Il drone e la bici, muoversi a livelli: eviteremo gli incidenti? Il drone e la bici, muoversi a livelli: eviteremo gli incidenti?

Lezione Sul Progresso #8

Il drone e la bici, muoversi a livelli: eviteremo gli incidenti?

- + Text size
Stampa

L'ottava Lezione sul Progresso si è svolta il 9 maggio 2016 al Teatro San Babila di Milano.

Sul palco si sono confrontati il ricercatore scientifico Paolo Santi e il campione di bike trial Vittorio Brumotti,

 

L'incontro è stato moderato, come sempre, da Natasha Stefanenko.

Lezione Sul Progresso #8

Il drone e la bici, muoversi a livelli: eviteremo gli incidenti?

Dopo le più recenti scoperte in ambito tecnologico, è ormai d'obbligo pensare a quella che sarà la mobilità del domani. Dai mezzi di trasporto pubblici sempre più innovativi alle automobili che si guidano da sole, sorge spontaneo domandarsi in che modo si evolverà il traffico. Con l'avvento dei droni e di un ulteriore prospettiva di movimento, sarà necessario, a breve, rivolgere gli occhi anche al cielo. 

Paolo Santi, ricercatore scientifico presso il Senseable City Lab del MIT e ricercatore capo presso l’Istituto di Informatica e Telematica del CNR, porterà il nostro sguardo oltre i confini della mobilità moderna, per scoprire quali saranno i trasporti del futuro e fra quanto tempo (e se) potremo finalmente liberarci dal traffico.

Accompagnato dal campione di bike trial e inviato di Striscia la Notizia, Vittorio Brumotti, vincitore di diversi Guinness dei Primati alla guida della sua bicicletta, ci aiuterà a capire se con il drone, la bici e il muoversi a livelli, finalmente... eviteremo gli incidenti?

Sei un docente e desideri far partecipare la tua classe dal vivo?

Iscriviti alla lezione mandando una mail di richiesta a lezionisulprogresso@fondazionetim.it

Sei un docente e desideri far partecipare la tua classe dal vivo?

Iscriviti alla lezione mandando una mail di richiesta a lezionisulprogresso@fondazionetim.it

Paolo Santi

Paolo Santi è Primo Ricercatore presso l’Istituto di Informatica e Telematica del CNR di Pisa e Research Scientist presso il MIT Senseable City Lab.
Paolo Santi è Primo Ricercatore presso l’Istituto di Informatica e Telematica del CNR di Pisa e Research Scientist presso il MIT Senseable City Lab.

Paolo Santi è Primo Ricercatore presso l’Istituto di Informatica e Telematica del CNR di Pisa, e Research Scientist presso il MIT Senseable City Lab dove dirige l’iniziativa Ambient Mobility in collaborazione con il Fraunhofer. Il Dr. Santi è Membro della IEEE Computer Society, ed è stato recentemente riconosciuto Distinguished Scientist dalla Association for Computing Machinery per contributi eccezionali nel campo della Computer Science. A partire dalla sua formazione come Computer Scientist, nel corso degli anni il Dr. Santi ha esteso i suoi interessi verso la modellazione ed analisi di reti e sistemi complessi, con particolare riguardo alla mobilità urbana ed ai sistemi per il trasporto intelligente. In questi campi, il Dr. Santi ha contribuito con oltre 120 articoli scientifici e due libri. I recenti studi del Dr. Santi sulla mobilita’ condivisa e sugli incroci intelligenti hanno avuto notevole rilevanza internazionale e sono stati citati, fra gli altri, dal New York Times, Newsweek, La Repubblica, il Corriere della Sera, etc.

Vittorio Brumotti

Vittorio Brumotti, meglio conosciuto come 100% Brumotti, è un atleta estremo, uno showman internazionale ed un volto noto della televisione italiana.
Vittorio Brumotti, meglio conosciuto come 100% Brumotti, è un atleta estremo, uno showman internazionale ed un volto noto della televisione italiana.

Vittorio Brumotti, meglio conosciuto come 100% Brumotti, nasce a Finale Ligure il 14 giugno del 1980.
A 11 anni la sua prima bici da trial. Mille sacrifici, mille viaggi e mille avventure sempre sulle due ruote per diventare un grande campione ed un grande personaggio. Oggi 100% Brumotti è un atleta estremo, uno showman internazionale ed un volto noto della televisione italiana, ma sempre con i piedi… sui pedali.
Circa tre anni fa, ispirato da un amico e collega inglese, decide di intraprendere una nuova avventura in sella ad una normale bici da corsa ed inventa uno stile nuovo ed esclusivo, il Road bike Freestyle.