Le 100 migliori aziende Le 100 migliori aziende

Smart Working in USA

Le 100 migliori aziende

- + Text size
Stampa

Ha ancora senso essere legati a un ufficio e a orari di lavoro fissi mentre il mondo si connette da una parte all'altra del globo attraverso Internet? Evidentemente non molto, come dimostra anche il fatto che lo smart working è una modalità di lavoro che continua a espandersi, anno dopo anno.

La tendenza è evidente un po' ovunque, ma – come spesso accade - sono gli Stati Uniti a guidare il processo: nel corso di un solo anno – come ha rilevato il report del portale FlexJobsle offerte di “lavoro smart sono cresciute del 36%, mentre 40mila sono le aziende che hanno offerto lavori di questo tipo negli USA.

In assoluto, le offerte di smart working più numerose riguardano posizioni nel mondo dell'informatica e dell’Information Technology, seguite da vendita, servizio clienti e marketing. Copywriter, ingegneri, consulenti sanitari: sono sempre di più i lavori che si possono svolgere in remoto e gestendo in autonomia i tempi.

Ma quali sono le aziende statunitensi che primeggiano nell’offerta di lavori in remoto? FlexJobs ha stilato un elenco, analizzando i singoli lavori offerti dalle diverse società e la libertà effettiva nel poter scegliere quando e dove lavorare. Il risultato è la lista delle 100 migliori aziende degli Stati Uniti se desiderate liberarvi dell'ufficio.

Al primo posto si trova LiveOps: azienda di call center californiana nata nel 2000, leader nel servizio clienti svolto in remoto. Tutti gli operatori del call center, quindi, rispondono e fanno telefonate direttamente dalla loro abitazione. Al secondo posto c'è TeleTech, società del Colorado che offre servizi di consulenza a imprese terze. Sull'ultimo gradino del podio ecco il primo vero colosso della Silicon Valley: Amazon. Segue Sutherland Global Services, UnitedHealth Group, le aziende informatiche Dell e IBM.

All'ottavo posto, si classifica il dipartimento dell'Agricoltura del governo degli Stati Uniti; il che dimostra come anche nel pubblico si possano seguire i trend più recenti nel mercato del lavoro. Scorrendo ulteriormente la classifica, si incontrano società del calibro di American Express (20°), Xerox (23°), Adobe (42°), Apple (47°) e anche aziende fondate nell'Ottocento come la General Electric (61°) e la compagnia di servizi finanziari Wells Fargo (72°).

Nella classifica compaiono società dell’hi-tech e del pubblico (nella classifica troviamo anche il dipartimento degli Interni e dei Trasporti), passando per aziende che hanno iniziato la loro attività quando le innovazioni tecnologiche più recenti erano il telegrafo e la ferrovia.

A maggior ragione, quindi, fa una certa impressione vedere come in questa top 100 manchino aziende all'avanguardia sotto molti altri aspetti: Google e Facebook, per esempio. Ma anche altri grandi nomi del web come Yahoo e Reddit.

Il caso di Yahoo è probabilmente il più famoso, visto che nel 2013 la nuova CEO Marissa Mayer aveva messo al bando il lavoro da casa, facendo notare come “le idee migliori avvengono grazie al confronto faccia a faccia e come la decisione fosse stata presa in quanto considerata “la migliore per la situazione dell'azienda e non un rifiuto dello smart working in generale.

Da allora, le cose per Yahoo non sono andate molto meglio. Il che però non significa che la colpa sia del divieto di lavorare da casa, visto che anche Google e Facebook, come accennato, hanno da tempo ridotto al minimo il lavoro remoto.

Per quanto riguarda Google, la stessa compagnia ha ammesso di “limitare il più possibile il lavoro da casa”, valutando le eccezioni caso per caso; mentre Facebook tollera il lavoro in remoto, ma non lo incoraggia e comunque è una pratica che rimane limitata a pochi giorni della settimana, nella maggior parte dei casi uno solo.

Nonostante queste significative eccezioni, lo smart working è sicuramente una delle tendenze del mondo lavorativo in più rapida evoluzione. E sono gli stessi imprenditori a sottolinearne i vantaggi. Secondo Kevin Kruse, fondatore, tra le altre, della società di e-learning AXIOM, i principali vantaggi sono ambientali ed ecologici, ma riguardano anche la possibilità dei dipendenti di avere più tempo da trascorrere con la famiglia, un ambiente di lavoro meno stressante, l'eliminazione dei lunghi viaggi da pendolare, la possibilità di evitare il traffico, il risparmio sulla benzina e un miglior equilibrio tra vita personale e professionale.

Per quanto invece riguarda l'aspetto imprenditoriale, è lo stesso Kruse a notare come si possa risparmiare parecchio in costi aziendali e come la necessità di “controllare” i lavoratori attraverso la loro presenza fisica in ufficio sia dovuta, nella sua opinione, al fatto che molti manager non sono in grado di stabilire obiettivi e risultati chiari e misurabili.