Il crowdfunding in Italia nel 2015 Il crowdfunding in Italia nel 2015

Il crowdfunding in Italia nel 2015

L’economia collaborativa avanza: i dati della ricerca Crowdfunding Report

Stampa
- + Text size

Il fenomeno del crowfunding continua a crescere in Italia. È quanto emerge dalla ricerca condotta dall’Università Cattolica del Sacro Cuore, in collaborazione con TIM e coordinata da Ivana Pais, Professore associato di Sociologia economica nella facoltà di Economia.

Condivisione è la parola chiave dell’economia di questi anni ed è anche un trend in forte crescita nel nostro Paese, basti pensare che ad oggi l’Italia dispone di duecento piattaforme per la sharing economy.

Tra queste hanno un gran peso le community di crowdfunding che hanno registrato un incremento del 68% rispetto al 2014.

Il crowdfunding in numeri

Rispetto all’ultima rilevazione di maggio 2014, il numero delle piattaforme attive -attualmente sono 69 - è aumentato; la tipologia di piattaforma continua a essere prevalentemente nazionale (73%) o locale (14%), sono invece poche le piattaforme che guardano fuori dai confini nazionali (12%).

Anche i progetti ricevuti (+108%) e le campagne pubblicate (+67%) registrano una crescita.

La crescita non appare più legata, come in passato, all’imitazione di modelli stranieri di successo, ma alla specializzazione settoriale e territoriale; tra gli ambiti più in crescita, la cultura (73%) è al primo posto, le norme all’ultimo.

Dalla ricerca inoltre emerge che la vocazione culturale e sociale del crowdfunding italiano dipende dalle specificità del nostro tessuto socio-economico, ma è anche segnale di una debolezza del sistema dell’innovazione imprenditoriale.

Per quanto riguarda i modelli si registra uno squilibrio: tra le piattaforme attive in Italia, il 45% è basato su ricompense, seguono donazioni, piattaforme equity e quelle che si fondano sul debito. Le piattaforme ibride, che in Italia sono nove, hanno come modello più diffuso la somma di ricompense e donazioni.

Nei prossimi giorni sarà disponibile su questa pagina la ricerca completa scaricabile in PDF.

Digital Smart City