WithYouWeDo per Liceo Classico Massimo D’Azeglio di Torino WithYouWeDo per Liceo Classico Massimo D’Azeglio di Torino

WithYouWeDo per Liceo Classico Massimo D’Azeglio di Torino

La storia digitale si scrive sui banchi. 

Stampa
- + Text size

Cos’hanno in comune Primo Levi, Cesare Pavese, Giulio Einaudi e Piero Angela?

Hanno studiato tutti al Liceo Classico Massimo D’Azeglio di Torino, fondato nel 1831.

Oggi l’Associazione Opere D’Azeglio Onlus con WithYouWeDo, promuove una raccolta fondi online per sostenere la ristrutturazione e la digitalizzazione di questo storico istituto.

Gli obiettivi della campagna di fundraising sono:

  • rinnovare le dotazioni tecnologiche del Liceo e digitalizzare la biblioteca, che conserva testi storici di grande interesse
  • sviluppare una app pensata per agevolare la comunicazione con gli studenti
  • sostenere i costi di ristrutturazione dell’Istituto, a partire dalla facciata principale su via Parini

La raccolta auspicata è di 50 mila euro.

TIM sosterrà l’iniziativa assicurando un contributo economico di 10 mila euro nel caso in cui la raccolta venga completata nel tempo prestabilito, ovvero 180 giorni.

WithYouWeDo da sempre sostiene il finanziamento di iniziative, idee e progetti che agiscono anche nell'ambito della cultura digitale, dove la scuola rappresenta uno dei soggetti più interessati.

 

Forse non tutti sanno che due importanti realtà italiane sono nate dall’intelletto e dall’intraprendenza di alcuni studenti dell’istituto, scopriamole insieme.

Amici scrittori.

Nel 1933 il ventunenne Giulio Einaudi fonda l’omonima casa editrice, avvalendosi della collaborazione di altri intellettuali amici ed ex studenti dell’Istituto accomunati da ideali di giustizia, impegno civile, antifascismo: Cesare Pavese, Leone Ginzburg, Massimo Mila, Norberto Bobbio.

Studenti nel pallone.

Alcuni studenti del Liceo con la passione del football fondarono la Juventus nel 1897.

Il nome fu preso dal latino iuventus, gioventù, per ricordare la giovane età dei calciatori.

Tre anni dopo la fondazione, la squadra partecipò per la prima volta al campionato nazionale con il nome di Sport Club Juventus.

Anche Gianni ed Edoardo Agnelli, futuri proprietari del Club, sono stati studenti del Massimo D’Azeglio.