Tutti sani nel futuro? Tutti sani nel futuro?

Lezione Sul Progresso #6

Tutti sani nel futuro?

- + Text size
Stampa

La sesta Lezione del 14 marzo 2016 vede sul palco Luca Pani, Direttore Generale dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) e Carlo Verdone, attore e regista  con la moderazione di Natasha Stefanenko, ingegnere metallurgico, attrice e presentatrice. 

Si parla dei meccanismi che regolano le nostre emozioni, generano le nostre ossessioni e di come la scienza influirà in futuro sulla nostra vita quotidiana.

Sei un docente e desideri far partecipare la tua classe dal vivo?

Iscriviti alla lezione mandando una mail di richiesta a lezionisulprogresso@fondazionetelecomitalia.it.

LEZIONE SUL PROGRESSO #6

Le emozioni sono una componente fondamentale di ciò che ci rende umani e dal loro equilibrio dipende, in larga parte, la nostra salute, non solo quella mentale.

Proprio le emozioni sono al centro di “Tutti sani nel futuro?”, il nuovo appuntamento di Lezioni sul Progresso, il ciclo di incontri organizzato da Fondazione Telecom Italia: un’occasione unica per scoprire le tematiche più interessanti della scienza, delle nuove tecnologie e della cultura contemporanea.

Il sesto incontro, coincidente con la prima tappa milanese dell’evento, si svolge il 14 marzo 2016 al Teatro San Babila di Milano. Con la moderazione di Natasha Stefanenko, dialogano sul palco l’attore e regista Carlo Verdone e Luca Pani, medico psichiatra e Direttore Generale dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA).

Insieme a loro compiamo un itinerario nella mente umana, alla ricerca dei meccanismi che regolano le nostre emozioni, generano le nostre ossessioni e sono responsabili di malattie anche gravi come la depressione.

Come possiamo controllare questi meccanismi così da vivere una vita emotiva più equilibrata? Quali passi avanti sta compiendo la medicina per aiutarci in questo campo? È possibile immaginare un futuro in cui saremo, per l’appunto, “tutti sani”?

Luca Pani

Luca Pani Direttore Generale dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)
Luca Pani Direttore Generale dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)

Luca Pani, Medico, specialista in Psichiatria, esperto di Farmacologia e Biologia Molecolare, Dirigente di Ricerca del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), attualmente ricopre l’incarico di Direttore Generale pro-tempore dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ed è parte della Facoltà e Dipartimento di Psichiatria e Scienze Comportamentali della Scuola di Medicina dell’’Università di Miami.

La sua attività professionale si è sviluppata lungo diverse direttrici che comprendono studi preclinici e attività clinica, come anche R&D di farmaci CNS, oltre ad un’intensa attività di insegnamento e clinica, l’attività regolatoria nazionale e internazionale per la Comunità Europea; la redazione, la valutazione e il coordinamento di Progetti di Ricerca; la pianificazione Strategica e partnership con gruppi di ricerca nazionali ed internazionali; la partecipazione ad Organismi e Comitati di consultazione internazionali.

Dal 2010 è Rappresentante per l’Italia presso il Comitato per i Medicinali ad Uso Umano (CHMP) e del Gruppo di Lavoro per la Consulenza Scientifica (SAWP), partecipante al Working Party on Central Nervous System(WP-CNS) e Chair dell’European Union Management Board Telematic Committee (EUMBTC); Chair dell’European Risk Management Strategy Facilitation Group (ERMS-FG) dell’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) a Londra.

Luca Pani è autore di oltre 140 pubblicazioni scientifiche. Editore e Autore di numerosi volumi. È stato invitato in qualità di relatore ad oltre 1000 tra conferenze, seminari e tavole rotonde nazionali ed internazionali.

Vai alla bio completa

 

 

Carlo Verdone

Carlo Verdone, attore e regista
Carlo Verdone, attore e regista

Carlo Verdone è nato a Roma il 17 Novembre 1950. Nel 1968 consegue la Licenza liceale classica.

Nel 1976 consegue la laurea in Lettere presso l’Università La Sapienza di Roma con una tesi dal titolo: “Influenza della letteratura italiana nel cinema muto italiano”. Voto 110. Dal 1974 al 1976 si iscrive al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, sotto la presidenza di Roberto Rossellini, e acquisisce il diploma in Regia Cinematografica con il saggio “Anjuta”, tratto da un racconto di A. Cecov.

 

Vai alla bio completa