Menù

MAXXIinWeb: con Telecom Italia e il MAXXI di Roma l'arte contemporanea si fa capire.

14/09/2011 - 12:31

Per la prima volta sul web l’arte contemporanea si svela al pubblico, accogliendo domande e offrendo materiali esclusivi.

maxxiIinweb-435x235


Dal 17 settembre al 15 dicembre 2011, presso l'Auditorium del museo con ingresso libero, si svolgeranno nove incontri con altrettanti “big” della creatività contemporanea che Telecom Italia rende disponibili gratuitamente al pubblico del web, in streaming live e on demand (fino al 31 dicembre 2011).

Architetti, artisti, fotografi e creativi di fama internazionale saranno intervistati da altrettanti protagonisti del mondo della cultura e racconteranno le loro idee e opere, il metodo con cui lavorano e il loro personale rapporto tra creatività e nuove tecnologie, rispondendo in diretta anche al pubblico della rete.

I protagonisti

Massimiliano Fuksas (17 settembre), Luigi Ontani (22 settembre), Enzo Cucchi (13 ottobre), Michelangelo Pistoletto (27 ottobre), Giulio Cappellini (10 novembre), Olivo Barbieri (17 novembre), Francesco Vezzoli (24 novembre), Fernando e Humberto Campana (1 dicembre), Moreno Cedroni (15 dicembre) accompagneranno il pubblico in questo viaggio tra le diverse forme creative, attraverso materiali esclusivi e particolari forme di interattività che renderanno la rete il canale privilegiato di contatto con la contemporaneità.

Obiettivo del progetto è quello di avvicinare il grande pubblico all’universo del contemporaneo, proponendo una chiave di lettura informale e dinamica per comprendere in modo semplice, sorprendente e mai banale le tendenze dell’arte e dell’architettura, avvalendosi delle più avanzate tecnologie messe a disposizione da Telecom Italia.

Con MAXXIinWeb Telecom Italia si conferma infatti azienda leader nella digital inclusion, mettendo a disposizione della rete, grazie agli streaming live e on demand, una iniziativa di alto profilo culturale in partnership con uno dei musei contemporanei più prestigiosi a livello internazionale.