito a 1,62.

La Società prevede, altresì, di continuare il proprio piano di efficienza  mantenendo un’organizzazione snella e puntando alla progressiva contrazione dei costi di affitto attraverso un continuo piano di rinegoziazione dei contratti, l’acquisto di terreni e lastrici solari dove sono installati gli impianti e la dismissione dei siti prevista nel contratto con Telecom Italia.

Infine la società intende cogliere tutte le opportunità  legate alla densificazione delle reti degli operatori che richiederà nuovi siti  tradizionali ma soprattutto coperture microcellulari (small cells).

La Società ha avviato un piano aggressivo di coperture microcellulari multioperatore nei luoghi a maggiore densità di utilizzatori e traffico dati che dovrebbe portare ad oltre 80 grandi location attrezzate entro il 2018 e generare nuovi flussi di ricavi che al 2020 potrebbero costituire il 4% dei ricavi totali.

                                                                    ***

 TEMATICHE DI CORPORATE GOVERNANCE

Il Consiglio di Amministrazione ha esaminato la documentazione che sarà messa a disposizione degli Azionisti in vista dell’assemblea approvando, fra l’altro, la Relazione sul governo societario e gli assetti proprietari e la Relazione sulla remunerazione.

Ha inoltre accertato la permanenza dei requisiti di composizione dell’organo nella sua collegialità, oltre che dei requisiti d’indipendenza ai sensi del Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana e dell’art 148 del Testo Unico della Finanza in capo a sei degli undici Consiglieri (Paola Bruno, Primo Ceppellini, Elisabetta Colacchia, Cristina Finocchi Mahne, Alessandro Foti e Paola Schwizer). Il Presidente Francesco Profumo si qualifica come indipendente soltanto ai sensi del Testo unico della finanza.

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI

Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di convocare l’Assemblea degli azionisti per il giorno 19 aprile 2016 (unica convocazione) presso l’auditorium di Rozzano (Milano), viale Toscana n. 3, per deliberare nella parte ordinaria in merito al Bilancio al 31 dicembre 2015, alla destinazione dell’utile, alla Relazione sulla remunerazione e alla nomina di un amministratore. Nella parte straordinaria, sulla proposta di fusione per incorporazione in INWIT di tre società interamente possedute (Revi Immobili S.r.l., Gestione Immobili S.r.l. e Gestione Due S.r.l.), acquisite lo scorso 11 gennaio (l’avviso di convocazione sarà reso disponibile entro i termini di legge sul sito internet della Società all’indirizzo www.inwit.it/assemblea). In particolare:

Bilancio

All’Assemblea sarà proposta l’approvazione del bilancio d’esercizio di INWIT S.p.A. che evidenzia un utile di netto di 62,9 milioni di Euro.

Destinazione dell’utile

All’Assemblea sarà proposto di destinare l’utile netto dell’esercizio 2015 alla distribuzione in favore degli Azionisti, a titolo di dividendo, di euro 9,45 centesimi di Euro per ognuna delle 600.000.000 azioni ordinarie che risulteranno in circolazione il 23 maggio 2016, data prevista per lo “stacco cedola”, per un importo complessivo di  56,7 milioni di Euro riportando a nuovo la parte residua, pari a 6,2 milioni di Euro.

Relazione sulla remunerazione

Agli Azionisti verrà presentata la relazione sulla remunerazione ai sensi dell’art. 123-ter del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58. L’Assemblea sarà chiamata ad esprimersi con deliberazione non vincolante sulla prima sezione della relazione relativa alla politica della Società in materia di remunerazione dei componenti gli organi di amministrazione, dei direttori generali e dei dirigenti con responsabilità strategiche per l’esercizio 2016.

Nomina di un amministratore

All’Assemblea sarà proposto di nominare Amministratore della Società Paola Bruno che, essendo stata cooptata nella riunione consiliare del 21 dicembre 2015, decade ex lege con la prossima Assemblea.

Fusione di società controllate

All’Assemblea sarà proposta l’approvazione del Progetto di fusione per incorporazione in INWIT delle tre società interamente controllate (Revi Immobili S.r.l., Gestione Immobili S.r.l. e Gestione Due S.r.l.), acquisite lo scorso 11 gennaio. L’efficacia civilistica dell’operazione, che sarà realizzata mediante la procedura semplificata prevista in caso di fusioni di società interamente possedute, è prevista entro la fine del primo semestre, con retrodatazione degli effetti contabili e fiscali al 1° gennaio 2016.

                                                                  ***

Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili-societari, Rafael Giorgio Perrino, dichiara, ai sensi del comma 2, art. 154 - bis del Testo Unico della Finanza, che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili.

                                                                  ***

Disclaimer

Il presente comunicato contiene elementi previsionali su eventi e risultati futuri di INWIT che sono basati sulle attuali aspettative, stime e proiezioni circa il settore in cui INWIT opera e sulle attuali opinioni del management. Tali elementi hanno per loro natura una componente di rischio ed incertezza perché dipendono dal verificarsi di eventi futuri. Si evidenzia che i risultati effettivi potranno differire in misura anche significativa rispetto a quelli annunciati in relazione a una molteplicità di fattori tra cui: condizioni economiche globali, impatto della concorrenza, sviluppi politici, economici e regolatori in Italia.

Si segnala che la Società è stata costituita in data 14 gennaio 2015 ed è pienamente operativa dal 1 aprile 2015 e, pertanto, non sono disponibili i dati relativi al corrispondente periodo dell’esercizio precedente (i.e. Bilancio al 31 dicembre  2014) ai fini del relativo confronto.

 

Milano, 11 marzo 2016