io Riciclo  io Riciclo

io Riciclo

Ai nastri di partenza il progetto per lo smaltimento di smartphone e tablet

Stampa
- + Text size

Non sai dove buttare il tuo vecchio telefonino o lo smartphone che non utilizzi più? Nulla di più facile: basta andare in un negozio TIM e consegnarlo. Penseranno loro a smaltirlo senza inquinare, facendo in modo che tutte le parti recuperabili vengano riciclate.
Non tutti lo sanno ma è partito sabato 21 ottobre il progetto pilota “io Riciclo” dedicato alla raccolta di telefonini e da rottamare che vede coinvolti un selezionato numero di punti vendita distribuiti su tutto il territorio nazionale. 

io Riciclo: i vantaggi della modalità "uno contro zero"

Io Riciclo è un servizio gratuito di raccolta dei device mobili in disuso, anche non funzionanti, attraverso una modalità innovativa detta “uno contro zero”, consegnando il tuo smartphone da rottamare non è infatti necessario acquistarne un altro. Questa modalità di raccolta, per i negozi  di piccole dimensioni, viene adottata da TIM, primo tra gli operatori di telecomunicazioni in Italia, in modo volontario.
Un recente studio promosso da Remedia  “Industria elettronica: prepararsi al cambiamento per cogliere nuove opportunità di crescita" condotto dall’Istituto IEFE dell’Università Bocconi, evidenzia come il tema dell’economia circolare si incrocia con una gestione innovativa del fine vita delle apparecchiature elettriche e elettroniche, non più “rifiuti” ma risorse da valorizzare.
Tre macro-dati sono sufficienti per comprendere la portata di questo cambiamento:
  • il risparmio nell’acquisto di materie prime, grazie al recupero dei materiali contenuti nei RAEE (Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche); 
  • l’impatto occupazionale, legato alle operazioni di trattamento e riciclo dei apparecchi elettronici; 
  • le emissioni di gas climalteranti risparmiate.
Il programma è sviluppato con la collaborazione del consorzio Remedia, leader in Italia nella progettazione e la realizzazione di servizi per la gestione dei RAEE delle pile e degli accumulatori esausti, contribuendo alla qualità ambientale della collettività.