Menu

“E’ bello avere tutto”, la nuova comunicazione di TIM: perché piace

23/01/2017 - 13:30

- + Text size
Stampa


Nel primi giorni del 2017 è partito in TV e poi sugli altri mezzi -  stampa, affissioni, web -  il nostro nuovo format di comunicazione. 
Lo spot di lancio ha avuto un riscontro molto positivo, come  emerge anche dai dati dal mondo dei social network raccolti sui nostri canali - Facebook, Twitter, Instagram, Youtube -, dal lancio a metà gennaio, con like, condivisioni, retweet, commenti.
Tutto merito di Just Some Motion, il ballerino tedesco molto seguito sul  web? O della musica travolgente?
Ne abbiamo parlato con  Dario Chirichigno, il responsabile Communication Consumer & Small Enterprise and Multimedia Entertainment.

700.000 visualizzazioni

19.000 interazioni complessive             

91% positivo il sentiment dei commenti

Come è nata questa comunicazione, quale è stata l’idea da cui siete partiti? E quale è il messaggio che vuole lanciare a chi la vede?
L’idea e la strategia della campagna sono nate al nostro interno, da Luca Josi, responsabile di Brand Strategy e Media. Volevamo trovare un format di comunicazione forte e distintivo non solo verso i nostri competitor.
Volevamo dare all’azienda una nuova comunicazione  che ribadisse la strategia di TIM basata sulla centralità del cliente, su offerte convergenti e soluzioni quadruple play.
Questa campagna quindi è molto legata al nostro posizionamento sul mercato: offrire agli Italiani le tecnologie più innovative dell’informazione e della comunicazione grazie alla realizzazione delle infrastrutture di rete a banda ultralarga e alla  diffusione  dei servizi di ultima generazione.
Per queste ragioni abbiamo voluto che avesse un DNA forte, rivoluzionario e d’impatto. L’idea creativa dalla quale è partita è stata proprio un video su youtube di Just Some Motion, un video che ha fatto milioni di visualizzazioni. Insomma  per conquistare anche i fanatici della connessione abbiamo scelto una star del web: JSM.
Digital Smart City

Il ballo è un linguaggio universale, trasversale e trasmette energia e positività. Comunica gioia. Il ballo è passione.

Dario Chirichigno

Quali sono le ragioni del suo successo? Perché piace?
Abbiamo attivato tutte le ricerche per capire punti di forza e anche di debolezza di questo format.
In attesa di conoscere i risultati posso dire che le ragioni del successo secondo me sono, oltre a una realizzazione di grande livello, la forza del brano musicale scelto e il ballo.
Il ballo è un linguaggio universale, trasversale e trasmette energia e positività. Comunica gioia. Il ballo è passione. 6 milioni di italiani sono iscritti a corsi di ballo. Il ballo è una forma di intrattenimento e di comunicazione che contamina il cinema, i format dei programmi TV e che risulta inverosimilmente contagiosa.
Dunque alla fine penso che siamo riusciti a creare, grazie al giusto mix di musica, testimonial e coreografie, una campagna pubblicitaria originale,  coinvolgente e in linea con le tendenze attuali.

 

 

Parliamo adesso del claim, cioè la frase sempre presente:  “E’ bello avere tutto”. A chi avete pensato facendo questa scelta?     
Abbiamo pensato a tutti i nostri clienti, a quello che vogliono e che noi possiamo offrire.  
“E’ bello avere tutto” significa poter avere in un’unica soluzione, con un unico operatore, fisso, mobile, fibra ultraveloce, contenuti Tv, musica, giochi.....In ogni momento della mia vita, dal lavoro al tempo libero, noi possiamo offrire la migliore connessione ma anche cellulare e Tv tutto comodamente in un’unica bolletta.
E, trasferendo tutto questo in sensazioni e immagini, il “bello di avere tutto” genera una leggerezza e un’allegria che si trasforma in un ballo contagioso di tutti i nostri clienti. Persone di ogni genere, razza ed età balleranno in ogni luogo, situazione, contesto: da soli, in gruppo, di giorno, di notte, a casa, in ufficio, all’aperto o sulla luna…
 
Abbiamo visto in questi giorni due nuovi spot in cui sono presentate alcune nostre offerte. C’è un rapporto fra le caratteristiche costanti - gli elementi che fanno appunto di una serie di spot un “format” di comunicazione-, e i contenuti dei nostri servizi?    
Direi di si almeno per due aspetti: la musica e il ballo. Sono elementi caratterizzanti la nuova campagna e, allo stesso tempo, sono legati ai contenuti digitali che offriamo sulle nostre piattaforme.
TIMmusic, per esempio, è il servizio di streaming con milioni di brani musicali.  
Il ballo, come dicevo prima, ha un forte aggancio con il mondo dell’entertainment televisivo e su questo fronte penso a TIMvision, con contenuti di grande richiamo dal cinema, alle serie Tv e lo sport, e un decoder, basato sul sistema Android, per usare la televisione di casa anche per i videogiochi (TIMgames) ed altri contenuti.  
Quindi torniamo all’idea espressa nel claim della nuova campagna: semplificare le vite dei clienti, sintetizzarne le esigenze, fornendo attraverso un solo strumento tutte le forme di intrattenimento che vogliono.