INWIT: esaminato e approvato dal Consiglio di Amministrazione il resoconto intermedio di gestione al 30 Settembre 2016

02/11/2016 - 18:03

- + Text size
Stampa


PRINCIPALI RISULTATI NEL TERZO TRIMESTRE 2016:

 

  • UTILE NETTO: 25,1 MILIONI DI EURO (+15,7% RISPETTO ALLO STESSO PERIODO DEL 2015)

  • RICAVI: 83,9 MILIONI DI EURO (+5,1% RISPETTO Al 3° TRIMESTRE DELLO SCORSO ANNO)

  • EBITDA: 41,7 MILIONI DI EURO (+15,2% RISPETTO AL 3° TRIMESTRE 2015) PREVISTO TREND DI CRESCITA 2015-2018 A UN TASSO “LOW TEENS”

  • INDEBITAMENTO FINANZIARIO NETTO: 60,9 MILIONI DI EURO (-21,4 MILIONI DI EURO RISPETTO AL 30 GIUGNO 2016)

 

  

PRINCIPALI RISULTATI NEI PRIMI NOVE MESI DELL’ANNO:

 

  • utile NETTO: 73,7 MILIONI DI EURO

  • ricavi: 248,8 milioni di euro

  • ebitda: 121,4 milioni di euro

 

Il Consiglio di Amministrazione di Infrastrutture Wireless Italiane S.p.A. (INWIT), riunitosi oggi sotto la presidenza di Francesco Profumo, ha esaminato e approvato il Resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2016 al fine di assicurare, su base volontaria e nelle more dei previsti chiarimenti normativi, continuità e regolarità d’informazione al mercato e riservandosi di valutare a tempo debito la politica di comunicazione finanziaria che la Società riterrà di adottare, una volta consolidato il quadro di riferimento.

 

Principali Risultati Consolidati al 30 settembre 2016

Nel primi nove mesi dell’anno INWIT ha confermato il trend di progressivo aumento del fatturato verso i principali operatori radiomobili diversi da TIM e di redditività delle proprie infrastrutture, con un ulteriore incremento del rapporto di co-tenancy e proseguendo il processo di contenimento dei costi di locazione passiva.

Il confronto con l’esercizio precedente considera solo i dati del terzo trimestre essendo l’azienda operativa solo dal 1° aprile 2015.

Più in dettaglio, nel terzo trimestre  2016 si evidenzia quanto segue:

I ricavi nel terzo trimestre sono pari a 83,9 milioni di euro (79,8 milioni di euro 3Q’15), in crescita del 5,1% rispetto allo stesso trimestre del 2015, di cui:

  • 63,3 milioni di euro derivanti del contratto di servizio verso TIM, il Master Service Agreement;

  • 19,9 milioni di euro da altri clienti, tra cui i principali gestori mobili italiani e altri operatori di reti radio;

  • 0,7 milioni di euro derivanti dalle ospitalità su siti di nuova realizzazione.

 

L’EBITDA è pari a 41,7 milioni di euro (36,2 milioni di euro 3Q’15), con un margine sui ricavi del 49,7% che riflette l’incremento dei tenant presenti sul parco siti e la riduzione dei costi di locazione degli spazi. La crescita dell’EBITDA 3Q’16 rispetto al 3Q’15 è di circa 6 milioni di euro, pari al 15,2% e  si dimostra superiore alle previsioni di crescita comunicate al mercato.

L’utile netto del trimestre si attesta a 25,1 milioni di euro (21,7 milioni di euro 3Q’15), con un incremento del 15,7% rispetto allo stesso trimestre del 2015.

Gli investimenti industriali al 30 settembre 2016 sono pari a 21,6 milioni di euro  a cui si deve aggiungere l’acquisizione delle partecipazioni totalitarie in  Revi Immobili S.r.l., Gestione Due S.r.l. e Gestione Immobili S.r.l. per un corrispettivo complessivo di 8,3 milioni di euro.

L’indebitamento finanziario netto a fine trimestre è pari 60,9  milioni di euro in diminuzione rispetto al 30 giugno 2016 di 21,4 milioni di euro.

 

"I risultati del trimestre sono positivi e confermano la solidità del nostro piano di crescita. Avevamo indicato l’obiettivo di una crescita dell’EBITDA nell’ordine del 10% che abbiamo puntualmente conseguito e superato per il secondo trimestre consecutivo. I ricavi e il numero di clienti ospiti sulle nostre torri sono in costante crescita confermando l’assoluto interesse del mercato verso la qualità dei nostri impianti”, commenta Oscar Cicchetti, Amministratore Delegato di INWIT. “Il percorso di accelerazione del piano, presentato nello scorso trimestre, è sulla buona strada sia nei servizi tradizionali che nelle componenti innovative relative alle microcoperture e al backhauling in fibra. Ci sono tutte le condizioni per continuare a valorizzare i nostri asset e a cogliere le opportunità legate allo sviluppo delle reti wireless di nuova generazione”.

 

***

Evoluzione prevedibile della gestione per l’esercizio 2016

Il mercato delle infrastrutture per radiomobili è interessato da un processo di trasformazione che sta portando gli operatori mobili a richiedere un numero sempre maggiore di celle e microcelle, per sostenere la crescita di connessioni a banda larga in mobilità e di traffico dati e l’espansione delle coperture 4G.

Tale contesto, favorito dalle strategie messe in campo dagli operatori per la condivisione degli asset, consente ad INWIT di continuare a incrementare il suo business tradizionale e di confermare il piano di accelerazione presentato lo scorso trimestre.

I due elementi principali per la realizzazione del piano riguardano:

  • l’incremento del rapporto di co-tenancy, che in questo trimestre passa a 1.70x rispetto al da 1.67x del precedente e che si prevede possa continuare a crescere nel 4° trimestre 2016.

  • la prosecuzione del piano di efficienza sui costi attraverso la dismissione di siti, la rinegoziazione dei contratti di affitto e l’acquisizione di terreni e diritti di superficie.

Si conferma anche l’accelerazione degli investimenti nel triennio 2016/2018 prospettata nel trimestre precedente. Il piano di costruzione di oltre 500 nuovi siti, in gran parte sostenuto da richieste  già pervenute, si dimostra in buono stato di avanzamento. Prosegue inoltre il  piano di sviluppo delle microcoperture cellulari ed è stata avviata la realizzazione delle prime  connessioni in fibra.

I risultati conseguiti e il piano di investimenti adottato consentono di confermare la previsione di una crescita dell’EBITDA “low teens” nell’arco di piano 2015-2018.

***

Eventi successivi al 30 settembre 2016

In data 1° ottobre è divenuta efficace la fusione per incorporazione delle tre società interamente controllate Revi Immobili S.r.l., Gestione Due S.r.l. e Gestione Immobili S.r.l. in INWIT. Ai fini contabili e fiscali, le operazioni delle società incorporate saranno imputate al bilancio di INWIT a far data dal primo gennaio 2016.

Dal 1° ottobre 2016 INWIT ha modificato il proprio assetto organizzativo attraverso la costituzione, a riporto dell’Amministratore Delegato, della funzione Business Support affidata a Silvia Ponzoni. Tale  funzione  ha il mandato organizzativo di coordinare le attività di amministrazione, finanza e controllo, i processi di acquisto e le attività di business development.

Silvia Ponzoni è un manager proveniente da TIM, con esperienza maturata nel campo dell’audit, di finance & administration, di coordinamento delle funzioni di staff in aziende  nazionali e internazionali.

Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato in data odierna di individuare la responsabile della Funzione Business Support, Silvia Ponzoni, quale Key Manager della Società.

 

Tematiche di corporate governance

Il Consiglio di Amministrazione ha nominato il Consigliere Giuseppe Gentili, in possesso dei requisiti d’indipendenza ai sensi del Testo Unico della Finanza e del Codice di Autodisciplina, componente del Comitato per le nomine e la remunerazione della Società.

Il Consiglio ha inoltre approvato una serie di modifiche ai Principi di Autodisciplina della Società volte a:

  • aggiornare i riferimenti al Codice di Borsa Italiana, con richiamo della versione di tempo in tempo in vigore,

  • superare la previsione dell’obbligo per Amministratori, Sindaci, key manager e persone agli stessi strettamente legate di astenersi dal compiere operazioni sulle azioni della Società nei periodi antecedenti la pubblicazione dei risultati periodici (c.d. Black out period), trattandosi di una materia adesso espressamente disciplinata dal Regolamento (UE) n. 596/2014 che è direttamente applicabile alle società italiane quotate,

  • semplificare le previsioni riguardanti il Comitato per il controllo e i rischi e il Comitato per le nomine e la remunerazione, mediante rinvio agli appositi regolamenti, oltre che apportare minori modifiche formali.

La versione aggiornata dei Principi di autodisciplina sarà resa disponibile sul sito internet della Società all’indirizzo www.inwit.it, nella sezione Governance/Sistema di governance.

***

 

I risultati economici e finanziari consolidati del gruppo Inwit al 30 settembre  2016 verranno illustrati alla comunità finanziaria durante una conference call che si svolgerà oggi 2 novembre 2016 alle ore 18:30 (ora italiana). I giornalisti potranno seguire telefonicamente lo svolgimento della presentazione, senza facoltà di effettuare domande, collegandosi al numero: +39 06 33168.

La presentazione a supporto della conference call sarà preventivamente resa disponibile sul sito della società www.inwit.it nella sezione Investitori.

 

***

 

Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili-societari, Rafael Giorgio Perrino, dichiara, ai sensi del comma 2, art. 154 - bis del Testo Unico della Finanza, che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili.

 


Roma, 2 novembre 2016

 

Disclaimer   

Il presente comunicato contiene elementi previsionali su eventi e risultati futuri di INWIT che sono basati sulle attuali aspettative, stime e proiezioni circa il settore in cui INWIT opera e sulle attuali opinioni del management. Tali elementi

hanno per loro natura una componente di rischio ed incertezza perché dipendono dal verificarsi di eventi futuri. Si evidenzia che i risultati effettivi potranno differire in misura anche significativa rispetto a quelli annunciati in relazione a una molteplicità di fattori tra cui: condizioni economiche globali, impatto della concorrenza, sviluppi politici, economici e regolatori in Italia.

Si segnala che le informazioni finanziarie relative al 3Q16 di INWIT presenti in questo documento sono tratte dal Resoconto intermedio di gestione al 30  settembre 2016 di INWIT redatto in conformità degli International Financial Reporting Standards, emanati dall'International Accounting Standards Board ed omologati dall'Unione Europea (definiti come "IFRS" ). Tale Resoconto intermedio non è soggetto a revisione.

Si segnala che la Società è stata costituita in data 14 gennaio 2015 e ha avviato la sua operatività il 1° aprile 2015 e i dati relativi al corrispondente periodo dell’esercizio precedente (Resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2015) includono solo 6 mesi di operatività, pertanto non sono utili ai fini del relativo confronto.