TIM e la Digital Life TIM e la Digital Life

TIM e la Digital Life

La nostra vita in una Smart City

- + Text size
Stampa

Nell’ultimo ventennio lo sviluppo della società è stato fortemente influenzato dalle innovazioni tecnologiche. La digitalizzazione delle informazioni ha coinvolto tutti gli ambiti della vita sociale, cambiando gli stili di vita, l’approccio al lavoro, la comunicazione tra le persone, il rapporto tra Stato e cittadini. Tutto questo ha un nome: è la Digital Life.

Nella Digital Life gli oggetti diventano riconoscibili e intelligenti, comunicano dati su se stessi e accedono a informazioni aggregate da altri oggetti. Se dovessimo quindi riassumere in una parola l’essenza della Digital Life, questa parola sarebbe connettività, il carburante senza il quale non può avvenire nessuno scambio digitale.

I territori tecnologici e reali, sui quali questi scambi hanno la loro maggiore concentrazione oggi, sono le città che, grandi o piccole che siano, tendono al sempre più diffuso modello di Smart City, ossia aree urbanizzate in cui diversi settori – quali edilizia, istruzione, sanità, così come la sicurezza e lo sviluppo economico - cooperano per offrire servizi ai cittadini grazie all’analisi delle informazioni in tempo reale offerte dalle tecnologie IoT (Internet of Things).

Smart City e Internet of Things

Il mondo è sempre più urbanizzato. Le città stanno diventando sempre più attraenti: alcune stime dicono che entro il 2050 più del 75% della popolazione mondiale vivrà in centri urbani.

Le azioni di sviluppo e ripensamento urbano orientate al modello della smart city stanno, quindi, assumendo sempre maggiore rilevanza nei programmi di intervento dei comuni italiani, proprio per supportare la crescente domanda di servizi (nuovi spazi abitativi, tutela delle risorse energetiche, gestione dei rifiuti, controllo del traffico, aree di svago).  

Inoltre si stima che entro il 2020 le città includeranno 10 miliardi di cose.

Abbiamo stimato che le terminazioni intelligenti dell'IoT cresceranno con un CAGR* del 35% dal 2013 al 2020, raggiungendo una base installata di 25 miliardi di unità, più della metà delle quali costituita da applicazioni di tipo consumatore-cittadino

Forecast: Internet of Things, Endpoints and Associated Services, Worldwide, 2014

È per questo che, tra tutte le azioni che favoriscono l’implementazione di nuove strategie per la città intelligente, quella più impattante sarà l’investimento nell'Internet of Things, da parte sia del pubblico, sia del privato.

Il mercato delle Smart City nel 2020: applicazioni e benefici

Casa intelligente: 45%, edilizia commerciale smart: 35%, trasporti intelligenti: 6,6%, utilities intelligenti: il 7%, servizi pubblici: 3%

Ricerca Gartner

* Compound Annual Growth Rate: il tasso annuo di crescita composto